Un mio intervento in un documentario americano sull’omicidio di Kathleen Hunt Atwater Peterson

Uno stralcio del mio intervento all’interno di The Missing Pieces: The Staircase, un documentario sull’omicidio di Kathleen Hunt Atwater Peterson di cui ho scritto su questo blog, il regista è Philip Tatler IV.

 

I miei articoli sul caso:

Michael Peterson’s 911 call

The murder of Kathleen Hunt Atwater Peterson at the ‘hands’ of Michael Peterson

Michael Iver Peterson: a pathological liar and a murderer

Omicidio Marta Russo: analisi di alcune dichiarazioni di Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone

Ferraro e Scattone

Poche ore dopo la sentenza di primo grado emessa dalla Corte d’Assise di Roma il primo giugno 1999, Salvatore Ferraro (Locri, 24 gennaio 1967), condannato per favoreggiamento, e Giovanni Scattone (Roma, 7 febbraio 1968), condannato per omicidio colposo, hanno rilasciato un’intervista al giornalista Francesco Giorgino:

Francesco Giorgino: Scattone, alcune ore fa la sentenza, una condanna a 7 anni per omicidio colposo (…)

Giorgino sta fornendo a Giovanni Scattone la possibilità di negare in diretta nazionale di aver ucciso Marta Russo. 

Una negazione credibile è composta da tre componenti:

  • il pronome personale “io”;
  •  l’avverbio di negazione “non” e il verbo al passato “ho”, “non ho”;
  • l’accusa “ucciso tizio”.

La frase “io non ho ucciso Marta Russo”, seguita dalla frase “ho detto la verità” o “sto dicendo la verità” riferita a “io non ho ucciso Marta Russo”, è una negazione credibile. Anche “io non ho ucciso Marta Russo, ho detto la verità, sono innocente” è da considerarsi una negazione credibile.

Giovanni Scattone: E’ una sentenza che mi ha lasciato molto amareggiato e non me l’aspettavo assolutamente, ero convinto che sarei stato assolto fin dal primo grado e sono… rimango comunque convinto che sarò assolto al termine dell’intero procedimento. Io non ho commessoo… questo omicidio, né colposo, né doloso, né nient’altro e, se avessi commesso un omicidio colposo, lo dicevo subito e non mi facevo un anno e mezzo di carcere che… mmm… sembra che me lo so’ fatto per sport questo anno e mezzo di carcere, lo dicevo immediatamente, anche perché è la prima cosa che mi è stata proposta quando sono stato arrestato.

“Io non ho commessoo… questo omicidio, né colposo, né doloso, né nient’altro” non è una negazione credibile.

Se Scattone non avesse commesso l’omicidio, avrebbe potuto negare di aver ucciso Marta Russo limitandosi a proferire fino ad un massimo di 12 parole. Scattone, invece, poiché è privo della protezione del “muro della verità”, ha fatto ricorso ad una lunga tirata oratoria finalizzata alla persuasione del suo interlocutore. Peraltro, quando Scattone ha detto “se avessi commesso un omicidio colposo” ha aperto alla possibilità di aver ucciso Marta Russo.

Salvatore Ferraro: Il disgusto ee… cresce perché quello che è successo durante questo processo, in questo processo e con questa decisione, mi lascia molto interdetto, mi spaventa, anzi.

Anche da Ferraro ci saremmo aspettati una negazione credibile.

Francesco Giorgino: Senta Scattone, cosa ha provato nel momento in cui il presidente della Corte Amato ha letto il dispositivo della sentenza?

Giovanni Scattone: Molta tristezza perché io mi aspettavo che… che la Corte non… non si facesse influenzare dall’atteggiamento pervicace e ostinato della procura che fino all’ultimo ha voluto fortemente la nostra condanna, non si capisce su quali basi concrete.

Anche in questo caso Scattone avrebbe potuto negare di aver ucciso la Russo ed invece si è limitato a dire che ha avuto un “atteggiamento pervicace ed ostinato” non che la procura si è sbagliata a perseguirlo.

Francesco Giorgino: Lei, Ferraro, ha fiducia nella giustizia italiana?

Una domanda che prevede o un “Sì” o un “No” come risposta.

Salvatore Ferraro: Ma io sono spaventato dalla giustizia italiana.

Ferraro è evasivo. Non risponde con un “No” per non mentire.

Francesco Giorgino: Perché?

Giorgino ha chiesto al Ferraro il perché si dica spaventato dalla giustizia, una domanda giusta posto che il Ferraro è abituato a non essere chiaro quando parla. 

Salvatore Ferraro: Eh… perché questo processo mii… mi porta ad essere spaventato da questa giustizia.

Ferraro, non ha argomenti, non riesce a rispondere in modo sensato. 

Ferraro si è detto genericamente “spaventato da questa giustizia” ma non è riuscito a dire “Sono spaventato perché io non ho commesso il reato per il quale sono stato condannato”.

Ferraro è un manipolatore e si aspetta sempre che siano gli altri a trarre conclusioni per lui.

Francesco Giorgino: Lei crede alla teoria del complotto da parte degli inquirenti?

Salvatore Ferraro: No, assolutamente no. Fa parte un po’, forse, della metodologia degli inquirenti cominciare con dei teoremi o con… con dei sospetti ed oggii io e Giovanni entriamo di diritto in quel club in cui ci sta Girolimoni dove ci sta Rapotez, dove ci sta Virgilio, dove ci sta Zarrelli, dove ci sta Enzo Tortora, da errore investigativo, oggi siamo un errore giudiziario eee… co… lo dico con l’amarezza, la rabbia e il disgusto che è giusto provare quando si sa di essere innocenti e si viene condannati.

Come sua abitudine, Ferraro si esibisce in una lunga tirata oratoria, va fuori tema per tentare di portare a casa il punto e sfrutta la domanda di Giorgino per equipararsi a Gino Girolimoni, Luciano Rapotez, Pasquale Virgilio, Domenico Zarrelli ed Enzo Tortora. Ferraro è incapace di provare vergogna.

E’ interessante che il Ferraro elenchi i sentimenti “che è giusto provare quando si sa di essere innocenti e si viene condannati”, si esprime così perché non riesce a dire “sono amareggiato, rabbioso e disgustato perché non ho ucciso io Marta Russo”.

Francesco Giorgino: I genitori di Marta Russo sono convinti della vostra colpevolezza.

Giorgino, ancora una volta, sta fornendo a Giovanni Scattone la possibilità di negare in modo credibile di aver ucciso Marta Russo. 

Giovanni Scattone: Sì, bhè, di non accontentarsi di questa, che è una verità di comodo, e non è la verità vera.

Scattone è evasivo.

Quando Scattone dice “non è la verità vera” si aggrappa al fatto che la verità dei fatti non coincide con quella processuale.

Francesco Giorgino: Scattone, secondo lei, perché la Alletto ha con determinazione chiamato in causa sia lei che Ferraro?

Giovanni Scattone: Perché a quel punto aveva fatto delle dichiarazioni che non poteva ritrattare perché le conseguenze per lei sarebbero state pesantissime, sia in termini di perdere la faccia di fronte a tutta l’Italia, sia in termini proprio di condanna penale.

Giovanni Scattone sembra parlare per sé, sembra dirci il perché non abbia confessato l’omicidio colposo.

Francesco Giorgino: Subito dopo la sentenza cosa vi siete detti?

Giovanni Scattone: Io sono rimasto in silenzio, lui imprecava.

Francesco Giorgino: Che cosa impr…

Salvatore Ferraro: Frasi non riproducibili perché, diciamo, prendevano in considerazione un po’ tutto il paese.

Francesco Giorgino: Ce ne dia solo un assaggio.

Salvatore Ferraro: No, no, siamo in prima serata, non possiamo.

Ferraro, nonostante il peso della condanna, ha la premura di non dire parolacce in prima serata. Ferraro recita la parte del bravo ragazzo a favore delle telecamere, per lui questa intervista rappresenta la prima udienza del processo d’appello mediatico.

Il 9 giugno 1999, 8 giorni dopo la sentenza di primo grado emessa dalla Corte d’Assise di Roma, Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone sono stati ospiti di Bruno Vespa a Porta a Porta:

Salvatore Ferraro: Ma ioo… sono convinto di una cosa che questa ragazza… oggi ha bisogno di giustizia e di verità, questo io ho detto durante il processo, l’accuse che si… che ci hanno rivolto a me e a Giovanni non portano a questa verità, la sentenza… che… la Corte… ha emesso una settimana fa purtroppo non ha portato alla verità…

Si noti che Ferraro non nomina la vittima, non la nomina per evitare lo stress che gli produrrebbe.

Bruno Vespa: Voi siete uomini di legge.

Salvatore Ferraro: Sì, no, no, prima di tutto siamo uomini, abbiamo il dovere…

Ferraro è uno che straparla, è uno che si esibisce in lunghe tirate oratorie e sermoni nell’errata convinzione di essere più furbo degli altri.

Da notare la frase “prima di tutto siamo uomini, abbiamo il dovere” una frase che fa accapponare la pelle. Ferraro, a torto, è convinto di essere capace di manipolare il suo prossimo. 

Bruno Vespa: (…) una condanna c’è stata (…)

Salvatore Ferraro:… sto parlando di verità, sto parlando di verità e quello che ho sempre detto è che… noi dobbiamo difendere la nostra innocenza per dare…aprire uno spiraglio alla verità e dare giustizia a Marta…

Ferraro non nega in modo credibile di aver ucciso Marta Russo, si spertica in un sermone dove si aggrappa agli errori degli inquirenti.

Dirsi innocenti non equivale a negare l’azione omicidiaria. “Io non ho ucciso Marta Russo, sto dicendo la verità” o “Io non ho ucciso Marta Russo, sono innocente, sto dicendo la verità” sono le uniche negazioni credibili.

Bruno Vespa: Però lei me lo dice (…) però anche lei non ha manifestato alcun tipo di partecipazione al dramma di questa ragazza (…) ma insomma quella ragazza che c’entrava?

Salvatore Ferraro: Appunto, questo sto dicendo, io sto dicendo semplicemente che purtroppo a noi è capitata questa incriminazione terribile, essere considerati gli assassini di Marta Russo, la nostra… la nostra lotta, la nostra… la nostra funzione era quella di cercare in tutti i modi di arrivare alla verità difendendo la nostra innocenza, per difendere l’innocenza durante un processo terribile come quello a cui siamo stati sottoposti ci obbligava anche ad un controllo, a mantenere la calma, a mantenere la lucidità, ad andare fino in fondo, a cercare in tutti i modi di difendere la nostra innocenza.

Un sermone attraverso il quale il Ferraro prova a manipolare il suo interlocutore.

Lo ripeto: dirsi innocenti non equivale a negare l’azione omicidiaria. “Io non ho ucciso Marta Russo, sto dicendo la verità” o “Io non ho ucciso Marta Russo, sono innocente, sto dicendo la verità” sono le uniche negazioni credibili.

Bruno Vespa: Lei mi sta dicendo che non avrebbe potuto difendere la sua innocenza scrivendo una lettera?

Salvatore Ferraro: Io sto dicendo semplicemente che io sono stato accusato ingiustamente di questo delitto e qualsiasi parola poteva anche essere utilizzata e strumentalizzata, come è accaduto anche durante il processo, io rivolgendomi al padre di Marta Russo durante il processo me ne uscì con questa espressione: “Lei un giorno forse mi ringrazierà”.

“io sono stato accusato ingiustamente di questo delitto” non è una negazione credibile. “Io non ho ucciso Marta Russo, sto dicendo la verità” o “Io non ho ucciso Marta Russo, sono innocente, sto dicendo la verità” sono le uniche negazioni credibili.

