CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: GLI INTERROGATORI MAL CONDOTTI VIZIANO INDAGINI E PROCESSI (intervista)

La criminologa Ursula Franco si occupa di errori giudiziari e di analisi del linguaggio, è allieva di Peter Hyatt, uno dei massimi esperti mondiali di Statement Analysis.  

Le Cronache Lucane, 31 maggio 2019

Dottoressa Franco, su un social, recentemente, lei ha scritto: “Un innocente non ha motivo di avvalersi della facoltà di non rispondere e, vista l’abilità dei PM italiani in tema di interrogatori, non ha ragione di avvalersene neanche un colpevole… o forse, proprio perché c’è il rischio, per il suddetto motivo, che un PM prenda lucciole per lanterne, hanno ragione di avvalersene proprio gli innocenti”, cosa intende dire?

Intendo dire che, in generale, i PM italiani non sanno condurre un interrogatorio e che questa loro incompetenza viola i diritti di coloro che vengono interrogati. Lei si farebbe fare una diagnosi e prescrivere una terapia da un medico incompetente? Io no, in campo giudiziario non è molto diverso, ne va della vita della gente. A mio avviso si tratta di un’emergenza. I PM incompetenti hanno un costo per i contribuenti che pagano i loro stipendi, poi le loro pensioni e infine i risarcimenti alle vittime dei loro errori. 

Quanti anni di studio servono per imparare a condurre un interrogatorio?

Circa 4.

Qual’è la migliore tecnica d’analisi di un interrogatorio?

La Statement Analysis.

Che cosa si ottiene da un interrogatorio ben condotto di un colpevole di omicidio?

Indicazioni precise per ricostruire i fatti senza smagliature quand’anche il soggetto dissimuli.

Quali sono i principali errori commessi dai magistrati italiani durante un interrogatorio?

Contaminano, interrompono, riepilogano, suggeriscono, invitano a mentire, si alterano.  

Dottoressa Franco, lei sul suo blog analizza spesso telefonate di soccorso relative a casi di omicidio. 

Le telefonate di soccorso sono da considerarsi veri e propri interrogatori, i primi, pertanto, l’analisi delle stesse è spesso sufficiente per capire se un soggetto è colpevole o innocente e molto altro: lo stato del rapporto tra chi chiama e la vittima, il movente, la dinamica dei fatti etc, etc.

Annunci

The murder of Rachael DelTondo: analysis of an interview released by her ex-fiancé, Frank Catroppa, to Erin Moriarty

Rachael DelTondo

Aliquippa, Pennsylvania. On May 13, 2018, around 10:45 pm, Rachael Del Tondo, a 33-year-old elementary school teacher, was shot ten times at close range in her parents’ driveway.

The case is still unsolved.

Rachael DelTondo’s ex-boyfriend, Frank Catroppa, a suspect in the homicide, released an interview to 48 Hours Mystery‘s journalist Erin Moriarty.

What we look for in this interview is for Frank Catroppa to issue a reliable denial, to say “I didn’t kill Rachael”, not simply parroting back the interviewer’s words, but in the free editing process, and we look for him to show the protection of the “wall of truth”.

The “wall of truth” is an impenetrable psychological barrier that often leads innocent people to few words, as the subject has no need to persuade anyone of anything. 

We begin every statement analysis expecting truth, and it is the unexpected that confronts us with deception.

Frank Catroppa

Erin Moriarty: Why would people think you had been involved somehow?

This question allows Catroppa to say “I didn’t kill Rachael, I am telling the truth”. This would be the “wall of truth”.

Frank Catroppa: Well, uhm, maybe, just, we had a long relationship.

“Well, uhm” is a pause to think, a signal that the question is sensitive to him.

Note that Catroppa, despite this huge opportunity to clear his name, doesn’t deny his involvement in Rachael’s murder but accepts what a de facto innocent doesn’t accept: he allows people to believe he is involved. 

Erin Moriarty: Your dad was a former police officer in Aliquippa?

Frank Catroppa: Yes, he was.

Erin Moriarty: And you are still tight to the police department?

Frank Catroppa: (Inaudible) one of those community where everyone knows everyone.

Catroppa, instead of answering “Yes”, prefers to give the reason why he is tight to the police department and to hide in the crowd. 

Erin Moriarty: What drew you to her?

Frank Catroppa: Obviously, she’s a pretty girl. She’s nice, genuine… big hearted. She was a good girl.

Erin Moriarty: Were you in love with Rachael?

Frank Catroppa: Yeah, at one time I was, absolutely.

Erin Moriarty: Was she pushing you to get married?

Frank Catroppa: Yeah. She… she gave me about three deadlines.

Frank Catroppa: Yeah, we went to Paris, we got engaged in… in Paris.

Frank Catroppa: There was just a lot of outside interference with some of her family.

Erin Moriarty: Particularly her mom?

Frank Catroppa: Yes.

Frank Catroppa: It wasn’t Rachael, I don’t believe that didn’t want to sign it (a prenup). Her mother didn’t want her to sign it.

Frank Catroppa: That’s when the wedding planning stopped and… we were still together, but we… weren’t, I guess, engaged anymore, so that created some friction. 

Frank Catroppa: I don’t think some of her family wanted her to still talk to me but she still did. And she still came around… So she started to not tell people that she was talking to me… So, it was like it became common for her to, like, almost mislead or lie.

“And she still came around” is distancing language. It is also a form of contempt, is he talking about a woman or a dog? 

Note that when Catroppa says “So she started to not tell people that she was talking to me… So, it was like it became common for her to, like, almost mislead or lie”, his goal is to paint Rachael as a liar to belittle what she said to people before being murdered. 

Frank Catroppa: There were some girls on the trip (Super Bowl weekend 2016). And… and Rachael was upset about that. And…

Erin Moriarty: Well, ‘cause you were still dating her.

Frank Catroppa: Yeah, we were still dating. It’s, you know, one of those awkward situations.

“You know” shows an acute awareness of the interviewer at this question.  

Frank Catroppa: She contacted me and saying that, you know, that people were bothering her or the, you know, police…

“You know” is repeated twice.  

Erin Moriarty: Who were those people bothering her? What do you mean? 

Frank Catroppa: She would never really give names … but she would always just, you know, lump in the… the police department.

Note “You know”.   

Erin Moriarty: Was that embarrassing when they went public trying to get this dress deposit back?

Frank Catroppa: It… (laughs)… it is what it is. I mean, I… I… I guess so. There’s a lotta money, too, that I lost, like, deposits on halls and churches… that’s what they chose to do… it really didn’t bother me.