Bruno Vespa: (…) voi, in questi due anni, non siete stati capaci di mettere in piedi un alibi credibile, un alibi sostenuto da qualcuno, lei dottore (Scattone) ha detto che stava a villa Mirafiori (…) ma non c’è stato nessuno che ha potuto confermarlo.

Giovanni Scattone: C’è stato un professore che sostanzialmente ha confermato che io so’ andato lì, non ricordava l’orario, non ricordava l’orario (…) ma secondo me, c’è… c’è un problema di fondo e cioè che io non avendo fatto nulla, non mi sono mai preoccupato di… di fare mente locale su cosa avessi fatto il 9 maggio, per cui io ho dovuto ricostruire a posteriori, addirittura ho dovuto ricostruire dopo che ero stato arrestato e questo è di fatto praticamente impossibile, anzi troppo siamo riusciti con gli avvocati a ricostruire tutte le cose che avevo fatto.

Scattone non riesce a dire “C’è stato un professore che ha confermato che io ero lì a colloquio con lui nel momento in cui Marta veniva uccisa” ma afferma “C’è stato un professore che sostanzialmente ha confermato che io so’ andato lì, non ricordava l’orario” mostrandosi poco convinto per l’uso dell’avverbio “sostanzialmente” e per la frase “non ricordava l’orario”.

“io non avendo fatto nulla” non è una negazione credibile. “Io non ho ucciso Marta Russo, sto dicendo la verità” o “Io non ho ucciso Marta Russo, sono innocente, sto dicendo la verità” sono le uniche negazioni credibili.

Bruno Vespa: Lei quando sostiene di aver saputo la notizia della morte di Marta Russo?

Giovanni Scattone: L’ho saputo… che c’era stata una ragazza ferita all’Università, soltanto nel pomeriggio, l’ho saputo, quando ero all’Università però avevo visto che c’era la polizia.

Scattone non nomina la vittima per evitare lo stress che pronunciare il suo nome gli produrrebbe.

Bruno Vespa: Dottor Ferraro, anche per lei c’è un buco telefonico.

Salvatore Ferraro: Sì, c’è un problema telefonico, bhè io voglio prima di tutto ricordare che fui ascoltato dalla polizia 15 giorni dopo il 9 maggio, sfido chiunque a ricordare ee… a ricordare cosa ho… cosa ho fatto… ecco io non potevo ricordare con precisione se non ricordare quello che…

Ferraro mostra di essere in difficoltà, la sua difesa non è credibile, “15 giorni dopo il 9 maggio” la polizia gli ha chiesto che cosa avesse fatto il giorno del ferimento di Marta Russo, non poteva non ricordarselo, era accaduto un fatto inusuale proprio nei pressi del suo Istituto e di quello si parlava all’Università. Tutti coloro che frequentavano l’Istituto di Filosofia del Diritto sanno dove si trovavano nel momento in cui Marta veniva ferita. 

Bruno Vespa: Voi vi siete rassegnati al fatto di non avere alibi (…)?

Salvatore Ferraro: No, io ho dato il mio contribu… contributo durante le indagini, ricordavo di essere stato a casa, di aver studiato quel giorno, di aver incontrato Marianna Marcucci ee… ma erano poche cose che potevo ricordare perché una giornata è difficile da ricordare. Voglio dire, anche in questo caso, allacciandomi a quello che ha detto Giovanni Scattone prima, ee… se avessi compiuto il delitto avrei avuto tutto il tempo a disposizione per costruire un alibi veramente decente.

Quando Ferraro dice “se avessi compiuto il delitto” lascia aperta la porta alla possibilità di aver commesso il delitto.

Un alibi si ha o non si ha e poi non esistono gradi diversi di “alibi”.

In realtà Salvatore Ferraro, proprio perché fu interrogato dopo 15 giorni in relazione ai suoi movimenti del giorno del ferimento della Russo, ha sperato di poterla fare franca raccontando fatti occorsi nei giorni precedenti al 9 maggio.

In due occasioni, riguardo al 9 maggio, ha dichiarato:

“Lo ripeto, quel terribile giorno in cui Marta Russo fu ferita mortalmente, per me è stata una giornata normale perchè ero a casa a studiare, ero davanti a un libro arancione di linguistica. Con me c’era mia sorella. Poi ricevetti alcune telefonate e verso le 11.45 ricevetti anche la visita di Marianna Marcucci. Me lo ricordo perchè parlammo della cena per il compleanno di sua sorella ( …)”.

“Quel 9 maggio, per me, fu una giornata incredibilmente normale, di routine (…) Ero a casa a studiare, dopo le prime pratiche mattutine mi sono messo davanti a un libro, di colore arancione, era un libro di linguistica (…) C’era anche mia sorella (…)”.

In entrambi i casi Ferraro ha descritto la giornata del 9 maggio come “normale” e “incredibilmente normale, di routine”. L’uso del termine “normale” è un segnale linguistico detto “Normal Factor” che ci indica che quella fu una giornata tutt’altro che normale per lui.

Francesco Giorgino: Perché prima ha detto di aver ricevuto la telefonata della Marcucci e poi su indicazione della stessa Marcucci ha sposato la tesi dell’incontro di persona intorno all’ora del delitto?

Salvatore Ferraro: Sì, esatto, esatto, Marianna Marcucci era un’amica che mi telefonava circa 30-35 volte al giorno la mattina, infatti l’8 maggio mi chiama circa 18 volte la mattina, tra le 8 e mezza e le 12 e 30, io probabilmente arrivai in procura con questo ricordo preciso di un bombardamento di telefonate fatte da questa amica (…).

Si noti “mi chiama”, l’uso del verbo al presente  rende il racconto di un fatto passato non credibile.

Ferraro non è convinto di ciò che dice, lo prova l’uso dell’avverbio “probabilmente”.

Giovanni Scattone: Ma io credo che sia proprio l’impostazione dell’indagine che a un certo punto ha imboccato una pista sbagliata, quindi non credo… cioè io penso che l’unica cosa che il processo d’appello potrà fare è assolvere noi, non scoprire la verità. Io credo che per scoprire la verità occorre indagare su un’altra pista, questa però è una mia opinione.

Una risposta che è un clamoroso autogol.

Se Scattone non avesse commesso l’omicidio non aggiungerebbe “Io credo” e “questa però è una mia opinione” a “per scoprire la verità occorre indagare su un’altra pista”. 

Salvatore Ferraro: No, io mi auguro che venga ancora prima del processo d’appello, venga fuori la verità e cioè che si trovi il vero responsabile dell’omicidio di Marta Russo.

Secondo il Ferraro esistono sia un “responsabile dell’omicidio” che un “vero responsabile dell’omicidio”.

Bruno Vespa: Posso chiederle se lei in carcere ha mai pensato a Marta Russo?

Giovanni Scattone:… Sì, bhè, quotidianamente, era inevitabile.

Scattone prende tempo prima di rispondere.

Bruno Vespa: Lei?

Salvatore Ferraro: Ma io più che altro avvertivo questa sensazione terribile di essere considerato l’assassino di Marta Russo, questa era la cosa più sconvolgente, io non pensavo… “guarda”- dicevo- “mi stanno considerando il suo assassino”, era la cosa che mi rendeva… che mi spaventava di più… che mi terrorizzava… che mi addolorava di più.

Ferraro è evasivo, non risponde alla domanda ma, come al solito, coglie l’occasione per parlare di sé e per precisare che non è stato lui a sparare il colpo mortale.

Aureliana e Donato Russo, i genitori di Marta Russo

Dalle dichiarazioni spontanee di Salvatore Ferraro, Corte d’ Assise di Roma, 7 settembre 1998:

Salvatore Ferraro: Un giorno, spero non lontano, spero che la verità venga fuori e quel giorno il padre Donato Russo, invece di guardarmi con odio e con disprezzo, io penso che mi abbraccerà, capir…

Ferraro mostra ancora una volta di essere privo di empatia.

Donato Russo: Io voglio la verità, voglio.

Salvatore Ferraro: Certo professore (incomprensibile) sono contento oggi di poter parlare con lei, finalmente faccia a faccia, io posso dirle con estrema forza, con estrema serenità…

Donato Russo: Tutto falso.

Salvatore Ferraro:… che non c’entro nulla con l’assassinio di… di sua figlia, lei il giorno che uscirà la verità capirà che questo sacrificio che io oggi sto facendo, che in questo anno ho fatto, l’ho fatto minimamente anche per sua figlia.

“non c’entro nulla con l’assassinio di… di sua figlia” non è una negazione credibile. “Io non ho ucciso Marta Russo, sto dicendo la verità” o “Io non ho ucciso Marta Russo, sono innocente, sto dicendo la verità” sono le uniche negazioni credibili.

Da notare la parola “sacrificio” e “minimamente”.

Salvatore Ferraro: Non nascondo, con grande vergogna, di aver più di una volta pensato, solo per uscire dal carcere, di fare delle dichiarazioni accusatorie nei confronti di Scattone. Già dal giorno del mio arresto, e lo vorrei raccontare, mi fu offerta questa possibilità (…).

Con questa dichiarazione Ferraro ci dice a cosa si riferisse in precedenza con la parola “sacrificio”, ovvero al fatto di essersi sacrificato per Scattone. 

Le dichiarazioni accusatorie di cui Ferraro parla le aveva già fatte durante il confronto con la Alletto, egli infatti ha domandato alla donna perché non gli avesse chiesto: “Cosa ha combinato Giovanni?” e“il dottor Scattone cosa ha combinato?”, una frase attraverso la quale il Ferraro ha fatto sapere alla Corte che era stato Giovanni Scattone a sparare il colpo mortale.

Bruno Vespa: (…) lei però gli ha detto: lei mi abbraccerà ma glielo ha detto con gelo (…) lei pensa che per quello che è successo, per il gelo che c’è stato da voi, in questi due anni, il padre di Marta possa mai abbracciarla?

Salvatore Ferraro: No, io mmm… sinceramente questo gelooo mmm… non l’ho visto, e io dico che la verità… che bisogna stare al posto degli imputati per vedere quello che si prova ad essere accusati di omicidio, questo è il discorso.

Ferraro è in difficoltà, ancora una volta mostra di non avere empatia, si dipinge come una vittima ma non nega in modo credibile di aver ucciso Marta Russo.

Bruno Vespa: Bisogna stare anche al posto dei genitori della vittima.

Salvatore Ferraro: Sicuramente, ecco perché io mi son riferito, mi son… mi son rivolto al… al professor Donato Russo dicendo una cosa… eh… ma… abbastanza chiara, io non c’entro nulla con questo omicidio; mi son permesso di dire che, stando in carcere, io ho sempre avuto la possibilità… mi hanno offerto la possibilità… mi hanno offerto la possibilità di accusare Giovanni Scattone ma io sapevo benissimo che la scena raccontata dalla Alletto è una scena assolutamente falsa, una chiusura di questo tipo mi avrebbe permesso di uscire dal carcere ma non l’ho accettato perché non si può accettare una cosa del genere, io non l’ho accettato perché è una scena… è una scena falsa, è un fatto… noi non c’entriamo nulla con questo omicidio, sono convintissimo di ciò. Ho detto che questa nostra scelta di non arrivare ad una dichiarazione di comodo apre uno spiraglio seppur minimo alla verità.

“io non c’entro nulla con questo omicidio” non è una negazione credibile.

Dicendo “io ho sempre avuto la possibilità… mi hanno offerto la possibilità… mi hanno offerto la possibilità di accusare Giovanni Scattone” “io non c’entro nulla con questo omicidio”, ribadisce ancora una volta che fu Scattone a sparare.

Ferraro non ha mai detto la verità sull’omicidio di Marta Russo ma è sempre stato estremamente preciso nel definire i ruoli, lo ha fatto di continuo e in presenza di Scattone perché l’amico avesse sempre ben chiaro che lui, Salvatore Ferraro, si stava “sacrificando” per lui.

Quando Ferraro dice “la scena raccontata dalla Alletto è una scena assolutamente falsa” e “è una scena falsa” parla al presente, di sicuro nel momento in cui parla la scena è falsa; Ferraro, per essere credibile, avrebbe dovuto dire: “Ciò che ha raccontato la Alletto non è mai successo, io e Giovanni non ci trovavamo nell’Aula 6 al momento dello sparo”. 

“noi non c’entriamo nulla con questo omicidio” non è una negazione credibile ed è ulteriormente indebolita da “sono convintissimo di ciò”. Un altro autogol.

Scattone e Ferraro non hanno mai negato in modo credibile di aver ucciso Marta Russo. Durante le interviste hanno soprattutto dissimulato ma entrambi sono capaci di falsificare. Ferraro ha un alta opinione di sé che lo ha condotto ad esporsi di continuo in lunghe tirate oratorie e in disgustosi sermoni fino a scoprirsi.

Leggi anche:

Omicidio Marta Russo: analisi linguistica del confronto tra Salvatore Ferraro e Gabriella Alletto

Indagine su bugiardi (seriali) al di sotto di ogni sospetto

La criminologa Ursula Franco ha sfatato per Stylo24 alcuni dei luoghi comuni relativi agli “inganni del linguaggio”. La Franco è allieva di Peter Hyatt, uno dei massimi esperti mondiali di Statement Analysis. La Statement Analysis è una tecnica d’analisi scientifica del linguaggio verbale diffusamente utilizzata in America, Inghilterra e Israele nei casi giudiziari.

Stylo24, 13 aprile 2018

di Ursula Franco

I non addetti ai lavori ritengono che la maggior parte della gente menta ed invece il 90% dei soggetti che non raccontano la verità, dissimulano, ovvero non raccontano menzogne ma semplicemente nascondono alcune informazioni senza dire nulla di falso.

Chi dissimula fa affidamento sull’interpretazione delle sue parole da parte di interlocutori inesperti ed è così che li trae in inganno, egli infatti risponde con dichiarazioni che suonano come negazioni ma che in realtà un orecchio esperto riconosce come negazioni non credibili.

Dissimulano la maggior parte dei soggetti che intendono coprire un proprio coinvolgimento in un omicidio; in ogni caso le loro dichiarazioni, se non contaminate dal linguaggio utilizzato da chi li sottopone ad interrogatorio, sono comunque vitali per ricostruire i fatti.

Falsificano, ovvero non solo tacciono l’informazione vera ma presentano un’informazione falsa come fosse vera, solo il 10% di coloro che tentano di coprire il proprio coinvolgimento in un certo evento.

Falsificare è molto impegnativo e con il passare del tempo chi opta per questa tecnica si accorge che non può fermarsi alla prima bugia e che non solo la stessa va ripetuta all’infinito ma che deve far ricorso a superfetazioni sempre più articolate per tenerla in piedi.

In generale la dissimulazione è considerata meno riprovevole della falsificazione perché è un comportamento passivo che fa sentire meno in colpa. Peraltro, chi dissimula può giustificarsi più facilmente di chi falsifica, ad esempio sostenendo di non aver detto tutto per una dimenticanza.

I soggetti che dissimulano lo fanno per evitare lo stress che produce il falsificare, uno stress che è dovuto non solo al senso di colpa, posto che anche i soggetti privi di empatia, come possono esserlo i sociopatici, fanno ricorso più frequentemente alla dissimulazione e non alla falsificazione, ma spesso al fatto che falsificare li espone maggiormente, rendendoli vulnerabili e quindi a rischio di essere scoperti e accusati non solo di essere dei bugiardi ma anche del reato in ballo.

Falsificano coloro che da bambini non sono stati rimproverati quando dicevano bugie; generalmente sono soggetti che hanno subito abusi in giovane età e hanno imparato a fare ricorso alla falsificazione per sopravvivere.

Un interrogatorio, sia che un soggetto falsifichi, sia che dissimuli, è comunque utile per ricostruire i fatti e vale lo stesso per le interviste televisive e le telefonate di soccorso.

Purtroppo in questo campo i luoghi comuni sono i peggiori nemici della verità e della giustizia.

Da un interrogatorio ottengono risultati disastrosi solo coloro che non sanno ascoltare e che hanno fretta, che poi sono gli stessi che contaminano gli interrogatori rendendoli inutilizzabili.

Contaminare un interrogatorio significa introdurre, attraverso le domande, termini diversi da quelli usati dall’interrogato, questi termini entreranno nel linguaggio dell’interrogato e lo aiuteranno a mentire. In poche parole: chi non sa condurre un interrogatorio induce l’interrogato a falsificare. E’ superfluo aggiungere che un interrogatorio contaminato non ha alcun valore legale e non merita neanche di essere analizzato.

L’analisi delle parole di un interrogato attraverso la Statement Analysis ci permette di ricostruire i fatti con precisione. Grazie a questa tecnica si possono infatti identificare nel linguaggio di un indagato aree sensibili e aree dove le informazioni mancano, inoltre la casistica ci aiuta a distinguere la struttura ed il contenuto di dichiarazioni riferibili ad eventi realmente vissuti da struttura e contenuto di dichiarazioni riferibili ad eventi immaginati.

Come ho già detto la maggior parte della gente non mente e, pur dissimulando, dice che cosa è successo, ma purtroppo in Italia manca la cultura dell’interrogatorio e dell’analisi linguistica dell’intervista di un sospettato.

Molti PM si cimentano in interrogatori con domande chiuse, che sono le domande a cui è più facile mentire, interrompono l’interrogato mentre lo stesso si esibisce in tirate oratorie, che sono invece fonte di informazioni cruciali per le indagini e soprattutto contaminano l’interrogatorio introducendo termini diversi da quelli utilizzati dall’interrogato, errori grossolani con i quali si giocano spesso l’unico interrogatorio che un indagato concede prima di avvalersi della facoltà di non rispondere.

Mi è capitato di leggere interrogatori di soggetti indagati per omicidio privi delle domande del PM; in questi interrogatori, che dovrebbero essere fuori legge, ricorre la dicitura ADR (a domanda risponde); negli stessi, spesso le parole dell’indagato vengono riassunte dal PM per chi trascrive. Roba da mettersi le mani nei capelli. La fortuna di certe procure è purtroppo l’ignoranza in questo campo di alcuni avvocati difensori che lasciano che i PM calpestino i diritti dei loro assistiti senza opporre resistenza.

Ma veniamo ai casi giudiziari veri e propri:

Raramente un soggetto falsifica, ce lo conferma Giosuè Ruotolo, condannato in primo grado per il duplice omicidio di Trifone Ragone e Teresa Costanza. Ruotolo, intercettato al telefono con la fidanzata, ha fatto riferimento alla dissimulazione senza mezzi termini: “Non è che io ho detto bugie ma ho evitato di dire una cosa, che non significa una bugia”.

Soggetti capaci di falsificare sono i fratelli Massimo e Letizia Bossetti.

Letizia Laura Bossetti, a fine agosto 2014, pochi mesi dopo l’arresto del fratello, ha sostenuto di aver subito delle intimidazioni. Nel settembre dello stesso anno, la donna ha riferito alle forze dell’ordine di essere stata scaraventata a terra dopo essere stata colpita volontariamente dalla portiera di un’auto. Il 17 settembre 2014, ha invece raccontato di essere stata percossa mentre si trovava nel garage della casa dei suoi genitori, a Terno d’Isola. A fine gennaio 2015 la donna ha riferito agli inquirenti e ai giornalisti di aver subito una quarta aggressione nell’androne e nel garage del palazzo dove vivono i genitori.

Né i referti medici né le registrazioni delle videocamere di sorveglianza hanno mai supportato i racconti di Letizia Laura Bossetti.

Letizia Laura Bossetti ha preteso ripetutamente di essere stata vittima di un crimine, non per essere d’aiuto a Massimo, ma perché cercava attenzioni, visibilità, compassione e supporto, lo ha fatto per se stessa, i suoi bisogni nascono da sentimenti di inadeguatezza e da una bassa autostima.

Il fatto che Letizia Bossetti si sia inventata le aggressioni e che menta senza il timore di venir smascherata è rilevante ai fini delle indagini riguardanti l’omicidio di Yara Gambirasio. Durante il processo a suo carico, il fratello Massimo Giuseppe è stato descritto come un bugiardo abituale. Bossetti è capace di mentire in modo grossolano per ottenere dei vantaggi e come sua sorella non si preoccupa di venir sconfessato. Massimo Bossetti, proprio perché mentiva di frequente e le sue bugie erano facili da demolire, veniva chiamato dai colleghi “favola”, il suo soprannome ce la dice lunga sulla quantità e la qualità delle balle che raccontava.

Massimo Giuseppe Bossetti ha confidato ai colleghi di lavoro di avere il cancro, di doversi sottoporre alla chemioterapia, di aver picchiato la moglie e di doversi presentare ogni sera dai carabinieri per firmare a causa di una denuncia fatta da Marita e che la stessa lo obbligava a dormire in garage o sul furgone e non gli faceva vedere i figli; tutte menzogne.

Sua moglie Marita Comi in un colloquio in carcere gli ha detto: “Massi, perché dicevi che avevi un tumore? Ma cosa cazzo hai detto?”. Bossetti, secondo la procura di Bergamo, avrebbe finto di avere un tumore al cervello per allontanarsi dal cantiere con la scusa della chemioterapia.

Massimo Giuseppe Bossetti non ha smentito il collega che ha dichiarato durante la sua deposizione che lui aveva raccontato di avere un cancro, anzi, dopo la sua testimonianza, ha affermato: “Confermo, l’ho fatto e me ne vergogno, ma solo per potermi recare in altri posti a lavorare. Non mi pagavano da mesi, ero sotto di oltre diecimila euro, e alla mia famiglia a fine mese non potevo portare a casa un sacco di sabbia. Così, dopo che la moglie di un mio collega era morta per malattia, ho pensato di fingermi anche io malato e di avere un tumore”.

Non solo Letizia e Massimo Bossetti non si confrontano con sentimenti quali il senso di colpa o il rimorso per aver mentito tipici dei bugiardi occasionali, ma non provano neanche vergogna se scoperti, per questi motivi possono essere entrambi riconosciuti come bugiardi patologici. L’ambiente familiare in cui i due gemelli sono cresciuti li ha forgiati da un punto di vista psichico e li ha costretti, probabilmente già in età infantile, a ricorrere alla bugie per ottenere delle attenzioni.

I due gemelli Bossetti sono cresciuti nella menzogna, la loro madre Ester Arzuffi li ha concepiti fuori dal matrimonio e ha fatto credere a suo marito che fossero figli suoi. Giovanni Bossetti, l’uomo che ha riconosciuto all’anagrafe Letizia Laura e Massimo Giuseppe, è stato truffato anche una seconda volta, suo figlio Fabio, il più piccolo, è anch’egli illegittimo.

Ester Arzuffi, dopo l’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti ha sostenuto che il padre dei gemelli fosse suo marito Giovanni, negando un’evidenza scientifica quale può esserlo l’esame del DNA. A suo figlio Massimo, durante una visita in carcere, ha detto: “L’ho saputo il giorno del tuo arresto che ero l’amante del Guerinoni. Guerinoni non l’ho mai visto… Lui non è mai venuto, non l’ho mai visto».