On Super Bowl weekend 2016, while Frank was at the game with his buddies, Rachael Del Tondo met 17-year-old Sheldon Jeter. Around 2:00 am two policemen checked on them while they were inside Rachael’s car, no report was made because nothing appeared wrong to the policemen. After a year, Frank Catroppa went to the Aliquippa Police Department and asked Assistant Police Chief Joe Perciavalle if there was a report about that night regarding Rachael and Sheldon. Perciavalle asked the two policemen involved to write down a report. Carloppa received the report from the police department and found that it was nearly 2:00 am when Rachael and Sheldon were noticed by police in her car, not 11:00 pm as she told him, and not at the Circle K, but in an abandoned field.

The report

Frank Catroppa: I was kinda, just… just, shocked.

Frank Catroppa: You know, I was more confused than anything.

Note “You know”.  

Erin Moriarty: Angry?

Frank Catroppa: I wouldn’t say that I was angry.

After Catroppa received a copy of the report, an anonymous sent the incident report to Rachael’s school, the local school board, the media and the mayor. Rachael was sacked.

Frank Catroppa: Yeah. No. It… it… it wasn’t… it wasn’t me.

Note the stuttering “it”, a signal that the question is sensitive to him.

“it wasn’t me” is an unreliable denial.

A reliable denial has 3 components:

1. the pronoun “I”

2. past tense verb “did not” or “didn’t”

3. accusation answered

If a denial has more than 3 or less than 3 components, it is no longer reliable.

“I didn’t send the report, I’m telling the truth” would more than 99% likely to be true.

Erin Moriarty: And it’s just a coincidence … just days after you got it, it went out to everybody?

Frank Catroppa: Yes… I never, you know, denied receiving it from that day. And I also did, you know, show… other folks, and asked questions to the people that were close to her: “Is this true? What do you know about this?”.

Note “You know”.  

Erin Moriarty: So you showed it to a lot of people?

Frank Catroppa: I did show to people, yeah.

Erin Moriarty: But it’s just a coincidence, though, that, right after you get it, it’s suddenly made public.

Frank Catroppa: Yeah, that’s… I was thinking the same thing.

“that’s…” is a broken sentence, an indication of missing information, deliberately withheld. 

Note that Catroppa is unwilling or unable to issue a denial about the spread of the police report.

Erin Moriarty: At any point did you have Rachael followed? Did you follow Rachael?

This is a “Yes” or “No” question.

Frank Catroppa: No. That’s just ridiculous … It’s just Rachael. Like, she says things and they’re not exactly true… Maybe just tryin’ to discredit… me. And I think there was a part of her too that was just upset that we never got married. So, she kinda wanted to kinda paint me… in a bad light at times.

 In “Yes” or “No” questions, we count every word after the word “No” as unnecessary and weakening the response.

Deceptive people often believe that being sarcastic about the allegations instead of trying to deny it, could help them. The need to ridicule the allegation rather than deny it is sensitive. 

Note that Catroppa is trying to paint Rachael as a liar, again.

Frank Catroppa: I don’t know what she could possibly tell them… How could I do corruption? I’m not a city official. I’m not a government official. I’m not a police officer.

Erin Moriarty: Did you have anything to do, at all, with her death?

This is not a good question but allows Catroppa to say “I didn’t kill Rachael, I am telling the truth”.

Frank Catroppa: No, I…I…

The journalist made a mistake, she interrupted Catroppa while he was answering a crucial question.

We can still note the stuttering “I”, a signal of increase in anxiety.

Erin Moriarty: Push anyone to do it?

Frank Catroppa: Absolutely not. Absolutely not. Would never do that. … I was at my apartment… with my girlfriend… There’s video footage of me going into the building and not leaving.

Note that Catroppa is unable or unwilling to answer with a simple “No”.

“Absolutely not” is an unreliable denial and is repeated twice due to a need to persuade.

“Would never do that” is an unreliable denial:

  1. the pronoun “I” is missing, Catroppa is unable to take ownership of what he is saying;
  2. he substitutes “didn’t” with “would never” violating component two of a reliable denial;
  3. he substitutes “kill” with the softer “do that” violating component three of a reliable denial.

 Deceptive people alter their denial to avoid a direct lie.

Note that when Catroppa says “I was at my apartment… with my girlfriend… There’s video footage of me going into the building and not leaving”, he doesn’t say that at the time of the murder he was at home or that he didn’t kill Rachael.

According to the warrant, “key fob information shows no log-in time into his apartment or the building on May 13” and detectives found no camera that captures Catroppa’s apartment that would verify his whereabouts.

Erin Moriarty: Frank, I’m going to ask you directly, did you have anything to do with the death of Raquel DelTondo?

This is not a good question but allows Catroppa to say “I didn’t kill Rachael, I am telling the truth”.

Frank Catroppa: Absolutely not… I’ve known her since we were kids.

“Absolutely not” is an unreliable denial. 

If someone is unable or unwilling to say that he didn’t do it, we are not permitted to say so for him. 

Catroppa says “I’ve known her since we were kids” to induce people conclude what he is unable or unwilling to say.

ANALYSIS CONCLUSION

Deception Indicated

Catroppa didn’t deny his involvement in Del Tondo’s murder.

The absence of a denial, it is a concern. 

Rachael’s ex-fiancé accepted what the de facto innocent doesn’t accept: he allowed people to believe he is involved. There is no “wall of Truth” within him. This is why he allows blame to be put upon him.

Frank Catroppa has guilty knowledge of what happened to Rachael Del Tondo. 

After the murder, Frank Catroppa appeared on social media wearing a T-shirt that read: “fake alibi”. Asked about by correspondent Erin Moriarty, he said:  “There was no ill intent. It’s… It’s a shirt. … nothing serious”.

fake-alibi-shirt-jpg-1530742219

This picture gives us a glimpse into Frank Catroppa’s personality:

  1. he has no empathy, that’s why he is called “The Wolf of Aliquippa”;
  2. he thinks to be smart, that’s why he spoke to 48 Hours Mystery and exposed himself;
  3. he thinks to be smarter than detectives, that’s why, despite being a murder suspect, he posted a picture on social media wearing a T-shirt that read: “fake alibi” to show his “buddies” that he fooled the police;
  4. he is not so smart as he believes.

Ursula Franco, MD and criminologist

CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: LE TESTIMONIANZE TARDIVE SONO CAUSA DI ERRORI GIUDIZIARI

Le Cronache Lucane, 27 maggio 2019

– Dottoressa Franco, quanto è complesso l’esame di un testimonianza?