I gemelli Bossetti sono due bugiardi patologici.

Il ricorso alla bugia patologica può essere un disturbo a sé o il sintomo di un disturbo di personalità: psicopatia, disturbo narcisistico o disturbo istrionico, in ogni caso è un segnale di discontrollo.

Le storie che il mentitore patologico costruisce sono il frutto della sua fantasia ma sono studiate per apparire plausibili.

Attraverso le sue bugie, il bugiardo patologico costruisce un personaggio, decora se stesso, si ritaglia un ruolo da eroe o da vittima, e lo fa in modo cronico e per una causa endogena.

Detto questo, una volta che Massimo Bossetti è stato arrestato ed accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio, lo stesso, durante gli interrogatori, non ha fatto ricorso alla falsificazione bensì alla dissimulazione. Bossetti falsifica quando non teme le conseguenze delle proprie bugie, quando la posta in gioco si è rivelata essere l’ergastolo, Bossetti ha optato per la meno rischiosa dissimulazione.

Durante il processo, Massimo Giuseppe Bossetti, rispondendo alla PM, si è esibito in una serie di “non me lo ricordo” e “non ricordo”“Per l’ennesima volta glielo ripeto, sono qui apposta per dirglielo, non me lo ricordo. Io sono una persona abitudinaria, normale, banale. Sono una persona ripetitiva e faccio sempre le stesse cose. Non me lo ricordo e non ricordo neppure cosa ho mangiato ieri sera. Lo ripeto, non ricordo. Anche mia moglie quando è venuta da me in carcere mi ha sempre fatto l’interrogatorio, il terzo grado: mi ha messo con le spalle al muro, ma non ricordo nulla di quella data. In quel periodo di novembre lavoravo sia a Bonate, sia a Palazzago. Potevo benissimo dirle “non ricordo”, già nei primi interrogatori dottoressa…e invece ho cercato di ricordare, in ogni modo. Che poi chiedermi cosa ho fatto quattro o cinque anni fa, mi pare una domanda totalmente insensata”, dire “non ricordo” è un modo di falsificare, ma solo un vuoto di memoria.

Per finire, il fatto che Alberto Stasi, Giosuè Ruotolo e Massimo Bossetti si siano proclamati innocenti nulla ha a che fare con la falsificazione, si sono proclamati innocenti quando, non essendo stati ancora giudicati, tecnicamente lo erano “de iure”. Proclamarsi innocenti non equivale a negare l’azione omicidiaria, è ben diverso dal dire: “Io non ho ucciso Chiara”, “Io non ucciso Trifone e Teresa” e “Io non ho ucciso Yara”, negazioni credibili che non sono mai uscite dalla bocca di nessuno due tre.

Stasi ha detto alla PM: “Io non ho fatto niente a Chiara, non ho fatto assolutamente nulla” e “Non ho… non ho fatto nulla alla Chiara, non ho fatto nulla alla Chiara”; Ruotolo: “Vorrei chiedere scusa se dopo varie udienze mi presento per la prima volta, vorrei che, oltre a conoscermi, fare un po’ di chiarezza sulla mia totale estraneità ai fatti”;  Bossetti: “Io le dico la verità: non ho mai fatto niente”, tutte negazioni non credibili che non rientrano nell’ambito della falsificazione, pertanto tecnicamente non si può parlare di ricorso alla menzogna in questi casi.

Omicidio Marta Russo: analisi linguistica del confronto tra Salvatore Ferraro e Gabriella Alletto

Marta Russo

Marta Russo (Roma, 13 aprile 1975), una giovane studentessa di giurisprudenza, il 9 maggio del 1997 alle 11 e 42, mentre camminava in compagnia dell’amica Jolanda Ricci nei giardini dell’Università la Sapienza di Roma, è stata colpita da un colpo d’arma da fuoco alla testa ed è morta 5 giorni dopo. Il colpo d’arma da fuoco è stato esploso, attraverso una finestra dell’Aula 6 dell’Istituto di Filosofia del Diritto da Giovanni Scattone mentre lo stesso si trovava in compagnia di Salvatore Ferraro. Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro, accusati di omicidio volontario in concorso, sono stati condannati rispettivamente a 5 anni e quattro mesi per omicidio colposo e a 4 anni e due mesi per il reato di favoreggiamento personale.

Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone

Corte d’Assise di Roma, 7 ottobre 1998:

Presidente: Il dottor Ferraro ha detto che non si trovava in quella stanza, non si trovava nemmeno all’Università.

Salvatore Ferraro: Io, però, signor Presidente non… non so come funziona bene il confronto, avevo bisogno anche di fare qualche domanda, so che normalmente è oggetto del… del confronto, le contestazioni, però, se non era eeea… se non l’affatica parecchio.

Si noti “se non l’affatica parecchio”.

Gabriella Alletto: L’affatica.

La Alletto ripete “L’affatica”. “se non l’affatica parecchio” è una frase fuoriluogo che l’imputato pronuncia per destabilizzare ed umiliare la testimone Alletto. 

Salvatore Ferraro: La posso chiamarla signora Gabriella, ancora?

Gabriella Alletto: Certo.

Salvatore Ferraro: Senta io volevo tornare un attimino a questo… questo nove maggio, no? Lei ha descritto questa… questa scena… ehm… volevo sapere, lei chi ha visto uscire per prima? Posso porre queste… sono due, tre semplici domande che mi servono… volevo chiederle: Ehm, chi è uscito per prima d… da quell’aula numero 6?

Quando Ferraro dice “Lei ha descritto questa… questa scena”, usa per due volte l’aggettivo “questa” per riferirsi alla scena dell’omicidio, non dice “quella”, non ne prende le distanze.

Ferraro continua ad usare un linguaggio subdolamente offensivo quando, riferendosi alle domande che intende fare alla Alletto, le definisce “semplici”.

Gabriella Alletto: Io ricordo il dottor Scattone.

Salvatore Ferraro: Eh, io sono uscito prima o dopo di lei? Questo lo ricorda?

Ferraro, dicendo “io sono uscito prima o dopo di lei?”, ammette di essere stato in quell’aula. 

Gabriella Alletto: Questo lo ricordo, è uscito prima.

Salvatore Ferraro: Mi ha visto uscire?

Gabriella Alletto: Sì.

Salvatore Ferraro: Si ricorda dove… dove sono andato?

Ferraro subisce la Alletto, non la smentisce. Si noti che dice “dove sono andato?” non “dove sarei andato?”. In poche parole ammette di essere stato nell’Aula 6.

Gabriella Alletto: Dove è andato? Forse verso la sala cataloghi, sicuramente, sì.

Salvatore Ferraro: Verso la sala cataloghi, scusi se insisto su… su questo particolare, ricorda se nel corridoio ha trovato la presenza, c’era la presenza di studenti, assistenti o impiegati?

Gabriella Alletto: No, non lo ricordo, come di solito qualche persona c’era.

Salvatore Ferraro: C’e… perché lo ricorda?

Gabriella Alletto: Sì.

Salvatore Ferraro: Quindi c’era qualche persona?

Gabriella Alletto: Ma non ricordo chi fosse, non l’ho individuata.

Salvatore Ferraro: Sì, sì, no, no, per carità, io no, dato che c’è stata tre volte nel corridoio, poteva conservare questo… questo ricordo, ecco perché mi sono permesso di farle… di farle questa domanda. Senta lei ha detto in un… qualche verbale, no? Io mol… (interrotto) volevo dire, lei, già in un verbale, aveva detto che eee… quando arrivavo io ero molto pressato dagli studenti.

Gabriella Alletto: Prego?

Salvatore Ferraro: Molto pressato dagli studenti.

Gabriella Alletto: Lei?

Salvatore Ferraro: Molto pressato dagli studenti, no? Quando arrivavo in Istituto, l’ha detto anche in un… no? Si ricorda? Si ricorda? Anche lei ha parlato di una mia… di una mia disponibilità.

Ferraro sente il bisogno di dipingersi come un “Good Guy” per ingraziarsi la Corte.

Gabriella Alletto: Sì, infatti, collaborava molto con gli studenti, era sempre disponibile.

Salvatore Ferraro: Si ricorda che arrivavano sempre: “E’ arrivato il dottor Ferraro!”. Tutti addosso al dottor…?

Gabriella Alletto: Sì, era l’unica persona disponibile in Istituto, più degli altri, questa è la verità.

Salvatore Ferraro: E’ la verità.

Salvatore Ferraro: Mi chiedo come… come è possibile che nessun studente di giurisprudenza, è la facoltà più numerosa d’Europa, quel giorno non mi abbia visto né entrare e né uscire?

Presidente: Signora Alletto, lei dovrebbe ricordare all’imputato quello che ha visto, che cosa faceva l’imputato?

Gabriella Alletto: L’imputato, lei già si riferisce nella scena in cui eee…? L’imputato Ferraro stava con la mano nei capell… con le mani tra i capelli, in un gesto molto particolare per lui, perché non l’ha mai fatto, e si tirava indietro i capelli in un gesto di disperazione, secondo me.

Presidente: Lei su questo punto cosa può dire?

Salvatore Ferraro: Guardi, voglio dire questo signora Gabriella, io, come lei sa, non ero in Aula 6, non ero in Istituto quel giorno.

Ferraro è capace di falsificare e di accusare indirettamente la teste di aver detto il falso. Con il “come lei sa” mette alla prova la Alletto, la quale gli risponde per le rime.

Gabriella Alletto: Io non so questo.

Salvatore Ferraro: No, no, lei lo sa perfettamente.

Gabriella Alletto: No.

Salvatore Ferraro: No, mmm… moderiamoci, no, lei lo sa benissimo tant’è vero che lei l’ha anche preannunciata questa situazione, c’è una famosa interc…

Il Ferraro non riesce a dire alla teste Alletto “Lei sta mentendo, è una bugiarda” perché sa che non è vero.

Gabriella Alletto: L’ho preannunciata!?

Salvatore Ferraro: Glielo dico subito, lei disse un giorno in un’intercettazione: “Io non c’ero”.

Gabriella Alletto: Sì.

Salvatore Ferraro:… “però mi viene… mi conviene dire che c’ero”, cioè ha preannunciato quello che poi ha fatto successivamente.

Gabriella Alletto: No, questo è un atto di disperazione che avevo.

La Alletto dice di non aver parlato per la disperazione ed è credibile visto il clima che si respirava in Istituto.

Salvatore Ferraro: Era un atto di disperazione, del fatto che appunto rischiava di andare in carcere, che quindi bisognava… bisognava…

Gabriella Alletto: No, non rischiavo di andare in carcere, anche se sono stata molte volte avvertita di questa cosa qui, infatti non mi sono messa paura neanche l’11, quando c’è stato l’interrogatorio, se bene ha notato.

Salvatore Ferraro: Signora, guardi iii… alcune persone la vogliono far passare per una mentitrice, io… io la conosco molto bene, io so che è una bravissima persona, che di norma non mente, sicuramente di norma non giura sulla testa dei suoi figli, perché lei sa benissimo che io con… so quanto lei vuole bene ai suoi figli, quando lei ha giurato sulla testa dei suoi figli, lei giurava la verità…

Si noti “alcune persone la vogliono far passare per una mentitrice”. Il Ferraro delega, non ha il coraggio di dire “lei è una mentitrice” perché sa che non è così.

Dicendo “io… io la conosco molto bene, io so che è una bravissima persona”, il Ferraro tenta di ingraziarsi la Alletto.

Gabriella Alletto: No.

La Alletto nega in modo credibile con un “No”.

Salvatore Ferraro:… sul fatto che non aveva visto nessuno. Ma voglio tornare su un punto…

Gabriella Alletto: No, no, Presidente, io mi coprivo dietro un paravento, per me… per me era un aiuto, quello.

Salvatore Ferraro: La testa dei suoi figli (incomprensibile)?

Il Ferraro è subdolo, spera di minare la sicurezza della Alletto facendo presa sui suoi sentimenti nei confronti dei figli.

Gabriella Alletto: No, quello di mentire in quel momento, basta.

Salvatore Ferraro: Sulla testa dei suoi figli, signora?

Gabriella Alletto: Dottor Ferraro, non l’ho mai fatto in vita mia una cosa del genere ed è stata l’unica, spero… spero nella mia vita di madre che sia l’ultima.

La Alletto è lineare, credibile.

Salvatore Ferraro: Era la verità, signora, io la conosco bene.

Gabriella Alletto: Non è che mi posso… non è che mi metto paura perché lei mi dice che mi conosce bene, le cose sono andate in questo modo e io solamente dopo un mese ho deciso di star… di dire questa cosa, è stata un mmmm… una cosa molto grave per me, ha stravolto la mia vita, sono stata anche minacciata recentemente, ho ricevuto una lettera in cui mi dicevano: “Ti venga un cancro alla gola”. Va bene? E questo è quello che s’aspetta una persona dopo che dice la verità? Sono queste le cose? Che mi danno della sgualdrina, della svergognata! La lettera ce l’hanno gli avvocati, perfetto…

Salvatore Ferraro: Mi dispiace, non dice la verità, comunque… scusi posso continuare, Presidente?

Si noti “Mi dispiace”. In Statement Analysis, a prescindere dal contesto in cui vengono pronunciate, notiamo sempre le parole “mi dispiace” perché è estremamente frequente che vengano emesse da chi ha commesso il reato di cui parla. Le parole “mi dispiace” sono da considerarsi una sorta di “Leakage”. Il “Leakage” consiste nel rilascio involontario di informazioni che stazionano nella mente del soggetto interrogato.

Gabriella Alletto:… perfetto, perfetto!. Io sono stanca di questa situazione, voglio rientrare in seno alla mia famiglia… tranquilla.

Salvatore Ferraro: Sì, certo, ne ha diritto.

Gabriella Alletto: Confessate quello che dovete fare voi! Io ho fatto quello che dovevo fare.

Un invito forte, la Alletto mostra di non subire il Ferraro.

Salvatore Ferraro: Signora, “io non c’ero ed anche se mi conviene dire che c’ero, purtroppo non c’ero”, questo è il problema, però vo… voglio dirle una cosa…

Perché mai dovrebbe convenirgli dire che c’era?

Gabriella Alletto: Non mi interessa, sono loro che dovranno giudicare, non io.

Salvatore Ferraro: Lei, anche molto gentilmente…

Ancora un tentativo del Ferraro di ingraziarsi la Alletto.

Gabriella Alletto: Sempre gentile e disponibile, non sarei dovuta essere neanche qui, oggi. Sto facendo uno sforzo su me stessa e tutta mia buona volontà.

Salvatore Ferraro: (…) io quello che mi chiedo signora e mi sorprende, lei ha visto questa scena, perché non m’ha mai fatto un riferimento?

Ferraro mostra vicinanza alla scena con l’aggettivo “questa” e assume che la Alletto l’abbia vista quando dice “lei ha visto questa scena”. Si noti che il Ferraro non dice “Se ha visto la scena”.

Perché poi la Alletto avrebbe dovuto fare un riferimento alla scena ad un soggetto coinvolto in un omicidio? 

Gabriella Alletto: Perché non me l’ha fatto lei?

Salvatore Ferraro: Eh, perché io non avevo nie… nessun riferimento da farle.

La Alletto ha messo in difficoltà il Ferraro che ha avuto bisogno di due pause per rispondere.

Gabriella Alletto: Prego?

Salvatore Ferraro: Perché io non avevo nessun riferimento da farle, perché quella scena non esiste.

Ferraro è capace di dire “quella scena non esiste” perché ne parla al presente ed è logico che non esista nel momento in cui ne parla, mentre finché ne ha parlato al passato l’ha definita “questa scena”, mostrando vicinanza. 

Gabriella Alletto: Però, dopo che è successa quella cosa, lei non è più venuto da (incomprensibile) in Istituto.

Salvatore Ferraro: Cosa? Ho fatto qualcosa come quindici ee… sessioni d’esami, signora, signora.

Gabriella Alletto: Sì, forse, evidentemente ha fatto le sessione d’esame dentro la stanza d’esame, ma non è più venuta… ma non è più venuto in segreteria, non è più venuto in segreteria.

Salvatore Ferraro: Perché non mi ha fatto… signora Alletto, abb…. abb… abbiamo fatto le suddivisioni degli esami insieme, io e lei, gomito a gomito, per gli esami del 16 e del 19.

Gabriella Alletto: No, no, no, non lo ricordo assolutamente questo che abbiamo fatto le…

Salvatore Ferraro: Ah, non lo ricorda.

Gabriella Alletto: No che non lo ricordo.

Salvatore Ferraro: Che non se lo ricorda!

Gabriella Alletto: Io mi ricordo che dopo non è più venuto lei con la stessa serenità e disponibilità con cui era prima.

Salvatore Ferraro: No, no, ecco, va bene, va bene, ecco, va bene allora.

Gabriella Alletto: Mi ricordo che lei c’ha avuto delle titubanza a firmare quella lettera di solidarità per il professor Romano, perché l’ha sbattuta…

Salvatore Ferraro: No, ho firmato molto tranquillamente.

Si noti il superfluo “molto tranquillamente”.

Il Ferraro non nega di aver sbattuto la lettera.

Gabriella Alletto: No, no, no, no.

Salvatore Ferraro: Signora, ha detto che ero chiuso, che ero più chiuso.

“ero più chiuso” sono parole del Ferraro non della Alletto.

Gabriella Alletto: Sì, c’aveva delle titubanze lui a venire in Istituto, tant’è che una volta la signora Maria le ha anche rivolto la parola dicendo: “Ah dottor Ferraro mi sembra che sia dimagrito da quando…“, sospeso tutto quanto, è successo quello che è successo, voleva dire. La signora Maria le ha rivolto questa parola.

Salvatore Ferraro: Allora… signor Presidente si può anche documentare che io da… da… da almeno il 15 maggio…

Gabriella Alletto: Sì, si potrà documentare, ma non è venuto verso la segreteria.

Salvatore Ferraro: Sono stato sempre quotidianamente in Istituto da quel giorno, tranquillamente, facendo lo spiritoso sulle indagini, rilasciando interviste ai telegiornali e avendo un… un normalissimo rapporto con la signora All… Gabriella, con la quale abbiamo fatto la suddivisione degli esami, io mi chiedo perché la signora…

Ferraro sottolinea che faceva “lo spiritoso sulle indagini”, lo faceva per allontanare i sospetti da sé e per indirizzarli su almeno un altro soggetto. Ilaria Pepe, all’epoca studentessa, ha dichiarato in dibattimento che il giorno dopo il ferimento di Marta Russo, commentando l’accaduto con il Liparota ed il Ferraro, Salvatore Ferraro disse che il 9 maggio era stato tutta la mattina in casa e che attorno alle 12:00 aveva ricevuto una strana telefonata da parte di una persona “di giù”, cioè della Calabria, che in definitiva non si era capito cosa volesse. Nel raccontare l’episodio, il Ferraro,  aveva scherzosamente commentato: “Forse si voleva creare un alibi”. Ferraro ha chiarito in udienza che si trattava della chiamata di Domenico Condemi, uno studente calabrese che effettivamente lo aveva chiamato il 9 maggio, ma non in mattinata, bensì nel pomeriggio, alle 15:44. A detta del Ferraro il Condemi avrebbe solo chiesto “Dottore lei sarà in facoltà nei prossimi giorni?”, e alla sua risposta affermativa ed alla richiesta di cosa volesse, avrebbe mormorato “Niente, niente”, riattaccando subito. Questo episodio prova che il Ferraro, nel tentativo di farla franca, ha cercato di indurre i colleghi a sospettare del Condemi, un comportamento che ce la dice lunga su di lui, sui suoi valori morali e sulla sua pericolosità sociale.  

Perché il Ferraro parlò ai colleghi proprio del Condemi? Perché lo studente calabrese era imputato in un processo per tentato omicidio con arma da fuoco in concorso con alcuni appartenenti alla ‘ndrangheta, pertanto su di lui non sarebbe stato difficile far ricadere la colpa del ferimento della Russo.

Il fatto che il Ferraro dica che il rapporto con la Alletto era “normalissimo” ci rivela che normale non lo era più, da un punto di vista verbale infatti ogni riferimento alla normalità lascia intendere il contrario.

Salvatore Ferraro: Il problema è che sia… il problema è che abbiamo avuto modo di vederci e lei non ha fatto mai un… perché non mi ha detto: Cosa ha combinato Giovanni?

Perché la Alletto avrebbe dovuto dirgli qualcosa?

E’ interessante che il Ferraro chieda: “perché non mi ha detto: Cosa ha combinato Giovanni?”, non sono parole dette a caso, le dice per chiarire a tutti che a sparare fu Scattone. 

Gabriella Alletto: Ma io ho lavorato anche con Liparota in Istituto se… se mi fossi veramente esternata con lui, a dirci qualche cosa, a metterci d’accordo, l’avrei fatto anche con lui che vedevo tutte le mattine, anziché con lei.

Salvatore Ferraro: E perché non l’ha fatto? Perché a me non ha detto nulla? Avevamo questo rapporto affettuoso, perché non m’ha detto…?

Ferraro supera il limite definendo il rapporto tra lui e la Alletto “affettuoso”, lo fa per ingraziarsela.

Gabriella Alletto: Affettuoso? tra virgolette, affettuoso.

Tanto che la Alletto lo riprende…

Salvatore Ferraro: Tra virgolette, è chiaro, tra virg… è chiaro, tra virgolette.

Gabriella Alletto: E’ chiaro, eh.

… e continua a precisare.

Salvatore Ferraro: Eh, perché non m’ha mai detto nulla? Cosa avete fatto? Cosa ha fatto Giovanni? Ma che fate? Portate le p…?

Si noti “perché non m’ha mai detto nulla?”.

Perché mai la Alletto avrebbe dovuto chiedere qualcosa a chi riteneva complice di un omicida.?

Ammissioni tra le righe: “Cosa avete fatto? Cosa ha fatto Giovanni? Ma che fate? Portate le p…?”. 

Perché il Ferraro continua a tirare in ballo Scattone? Perché il Ferraro non vuole che gli venga attribuito ciò che non gli appartiene.

Gabriella Alletto: Giovanni, quando mai l’ho chiamato Giovanni, io, Scattone, scusi eh?

Salvatore Ferraro: Ah Scattone, dottor… il dottor Scattone cosa ha combinato? Ma siete pazzi? Ma che fate con le pistole…? Perché non m’ha mai fat…

Si noti che è stato il Ferraro ad introdurre “le pistole”.

Altre ammissioni: “il dottor Scattone cosa ha combinato? Ma siete pazzi? Ma che fate con le pistole…?”. Si noti che il Ferraro continua ad attribuire l’omicidio a Scattone. E’ Scattone ad aver “combinato”, è lui a riferircelo.

Il 7 settembre 1998, Salvatore Ferraro, invitato a rilasciare dichiarazioni spontanee, ha affermato: “Non nascondo, con grande vergogna, di aver più di una volta pensato, solo per uscire dal carcere, di fare delle dichiarazioni accusatorie nei confronti di Scattone. Già dal giorno del mio arresto, e lo vorrei raccontare, mi fu offerta questa possibilità.” 