E’ un campo minato quello della psicologia della testimonianza, sono molti infatti i fattori capaci di viziare una testimonianza, tra questi: la personalità psichica del testimonio, i condizionamenti da parte dei media, l’ansia di protagonismo, un desiderio di vendetta o di dipingersi come eroi, il tempo trascorso e, infine, il modo in cui un esaminatore si rivolge ad un teste (contaminazione).

– Dottoressa, un teste è capace di rievocare i fatti con precisione?

No, questo perché ogni processo testimoniale è costituito da una prima fase di acquisizione delle informazioni, dalla ritenzione delle stesse e dalla rievocazione e, in specie, se tra la prima fase (acquisizione delle informazioni) e quella del recupero passa un lungo periodo di tempo il ricordo subisce una distorsione che allontana inevitabilmente il contenuto testimoniale dalla realtà dei fatti. Se poi, durante la fase di ritenzione, un teste assiste ad un processo mediatico, la distorsione del ricordo viene amplificata. 

– Dottoressa, perché alcuni testimoni dissimulano o falsificano?

Alcuni lo fanno per coprire proprie o altrui responsabilità, altri, invece, dissimulano o falsificano senza provare senso di colpa perché si illudono di essere paladini di una “nobile causa”, e così, nella convinzione  di essere d’aiuto alle indagini, tendono a colmare le proprie lacune, a riordinare i ricordi, a compiacere l’intervistatore. Questo fenomeno si chiama “Noble Cause Corruption”, colpisce anche i consulenti delle procure, ed è ben noto a chi si occupa di errori giudiziari. Sia chiaro che non esistono giustificazioni né alla falsificazione né alla dissimulazione e che solo dicendo il vero si favorisce l’accertamento della verità e di eventuali responsabilità.

– Dottoressa Franco, ci faccia l’esempio di un testimone credibile?

Loris Gozi, nonostante il tempo trascorso, è stato testimone esemplare. E’ l’analisi linguistica della sua testimonianza a confermarcelo. Il Gozi, sentito dagli inquirenti sui fatti relativi alla scomparsa di Roberta Ragusa, ha sempre riferito lucidamente i fatti osservati senza ricamarci sopra; non ha mai cercato di stupire i suoi interlocutori infiocchettando la propria testimonianza con dettagli aggiuntivi. Loris Gozi ha sempre risposto alle domande prendendo possesso delle risposte e lo ha fatto secondo la formula che caratterizza una risposta credibile: prima persona singolare, verbo al passato, nessuno avverbio o aggettivo qualificativo; si è dilungato solo in risposta a domande che prevedevano un racconto più dettagliato; non si mai perso in tirate oratorie; né ha fornito informazioni estranee ai fatti.

– Dottoressa, per chiudere, dov’è il problema?

Il problema non sono i testimoni che dissimulano o falsificano, non è difficile smascherarli con la Statement Analysis, il problema sono quelle procure che si servono di testimonianze prive di valore per supportare le proprie errate ricostruzioni dei fatti. 

OMICIDIO DI MARCO VANNINI, LA PROCURA CONVOCA DAVIDE VANNICOLA, CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: L’EX AMICO DI IZZO NON E’ UN TESTIMONE

Davide Vannicola

L’artigiano Davide Vannicola, ex amico del maresciallo Roberto Izzo è stato convocato in procura. Vannicola, lo ricordiamo, alcuni giorni fa, ha rilasciato un’intervista a “Le Iene” e ora c’è chi spera in un colpo di scena. Il maresciallo Roberto Izzo fu avvisato di un incidente occorso in casa Ciontoli dal capofamiglia, Antonio, circa due ore dopo l’esplosione del colpo. 

Le Cronache Lucane, 26 maggio 2019

– Dottoressa Franco, con la convocazione in procura di Davide Vannicola si riaprirà il caso?

Ma quando mai. Vannicola non è un testimone. Ipotizziamo che il maresciallo Roberto Izzo abbia manifestato a Vannicola dubbi sull’identità dello sparatore, Vannicola ha interpretato e rielaborato con la sua compagna le parole di Izzo e poi ha riferito ciò che ha rielaborato a “Le Iene” che, a loro volta, hanno rielaborato e reso pubbliche le proprie conclusioni. In altre parole, su un piatto della bilancia c’è ciò che è agli atti, ovvero intercettazioni, interrogatori e risultanze investigative, e sull’altro piatto c’è il nulla. Lo ripeto, riguardo ad eventuali confidenze fatte da Izzo a Vannicola, eventuali dubbi di Izzo sull’identità dello sparatore lasciano il tempo che trovano, posto che le indagini hanno appurato che fu Antonio Ciontoli a sparare. Aggiungo anche che Izzo ha riferito ad una giornalista di Quarto Grado che, a suo avviso, i Ciontoli non mentirono quella sera sull’identità dello sparatore perché glielo riferirono, senza il timore di venir smentiti, prima che Marco morisse, un’inferenza logica supportata dalle risultanze investigative. Con ciò non sto dicendo che l’ex maresciallo non abbia parlato con Vannicola o che Izzo dica la verità su tutto, ma, di sicuro, la testimonianza di Vannicola non è di alcun aiuto per delineare le responsabilità dei Ciontoli.

– Ciò che stupisce è che Davide Vannicola, seppur convinto di avere notizie importanti relative all’omicidio di Marco Vannini, invece di andare in procura, abbia contattato Le Iene, dottoressa, perché Vannicola ha rilasciato l’intervista?

Il motivo per il quale Davide Vannicola ha rilasciato l’intervista a “Le Iene” è personale e legato al suo rapporto con Roberto Izzo, un rapporto che, per una qualche ragione, si era incrinato. E’ lo stesso Vannicola a rivelarcelo in un post su Facebook dove parla di Izzo come di “uno che pensavo fosse il mio migliore amico”. Peraltro, nell’intervista a “Le Iene” Davide Vannicola, sempre parlando di Izzo, dice: “(…) gli abbia detto “sei un coglione, non t’aspettare nulla da me”, lui ce rimasto de merda e da lì si è un po’ inclinato il nostro rapporto (…)”.

– Dottoressa Franco, c’è ancora chi dice che l’unico che avrebbe potuto raccontare come sono andate le cose è Marco Vannini?

La verità su quella sera è agli atti. Servono competenze per ricostruire i fatti, non capisco perché gente impreparata, come quella che si espressa in questi termini, dovrebbe essere capace di processare interrogatori ed intercettazioni. Peraltro, e lo dico per esperienza personale in quanto mi sono occupata di un clamoroso errore giudiziario, non solo chi si riempie la bocca con questa sciocchezza non è capace di addivenire personalmente alla verità ma, se gli viene fornita, neanche la riconosce. Il problema è che, nel nostro paese, in molti scambiano la propria visibilità per competenze.