Le dichiarazioni accusatorie di cui Ferraro parla le aveva già fatte durante il confronto con la Alletto quando ha chiesto alla donna “perché non mi ha detto: Cosa ha combinato Giovanni?” “il dottor Scattone cosa ha combinato?”, frasi attraverso le quali il Ferraro ha fatto sapere alla Corte che era stato Scattone a sparare il colpo mortale. 

Gabriella Alletto: Ma che… ma che cosa io dovevo dire sapendo quello che mi aspettava e che m’è cascato addosso tutto quello che m’è cascato addosso.

Salvatore Ferraro: Cosa…

Gabriella Alletto: Che cosa…

Salvatore Ferraro: (inc) una verità, signora.

Gabriella Alletto: Che cosa? Chi? C’avevamo il professor Romano che ci diceva: “Non c’entriamo. Non abbiamo fatto niente!”. Mi ha… mi hanno tartassata.

La Alletto spiega il perché non abbia parlato subito ed è credibile.

Salvatore Ferraro: Scusi, lei ha visto questa scena, lei ha visto questa scena.

Gabriella Alletto: Sì.

Salvatore Ferraro: Io e lei, io e lei privatamente, io e lei c’entravamo evidentemente, se è vera quella scena che lei racconta. Perché non me ne ha mai parlato? Perché non m’ha detto?

Si noti “io e lei c’entravamo evidentemente”.

Il Ferraro continua a chiedere alla Alletto il perché non gli abbia chiesto nulla. 

Gabriella Alletto: Perché era un tarlo dentro il mio cervello, non ha visto che ho cambiato atteggiamento? Se m’avesse visto qualche volta.

Salvatore Ferraro: Ma un riferimento alla scena.

Il Ferraro continua sulla stessa linea mostrando di essere privo di argomenti.

Gabriella Alletto: Perché dovevo fare riferimento alla scena?

Perché la Alletto avrebbe dovuto confrontarsi con colui che riteneva complice di un omicida?

In conclusione, il confronto tra Salvatore Ferraro e Gabriella Alletto è stato un clamoroso autogol per il Ferraro, il quale ha ammesso di essere stato nell’Aula 6 con Scattone. Egli ha inoltre tenuto a precisare che a commettere l’omicidio è stato il collega ed amico Giovanni Scattone.

Leggi anche: Omicidio Marta Russo: analisi di alcune dichiarazioni di Salvatore Ferraro e Giovanni Scattone

La ricostruzione dell’omicidio di Clara Bugna attraverso l’analisi delle parole di Bruno Lorandi

Christian Lorandi, 10 anni, figlio di Bruno Lorandi e Clara Bugna, scomparve da Nuvolera (Brescia) il 28 aprile del 1986, venne ritrovato morto sul monte Maddalena. Causa della morte: omicidio per strangolamento.

Bruno Lorandi, venne accusato di essere l’autore del delitto, fu processato e assolto in tutti e tre i gradi di giudizio.

Clara Bugna, 53 anni, è stata trovata morta in casa il 10 febbraio 2007. Causa della morte: omicidio per strangolamento.

Bruno Lorandi, è stato accusato di essere l’autore del delitto, è stato processato e condannato all’ergastolo.

In Statement Analysis partiamo dal presupposto che chi parla sia “innocente de facto” e che parli per essere compreso. Pertanto, da un “innocente de facto” ci aspettiamo che neghi in modo credibile e che lo faccia spontaneamente. Ci aspettiamo anche che nel suo linguaggio non siano presenti indicatori caratteristici delle dichiarazioni di coloro che non dicono il vero. 

Un “innocente de facto” non ci sorprenderà, negherà in modo credibile già nelle prime battute.

Un “innocente de facto” mostrerà di possedere la protezione del cosiddetto “muro della verità” (wall of truth), un’impenetrabile barriera psicologica che permette ai soggetti che dicono il vero di limitarsi a rispondere con poche parole in quanto gli stessi non hanno necessità di convincere nessuno di niente.

Da Salvatore Di Grazia ci aspettiamo pertanto che neghi in modo credibile di aver ucciso sua moglie e che possegga il cosiddetto “muro della verità”. 

Una negazione credibile è composta da tre componenti:

  1. il pronome personale “io”;
  2. l’avverbio di negazione “non” e il verbo al passato “ho”, “non ho”;
  3. l’accusa “ucciso tizio”.

La frase “io non ho ucciso mia moglie Clara”, seguita dalla frase “ho detto la verità” o “sto dicendo la verità” riferita a “io non ho ucciso mia moglie Clara”, è una negazione credibile. Anche “io non ho ucciso mia moglie, ho detto la verità, sono innocente” è da considerarsi una negazione credibile. Una negazione è credibile non solo quando è composta da queste tre componenti ma anche quando è spontanea, ovvero non è pronunciata ripetendo a pappagallo le parole dell’interlocutore.

Di seguito l’analisi di alcuni stralci dell’intervista rilasciata in carcere da Bruno Lorandi a Franca Leosini nel 2012:

Franca Leosini: Come avete trascorso la sera prima della tragedia?

Bruno Lorandi: Mi ricordo, perché… giusto… perché era il giorno 9, è la vigilia del mio compleanno. Il 9 sera sono venuto a casa alle sei, dal lavoro, e, come ho visto Clara arrivare con la macchina, ho acceso il gas, difatti dopo 5 minuti, 10 minuti è venuta su e io le ho detto: “Cavoli dove sei stata fino adesso?”, e aveva in mano dei mmm… non sono, aveva in mano deii… come si chiamano?… della biancheria, insomma, sul braccio.
Mi ha dato un bacio e mi ha detto: “Ho portato su della roba ad asciugare”, mi pare.
Niente, abbiamo mangiato tutti e due assieme.
Ho tirato fuori la busta paga, gliel’ho data perché prendo solo le straordinarie in liquido e 100 euro di mancia tutti i mesi, le ho dato i soldi a lei, sei… centomila lire, mi pare e 100 Clara mi ha detto: “Questi qua li prendi”, perché il giorno dopo era il mio compleanno, perché sul lavoro, quando uno eee fa gli anni, deve andare fuori a prendere colazione per tutti e me li ha messi nel portafoglio sul tavolo lì vicino, dove avevo le chiavi. Abbiamo mangiato, saranno venute le dieci. Abbiamo iniziato a guardare quel f… trasmissioni, quelle dei pacchi, lì, che fanno vedere alla sera. Verso le undici mi è venuta vicino, ha iniziato a toccarmi “Stai diventando vecchio, qua e là” e lì abbiamo iniziato a fare l’amore lì sul… sul divano. E siamo andati a finire a letto, lì abbiamo fatto l’amore tutti e due, sarà venuto mezza… mezzanotte.

Il Lorandi sente la necessità di riferire “Mi ha dato un bacio”.

Si notino le parole tutti e due assieme” nella frase “abbiamo mangiato tutti e due assieme”  e “tutti e due” nella frase “abbiamo fatto l’amore tutti e due”, parole che ci rivelano che il Lorandi ha bisogno di sottolineare che lui e sua moglie facevano le cose insieme. Questo suo bisogno induce a pensare il contrario ovvero che non sempre cenassero insieme.

Bruno Lorandi: Quel mattino lì mi sono alzato, sarà stato le sei e un quarto, Clara mi è venuta vicino, mi ha detto: “Eccolo qua il mio vecchio!”, m’ha preso per il collo, m’ha tirato le orecchie e m’ha dato un bacio, m’ha detto: “Guarda, di regalo non ti ho fatto niente però ho prenotato quattro o cinque giorni in Val di Non”.

Bruno Lorandi racconta di essersi alzato e poi dice che Clara lo aveva avvicinato. E’ qui la chiave del delitto: quando il Lorandi si alzò, Clara era già in piedi e non a letto, come sostenuto dalla difesa.

Ancora una volta il Lorandi sente il bisogno di dire “m’ha dato un bacio” nell’intento di dipingere un rapporto idilliaco.

Si noti la frase “m’ha preso per il collo”. Una frase che fa un certo effetto posto che sia Clara che il figlio furono strangolati.

Bruno Lorandi:  Quando andavo io a lavorare era sempre a letto, tanto andava alle dieci, lei, son passato di Clara, le ho dato di nuovo un bacio, poi son andato verso la porta, ho preso il mio portafogli, le mie chiavi sul… sul mobiletto dove c’erano la sera, ho aperto la porta con le chiavi che c’erano già dentro, che sono quelle di Clara, le ho tirate fuori, le ho messe sul mobiletto che c’è proprio lì vicino alla porta, ho preso la bicicletta, e son andato sul lavoro.

Bruno Lorandi non dice che la mattina dell’omicidio sua moglie Clara era a letto quando lui uscì di casa, ma racconta invece ciò che di norma accadeva “Quando andavo io a lavorare era sempre a letto”, lo fa per non raccontare i fatti relativi a quel giorno (Normal Factor) utilizzando una tecnica usata da chi dissimula. 

Clara Bugna si era già alzata dal letto e stava stirando quando suo marito la uccise, ce lo detto lui “Quel mattino lì mi sono alzato, sarà stato le sei e un quarto, Clara mi è venuta vicino”, pertanto non fu lui a mettere in piedi una messinscena, come sostenuto dai giudici.

Il momento dell’omicidio è, con tutta probabilità, quello descritto dal Lorandi con queste parole: “son passato di Clara, le ho dato di nuovo un bacio”, il racconto del bacio d’addio (Kiss Goodbye) è spesso un segnale linguistico che indica l’esatto momento in cui viene commesso un omicidio. 

Si noti che, per la seconda volta, il Lorandi parla senza motivo delle chiavi di casa.

Franca Leosini: Lei ricorda con la proprietaria del ristorante (…) che cosa le dice?

Bruno Lorandi: Sì, sì, le ho detto: “Guarda che doveva stirare, poi mi ha detto che veniva a lavorare”.

Bruno Lorandi ci conferma che Clara stava stirando.

Franca Leosini: Perché la sua reazione è stata questa?

Bruno Lorandi: Perché al venerdì sera, quando è venuta a casa dalla parrucchiera e aveva in mano ‘ste biancherie, che ha portato… in… camera del bambino, lei mi ha detto solo che doveva stirare, perché c’hooo…

Si noti “solo”, una parola superflua. A cosa sta pensando?

Bruno Lorandi si autocensura, un’indicazione che ha soppresso delle informazioni.

CONCLUSIONI

Deception Indicated.

Il Lorandi non ha mai negato in modo credibile di aver ucciso sua moglie Clara e ha mostrato di essere un manipolatore.

P.S.: Il primo marzo 2018 la Corte d’Appello di Venezia ha respinto l’istanza di revisione del processo presentata dall’avvocato di Bruno Lorandi, Gabriele Magno.

Il 18 luglio 2019, l’avvocato Alberto Scapaticci ha depositato una seconda istanza di revisione. Bruno Lorandi, in questa occasione, ha dichiarato:

“Clara era l’amore della mia vita. Lei sa che sono innocente e voglio solo dimostrarlo”.

La priorità del Lorandi non è negare l’azione omicidiaria ma ingraziarsi l’interlocutore: “Clara era l’amore della mia vita”. 

“Lei sa che sono innocente”, non è una negazione credibile perché dirsi innocenti non equivale a negare l’azione omicidiaria.

Michael Blagg: a narcissist and a murderer

On November 13, 2001 Jennifer Blagg, 34, and her daughter Abby, 6, disappeared from their home in Grand Junction, Colorado.