Morte di Maria Sestina Arcuri: analisi della telefonata di soccorso di Andrea Landolfi

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri

Maria Sestina Arcuri, 26 anni, è morta all’ospedale Belcolle di Viterbo per le conseguenze di un’emorragia cerebrale, il 6 febbraio 2019. Maria Sestina era stata ricoverata intorno alle 7.00 del 4 febbraio 2019. La Arcuri aveva passato la serata del 3 febbraio in un pub di Ronciglione in compagnia di un ragazzo che conosceva da soli tre mesi, Andrea Landolfi, 30 anni, e del di lui figlio, un bambino di 5 anni, poi i tre si erano recati a casa della nonna del Landolfi, Mirella Iezzi, per passarvi la notte. Andrea Landolfi è indagato per omicidio.

Andrea Landolfi ha chiamato il 118 alle 5.53 del 4 febbraio.

PREMESSA

Grazie alla casistica in tema di telefonate di soccorso sappiamo cosa aspettarci da chi chiama, per questo motivo il materiale d’analisi vero e proprio è ciò che risulta “inaspettato”.

Expected versus Unexpected

Expected: ci aspettiamo che il chiamante sia alterato, insistente e che soprattutto chieda aiuto per la vittima. Ci aspettiamo anche che imprechi e dica parolacce, che non attenda la fine della domanda dell’operatore per esplicitare una richiesta d’aiuto.

Unexpected: non ci aspettiamo che il chiamante si perda in superflui convenevoli o che chieda aiuto per sé o che senta il bisogno di collocarsi dalla parte di coloro che vogliono il bene per il soggetto per il quale chiama.

Questa analisi è viziata dal fatto che non ho trascritto personalmente la telefonata. La versione che segue è stata recitata da due attori. In mancanza dell’audio originale si perdono importanti informazioni, non si possono infatti distinguere eventuali auto censure da eventuali interruzioni da parte dell’operatore, né sono percepibili i tempi di latenza e la lunghezza delle pause. Com’è noto, le “auto censure” indicano che chi parla nasconde informazioni, lunghi tempi di latenza prima di rispondere e pause indicano invece che un soggetto ha bisogno di pensare prima di parlare, generalmente, per non dare risposte incriminanti,.

Operatore: 118

Andrea Landolfi: Sì. Salve. Io sto qua a Ronciglione…

Si noti che il Landolfi non esordisce con una richiesta d’aiuto ma con un “Sì” e un “Salve”, due parole inaspettate in una chiamata di soccorso.

“Sì” è una pausa per pensare.

“Salve” rientra tra i convenevoli che, generalmente, servono ad ingraziarsi l’interlocutore (Ingratiation Factor).

“Io sto qua a Ronciglione” non è ancora una richiesta d’aiuto.

Operatore: Sì?

Andrea Landolfi: Sto a via Papirio Serangeli. La mia compagna è cascata qua dalle scale, stavamo sulla scala a chiocciola, ha perso i sensi, non… non so più che dire, nel senso… ha rigettato…

L’avverbio di luogo “qua”, nella frase “La mia compagna è cascata qua dalle scale”, è inaspettato ed è stato pronunciato per una precisa ragione. Il fatto che il Landolfi senta il bisogno di sottolineare che la ragazza “è cascata qua”, apre alla possibilità che il ferimento sia avvenuto altrove.

In seguito ad un breve racconto relativo alla dinamica dei fatti ci saremmo aspettati una richiesta di soccorso del tipo: “La mia compagna è cascata dalle scale, ha bisogno d’aiuto” ed invece il Landolfi non ha ancora richiesto aiuto per Maria Sestina.

Operatore: La via, la via.

Andrea Landolfi: Eh, via Papirio Serangeli… ho provato a portarla…

“Eh” è un pausa per pensare. 

Poiché la telefonata non è stata divulgata in originale ma è stata trascritta e recitata da due attori, non sappiamo se il Landolfi si sia auto censurato o sia stato interrotto dall’operatore.

Si noti che il Landolfi non ha ancora chiesto aiuto per Maria Sestina.

Operatore: Senti quanti anni ha la tua ragazza?

Andrea Landolfi: 26

Operatore: Adesso si è ripresa?

Andrea Landolfi: No, ripresa nel senso che parla, ma dice cose così, non lo so, è cascata… io per attutirla ho sbattuto il bacino, sto con mio figlio, ma io ho sbattuto sulla testa, dietro, vicino al camino… lei ha perso il sangue dal naso e dalle orecchie, io so’ preoccupato, perché sta qua e non me risponde.

Purtroppo è stato l’operatore ad introdurre la parola “ripresa”, una parola che ha contaminato la risposta del Landolfi.

Il Landolfi si dice preoccupato ma non ha ancora chiesto aiuto per Maria Sestina perde tempo, invece, a parlare di sé e a spiegare la dinamica dei fatti. “è cascata… io per attutirla ho sbattuto il bacino, sto con mio figlio, ma io ho sbattuto sulla testa, dietro, vicino al camino” sono tutte affermazioni superflue. 

E’ la seconda volta che il Landolfi ripete che Maria Sestina “è cascata”, evidentemente vuole essere certo che l’operatore immagazzini l’informazione.

Il Landolfi non ha ancora chiesto aiuto per Maria Sestina.

Operatore: Certo.

Andrea Landolfi: Lei… io che debbo fa’? Aiutatemi, ve prego, perché…

“io che debbo fa’?” non equivale a “Cosa posso fare per aiutare la mia compagna?”.

Il semplice “Aiutatemi” è una richiesta d’aiuto per sé.

“ve prego” rivela un bisogno, quello di collocarsi dalla parte dei “buoni” e di ingraziarsi l’operatore. In Statement Analysis questi due fenomeni sono denominati “Good Guy/Bad Guy Principle” e “Ingratiation Factor”.

Si noti il “perché…”, nonostante, ancora una volta, non si possa sapere se il Landolfi sia stato interrotto o si sia auto censurato, è inaspettato il fatto che intenda fornire una “Reason why”. 

Operatore: Niente, adesso ti mando, sì un attimo adesso ti mando l’ambulanza. 

Andrea Landolfi: Eh.

Operatore: Più di questo non possiamo fare.

Andrea Landolfi: Facciamo qualcosa però, ve prego, non lo so, non me risponde, me dice i numeri…

Con le parole superflue “Facciamo qualcosa però, ve prego” il Landolfi, ancora una volta, sente il bisogno di collocarsi dalla parte dei “buoni”, ovvero di coloro che vogliono il bene per il soggetto per il quale chiama (Good Guy/Bad Guy Principle).