On June 4, 2002, Jennifer’s remains were found in a landfill, she had been killed by a gunshot wound in the face. Abby’s body has never been found.

Michael Blagg was convicted of murdering his wife Jennifer in Mesa County in 2004, ten years later, a judge threw out his original conviction because a juror lied on her jury questionnaire about being a victim of domestic violence.

Blagg was re-tried in Jefferson County and on April 5, 2018, for the second time, a jury convicted him of killing his wife Jennifer. He faces a sentence of life in prison without the possibility of parole.

ANALYSIS OF MICHAEL BLAGG’S 911 CALL: 

Operator: Where’s your emergency?

– Oh my God, is at my house.

Deity is invoked but not as testimony witness.

Operator: What’s going on?

– Uhm, I just got home from work and there is blood all over the bed and there’s stuff all over the floor, my family gone, my daughter and my wife aren’t here.

To answer with a “Uhm” is like to answer with a question, it is a pause to think, a signal that indicates that the question is sensitive to the caller.

Note Michael’s priority. Where one begins is a priority. It is the first thing processed by the brain.

1) “I just got home from work”

Alibi Building. This is to indicate to police that the caller’s priority is that he could not be involved nor possess any knowledge about what happened to his wife and daughter because he “just got home”. His priority is to save himself. 

“just” is a dependent word used to compare the timing to something else. 

2) “there is blood all over”

3) “stuff all over the floor”

He is trying to accredit a burglary before saying “my family gone”.

4) “my family gone, my daughter and my wife aren’t here”

Note that his daughter and wife are without a name. The social introduction is key to understand the relationship at the time of the call. An incomplete social introduction is a signal of a poor relationship. In this opening, he has indicated that there is a problem in the relationship. 

Michael doesn’t say “my daughter and wife are missing” but just “aren’t here”, in the negative.

He does not say “my daughter and my wife are missing” or “someone took, kidnapped, abducted them” to deliberately avoid a direct lie. 

Operator: Things are messed up in your house?

– Uhm… just… just in the master bedroom, it looks like…

“Uhm” is a pause to think, a signal that indicates that the question is sensitive to the caller.  

“just” is a dependent word indicating a comparison.

“it looks like…” is self censoring, an incomplete sentence is an indication of suppressed information.

Operator: How old is your wife?

– Uhm… she is thirty… thirty four, she’ll be thirty five this January.

“Uhm” is a pause to think, a signal that indicates that the question is sensitive to the caller.

Note that his wife is still without a name. 

Operator: And how old is your child?

– Six. Oh God.

Note that his daughter is still without a name.

Note the use of divinity for the second time but not as testimony Witness.

Operator: Is your wife’s car out front? Mike?

– Let me look in the garage… yes, in the garage.

Operator: Did she go to school today?

– Nobody called, I don’t know.

Note that his daughter is still without a name.

Operator: When was the last time you talked to your wife?

– Last night, before we went to bed.

Note that his wife is still without a name.

Operator: When did you leave this morning?

– I always leave at six o’ clock in the morning. I’m going back inside. I’m gonna go up and look in my daughter’s room. I pushed open the door without touching anything. Her school clothes are still… uh… laid out waiting for her. Her bed is messed up, the covers are pulled all back and… and there is no blood through.

Michael doesn’t say at what time he left the house that morning, he tells the operator at what time he usually leaves. This is an example of the “normal factor”. People tell what they normally do to avoid telling what they actually did, because what they actually did, is not what they “normally” did. 

Note that his daughter is still without a name. 

“Her school clothes are still… uh… laid out waiting for her”, “Uh” is a pause to think. The pause is to indicate that the question is sensitive to him. Michael has assigned human body posture “laid out” to his daughter “clothes”, clothes don’t lay out waiting for someone. When someone uses body posture in language relating to an inanimate object, it is to anthropomorphize the object. Michael is giving linguistic indication of a close connection between himself and his daughter’s clothes, a common signal of a staged scene.

Operator: And her school clothes are still laid out like she never put them on?

– No, she never put them on.

Note that his daughter is still without a name. The refusal to use his daughter’s name is psychological distancing language.

Operator: So she never got dressed?

– No. I don’t know… I don’t know what to do.

MICHAEL BLAGG’S APPEAL:

“Michael: My prayer is that through this and through… uh… maybe somebody that saw something in the last couple of days that we can bring Jennifer and Abby home… uhm… because that’s… that’s what we all want, we just want them to come home.

The word “this” indicates closeness to the disappearances of Jennifer and Abby.

“Uh” and “uhm” are pauses to think. 

Blagg has no reason to explain why they want them home.

“just” is a dependent word used to compare the timing to something else. 

Journalist: How have you been dealing with this?

Michael: This has been as draining and physically demanding as anything I’ve ever done in my life, its truly a horrible situation and I know that the Lord will bring me through this and the Lord will bring them home. Anyone who knows anything about my wife and my daughter, I pray that you’ll come forward. Just allow them to come home that’s all I can ask, please allow them to come home”.

Note the reference to “the Lord”, twice. 

The focus is on himself, he is the priority. The social introduction of his wife is  incomplete, a signal of a troubled relationship. The refusal to use his daughter’s name is psychological distancing language.

“just” is a dependent word used to compare the timing to something else.

Note that during the appeal he never used the words: kidnap, abduction, payment, communicate or contact. 

 MICHAEL BLAGG’S INTERVIEW WITH 48 HOURS MYSTERY:

– I had everything, I was on top of the world, I had a great job, wonderful family, incredible wife and daughter, everything was going perfect for me. It was a wonderful love story, I was in the navy, I recognized there was something special about her.

The focus is on himself, he is the priority. There are no “we”, only “I”.

Asked about Jennifer: Uh, you would meet someone that would light up this room better than these lights do in here right now and she could talk to a fence make it smile.

“Uh” is a pause to think, a signal that the question is sensitive to him.

Asked about Abby: A miniature Jennifer, she was just wonderful in all aspects, wake up singing in the morning and go to bed singing at night.

“just” is a dependent word used to compare the timing to something else. 

– The normal routine for me is to kinda slide out of bed carefully because Jennifer is still asleep.

Recalling of the day of his wife and daughter’s disappearance, Michael Blagg doesn’t say what he did that morning, he tells the operator what his normal routine is. People tell what they normally do to avoid telling what they actually did, because what they actually did is not what they normally did. 

– Trying to call her several times throughout the day and… always got through the answering machine.

Michael Blagg doesn’t say “I tried to call her…” but “Trying to call her…” and “always got…”, he doesn’t use the pronoun “I” to psychologically distancing himself from these calls.

– Uhm… came home, go inside, pick the normal packages on the way in and open the door, I can see down the hallway into my master bedroom and there’s stuff on the floor, papers and her purse was on the floor and I can’t really see everything that’s in but I know that… that’s not right and the beds not made, on top of that my daughter is not running to me: “Daddy, Daddy” and by the time I get most of the way down the hallway I can see there’s a large blood spot uhm where Jennifer should be.

“Uhm” is a pause to think, a signal that the question is sensitive to him.

 In “came home, go inside, pick the…” the pronoun “I” is missing, a dropped pronoun means no commitment, Michael is psychological distancing himself from arriving at home and entering.

The use of the word “normal” tells us that something not normal happened.

“I can’t really see everything that’s in…” and “my daughter is not running to me” are in the negative. Everything is in the negative in a free editing process is double important. Truthful people tell what happened, what they saw, what was said and what they did, when someone tells us what they did not see, what was not said and what they didn’t do in an open statement its importance is elevated. Deceptive people often tell us what did not happen to avoid telling what instead did take place.

In this sentence “but I know that… that’s not right and the beds not made” he uses the word “but” to emphasize the wording that follows it and to minimizes the information that preceded it.

Note that Blagg never use the past tense but just the present tense, it may indicate that he is lying, that he is not recalling from experiential memory.

– It rang through to the answering machine which isn’t terribly unusual, sometimes, you know, there’re in the bathroom or doing other things.

Note that “It rang…” is in the past tense and shows that Blagg is able to use the past tense.

“isn’t terribly unusual” is reported in the negative and it is to be highlighted as sensitive to him.

– At noon I’m starting a little worried, I haven’t heard from her, she hasn’t called me back on any of these calls and then the next time I get a chance to call her is around 3:00 something that afternoon.

– There, in front of me, is an open back door uhm she wouldn’t just leave door or window open.

A reference to doors opening/closing, windows opening/closing when unnecessary is a possible linguistic indication of sexual activity including sexual abuse.

– Can see there is a large… uhm… dark spot on the bed, I think maybe she’s rolled off the bed and is on the ground on the other side and so I… I go on the other side of the bed and there’s more blood and so at this point I… I… I know I… I have to call for help.

The missing pronoun “I” is a signal that Michael is psychological distancing himself from arriving at home and entering. 

“Uhm” is a pause to think. 

The presence of a triple stuttering “I… I… I” in this long sentence discloses increase of tension which indicates an increase in anxiety. 

We look for what caused the stuttering “I”:  Blagg was stressed for himself because he had to speak with the operator

The pronoun “I” is used by humans millions of times and, like the pronoun “we”, is instinctive, with the brain telling the mouth, in less than a microsecond, what to say. Two “I’s” show increase in tension, three or four indicates anxiety, 5+ suggests nervous breakdown, personal homicide.

– I had no idea what had happened, I just knew that it was bad whatever it was, was bad.

“just” is a dependent word used to compare the timing to something else. 

 MICHAEL BLAGG’S FIRST INTERVIEW WITH THE DETECTIVES:

– Through the strength of the holy spirit I am able to be standing… sitting here in front of you right now, every fibre, every corner… corner of my body wants to scream out and shout and grab somebody by the neck and say: “You did it” and tear them limb from limb.

Michael says “I am able to be standing… sitting here”, a reference to body posture when unnecessary is an indication of tension. 

– We’re talking about the two most important people in my life are missing right now.

Something unnecessary to say that he uses to fish for sympathy.

– I have no idea but I saw a lot of blood, a lot of blood.

The word “but” is used to emphasize the wording that follows it and to minimizes the words that preceded it.

– You won’t find anyone that loves each other more than we do. It’s a wonderful marriage.

– Went in, opened the door… uhm… “I’m home”, closed the door and I can see from the entry way.

The absence of the pronoun “I” is a signal that Michael is psychological distancing himself from arriving at home and entering.

His referring to open and close door, that we noted for the second time, is unnecessary and suspect, often present in the language of sexual abuse.

– I’m looking straight back to the back of the house I can see the door open that was really unusual.

– Fear, initial fear that something bad is going on, so I ran back to the uh master bedroom and as I’m going back there I’m able to see the beds not made which is another warning flag because Jennifer makes the bed every morning and there is a big patch of… blood. I was pretty freaked out when I saw the volume of blood that is there and I made a pretty quick dash to the phone to call 911.

Note “Fear, initial fear…”. When someone recall an event that took place few hours before, we expect to find the emotions at the end of the statement. When emotions are placed in the right part of a statement released hours or days, not years, after an event took place, we look for deception.

Detectives interviewed Michael Blagg a day after his wife and daughter’s disappearance, he had not the time to process the emotions, he artificially placed the emotions in the right part of his statement, an indication of deception.

One of the detectives said that Blagg had told him that in the morning of December 19, the day of his wife and daughter’s disappearance “as he left he went to give Jennifer a kiss and went upstairs and gave Abby a kiss Goodbye”.

The “Kiss Goodbye” is often a linguistic signal of the time of death.

STATEMENTS FROM AN INTERVIEW MICHAEL BLAGG GAVE BEFORE DETECTIVES FOUND HIS WIFE’S REMAINS:

Michael Blagg is referring to his “passion” for pornography:

– It was yeah we… we… yeah… we talked very much like that. She told me: “I don’t want you to be doing this but if you are going to be doing this then we should be together with this”. This was during a time after Jennifer’s hysterectomy and she knew we were gonna have find other ways to satisfy each other and we were looking at it more as experimenting looking for alternative things we could do.

“to be doing this” and “if you are going to be doing this”, are sensitive sentences for the repetition and because the law of economy is disrupted in both sentences. As effort is needed, sensitivity and importance is increased.

It’s not believable that Jennifer had shown closeness to what Michael was “doing” with the word “this”, Jennifer was upset with her husband because his passion for pornography and they had an argument about that.

– All I know is what I saw when I came back to the house that horrible afternoon.

– I tried to… uh… slit my wrists, next thing I remember was waking up in the hospital.

– They said that as a potential suspect in this, they just thought that it would be bad for me to be out there and so I was barred from being able to search for my daughter and my wife… absolutely I wanted to go in that search.

When Blagg says “They said that as a potential suspect in this”, with the word “this” he shows closeness to the disappearances of his wife and daughter.

When Blagg says “I wanted to go in that search” with the use of “that” he takes distance from the search.

What do you think happened?

– At some point, while we were out as a family, someone saw us and decided they liked Abby and wanted to take her, after I left, they broke in through the back, shot Jennifer, grabbed Abby and why they took Jennifer at that point, I don’t know, unless it must be somehow to control Abby… I can’t explain why they took Jennifer, it’s just I know that it happened.

Note the word “left”, when “left” is used as connecting verb there are missing information, something happened here.  

Do you have anything to do with their disappearance?

– No, I have nothing to do with their disappearance and it’s… it’s strange to me to think that anybody could… do anything like what apparently happened here.
I have certainly had many time when I have just been completely out of control… uhm… but I… I have also spent a lot of time in my bible and the Lord is giving me peace about this.

“No, I have nothing to do with their disappearance…” is not a reliable denial because it is parroted language. 

Michael Blagg is telling us that he can lose his control.

Note the reference to “the Lord”.

– Pink… pink was her favourite colour, is her favourite colour

He speaks of his daughter at the past tense, he knows she is dead. Her body was never found. At the time of this interview Jennifer’s body had not been found yet.

MICHAEL BLAGG’S STATEMENT BEFORE HIS FIRST VERDICT:

– Prosecution’s case is built on shifting sands and here we are at the end I just have the hope that the jury has seen that too. I can tell your honour that I’m innocent of these charges and I have nothing further to say.

The term “shifting sands” is an example of leakage. Jennifer’s remains were found in a “shifting” area. Leakage is a inadvertent release of information. Even while being deceptive, people may just leak out an information they did not intend to share, simply because it weighs heavily on the mind. 

“I am innocent” is an unreliable denial, to affirm to be innocent is different from saying “I didn’t kill my wife an my daughter”, which was expected. To say, “I am innocent” is to deny the judicial outcome, not the action. An innocent “de facto” is someone who did not do it and is able to say “I didn’t do it” and eventually to add in the judicial conclusion. When people say they are innocent, they are just denying the conclusion that they are guilty, not the action. Blagg, speaking about “charges”, deliberately left out what these charges are to take distance from the homicides.

RETRIAL

During the retrial, at the end of his testimony, Public Defender Tina Fang asked Blagg if he killed his daughter Abby:

Michael Blagg: No, I did not.

“No, I did not” is not a reliable denial. 

A reliable denial has 3 components:

1. the pronoun “I”
2. past tense verb “did not” or “didn’t”
3. accusation answered

If a denial has more than 3 or less than 3 components, it is no longer reliable.

“No, I did not kill her” followed by “I told the truth” while addressing the denial, it is more than 99% likely to be true.

A deceptive person will alter his denial to avoid a direct lie.

In this case, we looked for Michael Blagg to say “I didn’t kill her” or “I didn’t kill my daughter Abby” using the pronoun, “I”, the past tense “didn’t” or “did not” and add in the specific accusation. With his first answer “No, I did not” Blagg violated component three of a reliable denial.

ANALYSIS CONCLUSION

Deception indicated.

Omicidio Pamela Mastropietro: una mia intervista

Innocent è un serial killer come il mostro di Firenze

Intervista alla criminologa Ursula Franco sull’omicidio della giovane Pamela Mastropietro, la 18enne uccisa e fatta a pezzi dal solo Oseghale per soddisfare una pulsione sessuale

Stylo24, 5 aprile 2018

Dopo le illazioni sui rituali della mafia nigeriana, dopo le ipotesi sul cannibalismo e violenze sessuali di gruppo, dopo aver addirittura lasciato intendere che a stroncarla fosse stata un’overdose, inizia ad affiorare la verità sulle ultime ore della povera Pamela, uccisa a Macerata tra il 29 e il 30 gennaio scorso. In un articolo pubblicato su Stylo24 l’8 febbraio scorso la criminologa Ursula Franco aveva anticipato quel che poi le consulenze sul cadavere della 18enne hanno successivamente accertato. E cioè che ad ammazzare la ragazza e a sezionarne il cadavere fosse stato il solo Oseghale per motivi diversi dalla semplice violenza sessuale.

Sappiamo da giorni che gli unici DNA repertati sul corpo di Pamela Mastropietro appartengono al tassista che portò la ragazza a Macerata e a Innocent Oseghale, è invece notizia recente che i RIS, nonostante i ripetuti sopralluoghi nell’appartamento di via Spalato in cui è stata uccisa Pamela, non abbiano repertato impronte appartenenti né a Desmond Lucky né a Lucky Awelima ma solo impronte di Innocent Oseghale, che ne pensa dottoressa Franco?

Sono due mesi che dico che l’unico responsabile dell’omicidio di Pamela Mastropietro e del sezionamento del suo cadavere è Innocent Oseghale, quello della Mastropietro è un delitto che ha tutte le caratteristiche di un omicidio commesso da un serial killer. La riprova? Le due valigie con i resti di Pamela non sono state occultate pertanto da subito era facile intuire che quel sezionamento non era finalizzato all’occultamento e che era da escludere una morte per overdose. E’ illogico pensare che uno spacciatore faccia a pezzi il corpo di una ragazza morta in casa sua in seguito ad una overdose. Lo ripeto: Innocent Oseghale non avrebbe avuto motivo di “frazionare” il corpo di Pamela Mastropietro in pezzi così piccoli né tantomeno avrebbe trasformato casa sua in un mattatoio se non avesse ucciso lui la giovane donna al solo scopo di smembrarla. Il fatto che, dopo lo smembramento, Innocent non abbia propriamente occultato i resti del cadavere di Pamela ci permette di escludere che lo smembramento sia stato un atto di tipo “difensivo”; se lo smembramento fosse stato finalizzato all’occultamento, Oseghale avrebbe occultato al meglio i resti della sua vittima.

Secondo lei ci fu una violenza sessuale o un tentativo di violenza sessuale prima dell’omicidio?

L’ho sempre escluso e le indagini hanno confermato il mio convincimento. Sul corpo della Mastropietro non sono stati trovati segni di uno violenza sessuale non a causa dello stato dei suoi resti ma semplicemente perché Oseghale non ha violentato Pamela, l’omicidio della Mastropietro è un omicidio senza un apparente movente perché il movente è intrapsichico. Il medico legale ha dichiarato: “lo strazio inflitto al corpo va molto oltre ciò che sarebbe stato necessario per chiuderlo in due valigie”, quello “strazio” è servito a saziare un bisogno psicologico. Oseghale ha ucciso e depezzato il cadavere per ottenere la gratificazione di un suo bisogno psichico e sono proprio gli atti non finalizzati alla commissione del delitto e all’occultamento del cadavere che ci svelano il movente. Oseghale non ha ucciso Pamela in seguito ad un approccio sessuale o ad una violenza sessuale, l’ha uccisa per smembrarla. Oseghale non ha agito atti sessuali veri e propri ma un’attività sessuale sostitutiva. Oseghale ha ottenuto una gratificazione sessuale dal meticoloso smembramento del cadavere di Pamela ed è con tutta probabilità un soggetto sessualmente incompetente come lo sono molti serial killer con il suo stesso quadro psicopatologico.

Come si spiega la precisione con cui è stato sezionato il cadavere?

L’omicidio e lo smembramento del cadavere di Pamela hanno rappresentano un “act out” di fantasie perverse che Oseghale coltivava da tempo. Un omicida per lussuria come lui, per mesi o per lunghi anni, si nutre di fantasie e gode nel premeditare il delitto in modo meticoloso e nel ripassare ogni dettaglio del rituale che un giorno metterà in atto.

Che cosa pensa del fatto che si sia addebitato l’omicidio di Pamela Mastropietro al branco, alla mafia nigeriana, a riti tribali, ad un macellaio o ad un chirurgo?

Chi si è espresso in questo senso evidentemente ignora il fenomeno dei serial killer, le ripeto, sono ipotesi insostenibili, deliranti che, se non fosse per il tragico fatto, definirei esilaranti.

Pensa che la procura di Macerata tornerà sui suoi passi?

Ho i miei dubbi, il caso è molto semplice ma non credo che si arriverà mai alla verità se si continuerà non solo a cercare un movente classico come può esserlo un tentativo di violenza ma anche se si continuerà ad ignorare che Innocent Oseghale è un serial killer dello stesso tipo del mostro di Firenze e di Massimo Giuseppe Bossetti, un lust murderer, un anger-excitation sexual murderer.

Analisi di uno stralcio d’intervista rilasciata da Antonio Tizzani nell’ottobre 2017

Antonio Tizzani al funerale della moglie

Quando hai saputo che era stata uccisa un’altra donna (Daniela Roveri), cosa hai pensato?

“Che c’era un serial killer. L’hanno pensato un poco tutti ma io penso, restringendo il cerchio, un alunno straniero che ha fatto domanda… poi… per questa ditta, cioè esce dalla ragioneria e va a fa’ la domanda a questa ditta… non è stato assunto, ma una domanda ci sarà ancora in giro, no? Ci sarà questa domanda, questo tizio ha fatto ‘sta domanda, da quale cazzo di scuola viene? Mi fermo… mi fermo pure io. Cioè uno l’ha bocciata, l’altra non l’ha assunto e questo se ne è andato di testa. Cari inquirenti… cari inquirenti, trovatelo che non stiamo lontano… non stiamo lontano.

Io, Paolo e Mario abbiamo sempre detto di una specie di serial killer, sarà serial o fantomatico. Non è difficile andare a vedere l’alunno bocciato e quando è l’anno di lavoro, perché è bocciato, eeee e quel…. e quella persona che dev’essere assunto e non viene assunto perché aveva voti bassi e quindi c’entra uno e c’entra l’altro e io vi ammazzo tutti e due”.

Inizialmente Antonio Tizzani risponde di credere che un serial killer abbia ucciso sua moglie Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri, in seguito apre alla possibilità che il “serial killer” invece che “serial” sia “fantomatico”, ovvero che non esista e in finale prende possesso di entrambi gli omicidi dicendo “io vi ammazzo tutti e due”, un’ammissione tra le righe. 

Nell’appello a chi indaga “Cari inquirenti… cari inquirenti, trovatelo che non stiamo lontano… non stiamo lontano” si riconosce il “good guy/bad guy factor” in Statement Analysis, un tentativo di Tizzani di collocarsi dalla parte delle forze dell’ordine (“good guys”). Solo i “bad guys” sentono la necessità di rappresentarsi come “good guys”.