Operatore: Calmati.

Andrea Landolfi: Mi dice i numeri, mi dice…

Operatore: Allora è caduta, da che altezza è caduta?

Andrea Landolfi: Eh, dalla scala a chiocciola.

“Eh” è ancora un pausa per pensare.

Operatore: Dalla scala a chiocciola, l’ha fatta tutta?

Andrea Landolfi: Tutta l’abbiamo fatta, perché si è sbilanciata, stavamo parlando, io stavo sulle punte qua, stavamo giocando, scherzando, io me so’ sbilanciato, lei si è retta su di me, io pe’ attutirla… però, purtroppo, lei la botta l’ha presa e io la botta l’ho presa più forte, però non lo so, evidentemente, lei ha preso… evidentemente… non so se l’ha presa dietro alla schiena o vicino all’orecchio, poi però da là, l’ho portata a ca… su, ha rigettato quello che ha mangiato.

Il Landolfi, invece di rispondere con un “Sì”, si esibisce in una lunga tirata oratoria durante la quale si lascia scappare un “da là, l’ho portata a ca…”, che ci conferma che il “qua”, presente nella frase “La mia compagna è cascata qua dalle scale”, è lì per una buona ragione: Maria Sestina non ha subito il trauma che l’ha condotta a morte all’interno della casa, ma all’esterno della stessa. A confermarcelo è la nonna del Landolfi in un’intervista rilasciata a Lucilla Masucci:

Mirella Iezzi: No, perché loro si mettevano fuori la porta, perché il bambino dormiva, si mettevano fuori la porta e dai, ridevano, scherzavano. Quella sera, io l’ho sent… non è… io non ho sentito ridere… eh… su questo, no, però parlavano con pacatezza, come se scherzassero, tutto qui.

Le scale esterne d’accesso alla casa della nonna materna di Andrea Landolfi

Operatore: Quindi ha anche vomitato dopo che è caduta?

Andrea Landolfi: Ha rigettato quello che ha mangiato, tutto. 

Operatore: Okay.

Andrea Landolfi: Però non ha rigettato sangue, ha rigettato solo quello che ha mangiato. 

Si noti “Però non ha rigettato sangue”, ogni affermazione al negativo, come questa, è doppiamente importante per chi analizza perché chi racconta fatti accaduti non ha ragione di riferire spontaneamente ciò che non è successo. Il Landolfi, dicendo che la ragazza “non ha rigettato sangue” e aggiungendo “solo” alla frase che segue, apre alla possibilità che invece abbia “rigettato sangue”.

Operatore: Alimenti. Okay.

Andrea Landolfi: Okay, l’ho curata, tutto quanto, ci ho pensato, tutto quanto, le ho dato il biochetasi, glielo fa… gli ho dato l’acqua fredda e tutto quanto, niente, me continua a di’… non me… mi dice i numeri, me dice cose, non lo so, me dice i numeri.

Il Landolfi, che non ha ancora richiesto aiuto per Maria Sestina, perde tempo a descriversi come un “Good Guy”(Good Guy/Bad Guy Factor): “l’ho curata, tutto quanto, ci ho pensato, tutto quanto, le ho dato il biochetasi, glielo fa… gli ho dato l’acqua fredda e tutto quanto”. Cui prodest? Non certo a Maria Sestina.

Operatore: Va bene, guardi, facciamo così: lasci libero questo numero di telefono, io adesso faccio partire l’ambulanza 

Andrea Landolfi: Eh, ma fatemi sape’, perché io so… cioè…

“Eh” è ancora un pausa per pensare.

Per il solito motivo, non sappiamo se il Landolfi si sia auto censurato o sia stato interrotto dall’operatore, in ogni caso Eh, ma fatemi sape’, perché io so… cioè…” sono tutte parole superflue che rivelano un bisogno, quello di collocarsi dalla parte dei “buoni” (Good Guy/Bad Guy Factor).

Operatore: Io faccio partire l’ambulanza e ti richiamo, lascia libero il numero.

Andrea Landolfi: Eh, chiamate però, ve prego, perché io non lo so… so’ preoccupato, io sto qua, non so che fa’.

“Eh” è ancora un pausa per pensare.

“chiamate però, ve prego, perché io non lo so… so’ preoccupato” sono ancora tutte parole superflue che rivelano un bisogno, quello di collocarsi dalla parte dei “buoni” (Good Guy/Bad Guy Factor).

Operatore: Certo.

Andrea Landolfi: Mannaggia oh.

Operatore: Tranquillo, mandiamo subito qualcuno

Andrea Landolfi: Aiutateme, però, ve prego.

“Aiutateme” è una richiesta d’aiuto per sé.

“ve prego” rivela un bisogno, quello di collocarsi dalla parte dei “buoni” e di ingraziarsi l’operatore.

Operatore: Mandiamo qualcuno, dai.

Andrea Landolfi: Eh, grazie

“Eh” è ancora un pausa per pensare.

Si noti l’inaspettato “grazie”, che chiude la telefonata e che serve al Landolfi per continuare ad ingraziarsi l’operatore.

CONCLUSIONI

Deception Indicated

OMICIDIO DI NOEMI DURINI, CRIMINOLOGA URSULA FRANCO: BIAGIO MARZO E’ ESTRANEO AI FATTI (intervista)

Il 3 settembre 2017, Lucio Marzo, all’epoca 17enne ha ucciso la sua fidanzata Noemi Durini, 16 anni.

Le Cronache Lucane, 21 maggio 2019

Domani si terrà la prima udienza del processo d’Appello davanti ai giudici della sezione penale per i minorenni della Corte d’Appello di Lecce, imputato, il reo confesso, Lucio Marzo.

Il 4 ottobre 2018 Lucio Marzo, 18 anni, è stato condannato, con rito abbreviato dal Tribunale dei Minorenni, alla pena di 18 anni e 8 mesi di reclusione.

Intorno alle 5 del mattino del 13 settembre 2017, Lucio, a bordo di un auto, prelevò da casa la sua fidanzata, la condusse in campagna e la uccise con una coltellata alla nuca e a colpi di pietra, infine, ne coprì il corpo con un cumulo di pietre e tornò a casa. Dopo dieci giorni, il ragazzo confessò e accompagnò gli investigatori sul luogo dell’occultamento.

Abbiamo chiesto alla criminologa Ursula Franco alcune delucidazioni sul caso.

– Dottoressa Franco, è possibile che Lucio abbia ucciso Noemi perché la ragazza voleva uccidere i suoi genitori?

Non posso escludere che Noemi avesse proposto a Lucio di uccidere i suoi genitori, ma non è questo il motivo per il quale il Marzo ha ucciso la Durini. Quello di Noemi è un omicidio per futili motivi, come lo sono gli omicidi commessi dai sociopatici, soggetti capaci di atti estremi di violenza a causa della loro bassa tolleranza alle frustrazioni. Neanche Lucio comprende a fondo il motivo del proprio gesto, sostenere di averla uccisa perché lei voleva uccidere i suoi genitori rappresenta solo un tentativo di razionalizzare l’evento e di fornire una “giustificazione morale” al suo atto riprovevole.

– Dottoressa Franco, Lucio Marzo si è fatto aiutare dal padre ad occultare il corpo di Noemi?

Biagio Marzo non ha avuto alcun ruolo, né nell’omicidio, né nell’occultamento. Tra l’altro, a rigor di logica, se qualcuno avesse aiutato Lucio ad occultare il cadavere di Noemi, lo avrebbero sepolto e non semplicemente coperto con delle pietre. Peraltro, Biagio Marzo restava sveglio fino all’alba, finché non riteneva che il figlio si fosse addormentato, proprio per impedirgli di uscire a fare sciocchezze.

La verità sui fatti è nell’interrogatorio di Lucio Marzo: “È successo cheee gli sono andato di dietro e le ho infilzato il coltello in testa e poi con delle pietre le ho frantumato la testa, l’ho lasciata stesa, ho messo delle pietre sopra so… sopra di lei, però in quel momento non capivo niente, so di averla colpita alla nuca ma non so in quale punto… poi si è spezzata la lama dentro, io mi sono trovato il manico in mano. E me lo sono… me lo sono messo in tasca, l’ho colpita con la pietra un paio di volte e poi l’ho… l’ho trascinata dove ho visto che c’era un muretto (in dialetto) scarrato, l’ho trascinata là, io l’ho messa di fianco, le pietre le ho prese e l’ho coperta… l’ho coperta, ero talmente agitato, sono corso in macchina, non mi ricordo neanche il luogo dov’era Castrignano talmente tanto che ero agitato, tremavo così, mi sono fatto una sigaretta mi son tolto la maglietta, ero in aperta campagna, non stavo nel paese, eh… era aperta campagna, mi son tolto la maglietta, ho messo il manico dentro, ho fatto a palla, ho fatto una buca nella terra e ho chiuso (…) Mia madre, mia sorella e mio padre stavano ancora dormendo, per fortuna, e io in silenzio mi sono fatto la doccia, mi sono pulito tutto, mi sono cambiato le mutande, ho messo le mutande nella biancheria eee pure i calzini nella biancheria eehm… sono andato a letto (…) tutti dormivano, eee mio padre è andato a dormire verso le 3 e mezza 4, perché mi controlla”.

– Dottoressa Franco, vuole aggiungere qualcosa?

Lucio Marzo è affetto da un grave disturbo di personalità e il fatto che abbia dato segni di squilibrio in concomitanza con la frequentazione di Noemi, non è naturalmente ascrivibile alla Durini, ma non è una coincidenza che Lucio frequentasse Noemi, una ragazza, anche lei, “ribelle” e “difficile”, ce lo conferma sua sorella Benedetta: “E’ stata sempre una ragazza diciamo un po’ ribelle però era molto buona, cercava sempre di vincere anche delle sfide impossibili con persone molto, magari, difficili, a loro volta” e, purtroppo, questa frequentazione è stata fatale ad entrambi. Infine, voglio sottolineare che sono due le famiglie distrutte da questo fatto di sangue.

Caso Garlasco, dopo 12 anni la verità sul movente: “Ecco cosa aveva cercato Chiara sul pc” (intervista)

Alberto Stasi

Più Donna, BY REDAZIONE, 1 APRILE 2019

Caso Garlasco, dopo 12 anni la verità sul movente: “Ecco cosa aveva cercato Chiara sul pc”

Dottoressa Ursula Franco, che può dirci sul profilo psichico di Alberto Stasi?

Dopo l’omicidio di Chiara Poggi è stato sequestrato ed analizzato il computer di Alberto Stasi, fidanzato della vittima ed unico indagato, l’analisi del pc ha rivelato l’ossessione di Stasi per i siti erotico-pornografici e l’acquisizione da parte dello stesso di alcune foto e video a carattere pedo pornografico. Dopo l’accusa di detenzione e divulgazione di materiale pedo pornografico, Alberto Stasi ha subito un processo, è stato condannato in primo e secondo grado ed infine assolto in cassazione.
7064 immagini e 542 filmati pornografici, 21 immagini e 7 filmati pedo pornografici si trovavano nel disco rigido del computer portatile di Alberto stasi in una cartella anonima chiamata NUOVA CARTELLA, all’interno di una directory denominata MILITARE, la quale oltre a contenere foto di aerei, carri armati e soldati celava il torbido segreto del giovane studente. Stasi aveva catalogato le immagini ed i filmati pornografici in undici cartelle dai titoli rivelatori: AMATEUR, BIG, PREGNANT, VIRGINS, FORCED, FACIAL, ORGY, COLLANT (2869 file), MATURE (586 file), FOTO CELL. In FOTO CELL gli inquirenti hanno trovato 89 immagini degli amici e di Alberto, Alberto in perizoma, foto di Chiara a Londra e foto della biancheria intima, dei piedi e delle scarpe di estranee incontrate per strada, alcune delle stesse scattate da Alberto con il telefonino pochi secondi dopo aver fotografato la fidanzata nella capitale inglese.

Il materiale a tema pedo pornografico è stato definito raccapricciante dalla corte d’Appello di Milano.

Dalle foto e dai video pornografici, dalla cura ossessiva impiegata nella loro catalogazione e dalla frequenza continua di visualizzazioni si evince che Stasi è affetto da disturbi della sfera sessuale consistenti in diverse parafilie, oltre alla pedofilia, la gerontofilia, il feticismo per scarpe ed indumenti intimi, il voyeurismo ed il sadismo. Dal punto di vista dell’analisi statistica, soggetti affetti dalla stesse parafilie di Alberto Stasi sono capaci di uccidere con maggior frequenza dei soggetti sani.

Qual è il movente dell’omicidio di Chiara Poggi?

Ogni azione ha un motivo, una causa che la determina, i moventi non sono assoluti ma sempre relativi, come si evince dalla casistica. Ciò che può condurre un soggetto ad uccidere può in un altro destare solo ilarità. Pensiamo ad un certo numero di soggetti omosessuali messi di fronte alla propria omosessualità ed alle loro possibili reazioni, reazioni che variano a seconda della loro età, dell’accettazione o meno da parte della famiglia d’origine, dell’ambiente in cui vivono, del grado di scolarizzazione, della religione di appartenenza, etc, etc.

Sono i disturbi della sfera sessuale di Alberto Stasi, ovvero le sue parafilie, il movente dell’omicidio.

L’assoluzione di Stasi per il reato di detenzione e divulgazione di materiale pedo pornografico non cancella le sue perversioni. Nonostante l’assoluzione, nessuno può negare che nel computer di Alberto ci fossero files a contenuto pedopornografico, pertanto il movente dell’omicidio resta.

Chiara, con tutta probabilità, poche ore prima di venir uccisa, dopo aver affrontato per l’ennesima volta l’argomento, minacciò di rivelare a qualcuno i segreti inconfessabili del suo fidanzato, sul pc della stessa venne ritrovato, a conferma di questa ipotesi, il risultato di una ricerca sui pedofili.

Quella sera del 12 agosto, secondo la logica, Alberto non sarebbe andato a chiudere il cane tra le 21.59 e le 22.10 per poi tornare a casa di Chiara ed infine rientrare poco dopo per dormire a casa propria, avendo tra l’altro in programma di svegliarsi presto per lavorare alla tesi di laurea, Stasi quella sera aveva intenzione di dormire con la Poggi, furono i dissidi con la fidanzata che lo indussero a tornare nella sua casa di via Carducci; Alberto Stasi ha mentito agli investigatori quando ha detto che non era sua intenzione restare a dormire da Chiara, lo ha fatto per nascondere la discussione ovvero il movente dell’omicidio.

Uno dei due scenari qui sotto descritti seguì alla discussione tra Chiara ed Alberto:

Omicidio premeditato: Stasi dopo aver discusso con la fidanzata nelle prime ore del 13 agosto, forse di una promessa non mantenuta, ha lasciato casa Poggi, ha premeditato l’omicidio e al mattino si è recato dalla fidanzata con l’intenzione di ucciderla.
Omicidio d’impeto: Stasi dopo aver discusso con la fidanzata nelle prime ore del 13 agosto, forse di una promessa non mantenuta, ha lasciato casa Poggi, è tornato poche ore dopo per chiarire, per chiedere a Chiara di non ‘sputtanarlo’ ma non è riuscito nel suo intento e per questo l’ha uccisa.
Stasi ha scelto di uccidere la fidanzata per non affrontare le conseguenze delle rivelazioni della Poggi che lo avrebbero marchiato per sempre come un pervertito. Stasi ha ucciso per evitare di andare incontro alla disistima genitoriale, ad una eventuale temutissima punizione paterna e al probabile fallimento del suo progetto di escalation sociale, lui, nipote di un camionista, figlio della media borghesia benestante che sognava da tempo un riscatto sociale ed era giunto quasi a laurearsi alla Bocconi, ad acquisire il titolo di dottore.

Alberto dopo l’omicidio ha fatto sparire l’arma usata per il delitto, l’assenza della stessa non ci permette di dire se egli uccise con premeditazione o meno, infatti, se egli avesse condotto sulla scena del crimine l’arma potremmo affermare con certezza che quello di Chiara fu un omicidio premeditato, in caso contrario, se egli l’avesse trovata in casa Poggi che fu un delitto d’impeto. Avvalora l’ipotesi dell’omicidio d’impeto la presenza della sua bicicletta, la Umberto Dei Milano, all’esterno della casa della vittima, se Stasi fosse andato da Chiara con l’intenzione di ucciderla avrebbe nascosto la bicicletta nel giardino di casa Poggi.

Il giorno dell’omicidio Stasi non si recò da Chiara con una bici nera da donna ma con la sua Umberto Dei.

Quando Alberto, dopo le 13.30, tornò in via Giovanni Pascoli non entrò nella villetta dei Poggi per non sporcarsi, la scena che descrisse agli inquirenti la conosceva perfettamente per averla vista in precedenza. Stasi, dopo aver commesso l’omicidio, gettò gli abiti e le scarpe insanguinate, si lavò e pulì la bicicletta Umberto Dei con la quale si era mosso quella mattina. Alberto, dopo aver fatto il possibile per eliminare ogni traccia del reato, non fu capace di resettarsi, non entrò nella villetta per non sporcarsi, temendo che eventuali tracce di sangue lo avrebbero incriminato mentre avrebbe dovuto desiderare di averne addosso per rendere più credibile il racconto della scoperta del cadavere. D’altra parte i colpevoli non riescono a pensare ed a comportarsi da innocenti tout court.

Che può dirci sulla telefonata di Stasi al 118?

La telefonata di Alberto Stasi al 118 delle 13.50 del 13 agosto 2007, esaminata secondo il modello di analisi critica delle telefonate di soccorso del Lt. Tracy Harpster, mostra molti gravi indizi di colpevolezza:

Durante tutta la telefonata l’operatore è a pesca di informazioni che Stasi avrebbe dovuto dargli spontaneamente.
Il tono della voce è scarsamente modulato, non in accordo con i fatti descritti. Mancano l’enfasi e la modulazione del tono della voce, mancano i picchi sulle parole chiave e non traspare alcun coinvolgimento emotivo.
Stasi richiede un’ambulanza fornendo ai soccorritori un indirizzo incompleto, mancante del numero civico, numero del quale Alberto avrebbe potuto rapidamente accertarsi; non solo, Alberto Stasi non informa il telefonista del 118 che il corpo di Chiara si trova all’interno della villetta dei Poggi, sulle scale che conducono in cantina; Alberto non si precipita in strada per aiutare i soccorritori ad entrare aprendo lui il cancello della villetta dei Poggi che sapeva chiuso. Tra l’altro Stasi è a conoscenza che il cancello della villetta dei Poggi è chiuso e che, inevitabilmente, tale circostanza rallenterà i soccorsi ma non si preoccupa di tornare indietro per aprirlo; tale comportamento ci segnala una mancanza di accuratezza che indica che Stasi non ha urgenza che Chiara venga soccorsa.
Stasi, secondo quanto riferito all’operatore, comunica la morte di Chiara senza essersi accertato delle sue reali condizioni e non avendo neanche le competenze mediche per farlo. Comunicare la morte di un soggetto per il quale si stanno chiamando i soccorsi, non è certamente un invito rivolto ai soccorritori a recarsi rapidamente sulla scena. L’accettazione della morte, specialmente quando la vittima ha una qualche relazione con colui che chiama i soccorsi, è una tecnica di distanziamento, uno dei più importante indicatori di colpevolezza. La reazione di un innocente che scopre la vittima di un omicidio o di un incidente è generalmente opposta, soprattutto i familiari negano nell’immediatezza la morte di un loro caro per l’incapacità di metabolizzare un’informazione così sconvolgente, anzi chiedono ai soccorritori di praticare sul corpo del defunto, anche quando questi appare ‘irrimediabilmente’ morto, ogni misura medica possibile per resuscitarlo.
Alberto non fa alcun riferimento alla vittima, solo in seguito alle domande dell’operatore del 118, ne parla come di una estranea, affermando: “credo che abbiano ucciso una persona” e “lei è sdraiata per terra”, mostrando di prendere le distanze da Chiara; poco dopo, ancora una volta in risposta ad una domanda dell’operatore, la definisce, non una parente, ma “la mia fidanzata”. Stasi, non introducendo, come avrebbe dovuto, la vittima, ovvero con nome, cognome e tipo di relazione che ha con lei, ci informa della pessima qualità del loro rapporto. Non fare il suo nome, inoltre, gli permette di depersonalizzarla in modo da ridurre lo stress che gli provoca il dover parlare di lei.

Come si comportò Alberto Stasi una volta giunto nella caserma dei Carabinieri?

Stasi mentre telefonava al 118 si stava recando nella caserma dei Carabinieri. Rispetto alla telefonata di soccorso egli è apparso agli uomini dell’Arma emotivamente un’altra persona, lo hanno descritto come tachicardico, in preda al panico, Stasi non ha nascosto di essere spaventato tanto che un carabiniere, preoccupato per le sue condizioni fisiche, gli ha misurato la pressione. Alberto è apparso calmo e distaccato al telefono con l’operatore del 118 ma appena giunto dai Carabinieri quella freddezza ha lasciato il posto al panico. Il panico è uno stato emotivo difficilissimo da nascondere, la cui causa, in questo caso, non è da ascrivere alla scoperta del cadavere della fidanzata quanto al timore di commettere degli errori che potevano indurre gli uomini dell’Arma a sospettarlo dell’omicidio. Egli nel “raccontare cosa è successo” ai militari, per usare la sua frase (da un testimone che dice di aver trovato un corpo ci aspetteremo solo frasi del tipo: “raccontare cosa ho visto” e non frasi che tradiscano una partecipazione), ha temuto di incorrere in contraddizioni fatali che gli avrebbero condizionato il destino, una posta in gioco altissima per Alberto, ecco perché era in preda al panico in caserma, un panico manifesto con evidenti sintomi fisici.

Che può riferirci riguardo agli interrogatori di Stasi?

Stasi durante gli interrogatori ha spesso dissimulato, non ha raccontato nè di dissidi precedenti nè di una eventuale discussione avuta con Chiara la sera del 12 agosto, discussione che, con tutta probabilità, aveva invece cambiato i programmi di quella serata. Chiara, a mio avviso, non era la prima volta che affrontava l’ossessione di Alberto per la pornografia e lo fece più volte nei suoi ultimi giorni di vita tanto da indurre Alberto a contattare per una seria emergenza due dei suoi amici più stretti, Marco Panzarasa e Simone Piazzon, attraverso telefonate ed sms dei quali nessuno dei tre ha mai rivelato i contenuti agli inquirenti.
Marco Panzarasa dopo essere stato contattato da Alberto anticipò di tre giorni il proprio rientro a Garlasco da Borghetto Santo Spirito, dove era in villeggiatura, adducendo poco credibili motivi di studio. Egli partì all’improvviso, come testimoniato da un amico, si fece accompagnare alla stazione di Loano verso le 10.00 del mattino di lunedì 13.8.2007 da Simone PIazzon ed affrontò un lungo viaggio con un treno regionale da Loano a Pavia.
Secondo il sostituto procuratore generale Laura Barbaini è soprattutto sospetta l’assenza di una qualsiasi spiegazione da parte dei tre ragazzi relativa al contenuto degli sms, in specie di quello inviato da Stasi alle 2.04 del mattino del 12 agosto all’amico Piazzon, messaggio poi cancellato da entrambi, assenza che ci conferma che Stasi, Piazzon e Panzarasa “non possono dire la verità perché è una verità scomoda per tutti, a riprova che qualcosa di grave è sicuramente successo”.
“C’è pertanto la traccia chiara – ha sostenuto il procuratore generale – di una sopravvenienza che i protagonisti scelgono di non spiegare, che si sviluppa tra le prime ore del 12.8.2007 e si conclude tra le prime ore del 13.8.2007, traccia che costituisce indice sicuro del fatto che si era delineata una problematica per Alberto Stasi. Non abbiamo il movente, o meglio lo possiamo ricavare: dall’insieme dei rapporti che intercorrevano abbiamo il segnale di un problema, non spiegato dai protagonisti e quindi valorizzato dal silenzio dei protagonisti”.

Viene da chiedersi, poi, perché Alberto negli interrogatori abbia taciuto la risposta muta di 12 sec sull’utenza di casa Poggi seguita alla sua telefonata delle 13.27. Perché solo dopo tale risposta si diresse in via Pascoli? Il sistema di allarme dei Poggi rispose in automatico, Alberto non poteva saperlo e forse temette che Chiara fosse ancora viva e che avrebbe potuto chiamare i soccorsi.

Stasi è incorso, durante gli interrogatori, in un enorme passo falso quando ha cercato di giustificare la presenza del sangue di Chiara sui pedali della sua bici Umberto Dei, Alberto ha sostenuto di aver pestato, nei giorni precedenti all’omicidio, il sangue mestruale della fidanzata e di averlo trasferito sui pedali, una spiegazione inverosimile. Alberto con la sua risposta non ha fatto che confermare che quello repertato dai RIS sui pedali era sangue.

Dai sui interrogatori: “…Ho capito che era morta solo quando l’ambulanza è arrivata e non è andata via con lei. Preciso che ho visto un medico scendere e parlare con i Carabinieri e fare un segno con le mani come per dire che non c’era bisogno. Ho appreso del decesso di Chiara dal dialogo tra i Carabinieri e i medici. Non ho chiesto a nessun medico se Chiara fosse deceduta né tantomeno quale fosse stata la causa del decesso…”. Stasi non ha fatto domande sulle condizioni di Chiara o sulla probabile causa della morte perché conosceva le risposte. Il fatto che Alberto non abbia chiesto informazioni su Chiara non è un dettaglio di poco conto.