Colts Neck murders: analysis of some statements released by Paul Caneiro’s lawyers

Paul J. Caneiro

Paul J. Caneiro, 51, is the brother of a Colts Neck man found dead along with his wife and two children at their burned out home on November 20, 2018.

On November 21, 2018, Caneiro was charged with one count of second degree Aggravated Arson in connection with the fire at his Tinton Avenue residence the morning of the murders. According withe the prosecutor’s office he purposefully set fire in his Ocean Township home while his wife and two daughters were inside.

Additional charges were later filed as announced by prosecutor Christopher J. Gramiccioni in a press conference on November 29, 2018.

Paul Caneiro was charged with 4 counts of murders, one count of second degree Aggravated Arson, second degree Possession of a Firearm for unlawful purpose and third degree Possession of a Knife for an unlawful purpose.

Paul Caneiro pleaded not guilty to all charges.

According to the prosecutor’s office, during the early morning hours of November 20, 2018, Paul Caneiro repeatedly shot his brother Keith, 50, at his Colts Neck property, he then shot and stabbed Keith’s wife, Jennifer, 45, and stabbed by knife their children, James, 11, and Sophie, 8, before setting a fire in the basement of the house in “an effort to conceal and disguise his earlier committed crimes”, then Paul Caneiro “returned to his house in Ocean Township” and “intentionally set fire in his home, out about 5 am, for the purpose of both destroy evidence his earlier crimes in Colts Neck and to also create the illusion that the overall Caneiro family was somehow victimized or targeted”.

On November 29, 2018, Monmouth County Prosecutor Christopher J. Gramiccioni revealed at a press conference that investigators believe the motive for the murders was “financial in nature, stemming from his and the victim’s joint business ventures they owned and operated out of Asbury Park”.

Keith and Jennifer Caneiro

On November 19, 2018, defence attorneys Robert Honecker Jr. and Mitchell Ansell released the following statement:

What we look for in the following excerpts is for Paul Caneiro’s lawyers to report a reliable denial from their client. We begin every statement analysis expecting truth, and it is the unexpected that confronts us as possibly deceptive.

Paul Caneiro is an innocent man who stands wrongfully accused by the State of New Jersey. Paul’s family means more to him than anything else in this world. Paul’s brother Keith and his family similarly were everything to Paul. He worked with his brother Keith for 31 years and he loved his sister-in-law as if she was his sister. Paul Caneiro always participated in the lives of Jesse and Sophia from watching them at their various events at school and spending time with them frequently. Paul just couldn’t say no to his family. The process today can begin for a search for the truth and who committed these horrendous acts. From the moment Paul Caneiro was arrested, he has asserted his innocence in that he had absolutely nothing to do with these horrific crimes. Paul continues to maintain his innocence. There is absolutely no reason in the world for Paul Caneiro to have committed the crimes he is alleged to have committed. He would never hurt any member of his family. Paul’s expectations are when this case is over he will be completely vindicated and the truth will come out.

Note that in this statement Caneiro’s lawyers affirm not that their client “didn’t do it” but that he “is an innocent man who stands wrongfully accused by the State of New Jersey” and that he “continues to maintain his innocence”.

To affirm to be innocent is different from saying “I didn’t kill my brother and his family”, which is expected. To say “He is innocent” or “I am innocent” is to deny the judicial outcome, not the action. 

An innocent “de facto” is someone who did not “do it” and is able to say “I didn’t do it” and eventually to add in the judicial conclusion, when Caneiro says “I’m innocent” he says the truth, he is still innocent “de iure” because he hasn’t been judged jet. 

However, note that “Paul continues to maintain his innocence” leave open the possibility that he could change his mind and plea guilty.

“Paul’s family means more to him than anything else in this world. Paul’s brother Keith and his family similarly were everything to Paul. He worked with his brother Keith for 31 years and he loved his sister-in-law as if she was his sister. Paul Caneiro always participated in the lives of Jesse and Sophia from watching them at their various events at school and spending time with them frequently. Paul just couldn’t say no to his family. Paul continues to maintain his innocence. There is absolutely no reason in the world for Paul Caneiro to have committed the crimes he is alleged to have committed. He would never hurt any member of his family” are 113 words used to try to persuade the listeners/readers of something that Paul Caneiro was unable or unwilling to say to his lawyers which is “I didn’t kill my brother and his family”, something that would take the effort to say just 9 words. 

“he had absolutely nothing to do with these horrific crimes”“There is absolutely no reason in the world for Paul Caneiro to have committed the crimes he is alleged to have committed” and “He would never hurt any member of his family” are unreliable denial.

Keith Caneiro’s property in Colts Neck, New Jersey

On November 30, 2018, Paul Caneiro’s defense attorneys, Robert Honecker Jr. and Mitchell Ansell spoke to the journalist outside the Monmouth County court:

Defence attorney Robert Honecker Jr.: Good morning everyone, first of all I need to introduce ourselves, my name is Robert Honecker Jr., I’m partner with the with Law firm Ansell, Grimm and Aaron, my partner Mitchell Ansell, we are both criminal defence attorneys. We both have been doing this probably 30, 20, 30 years. We represent Paul Caneiro. You understand that Mr. Caneiro has been charged with four counts of murders, associated charge of arson and weapon possession. Mr Caneiro maintains his innocence of the charges, he has indicated that he would never engage in conduct which would cause harm to his brother or his brother’s family and he intends to challenge the evidence that he is been gathered by the prosecutor’s office in this case and certainly in his view he believes that when the case will fall out the result that he’ll be vendicated.

According with what defence attorney Robert Honecker Jr. said at the press conference, Paul Caneiro didn’t say that he “didn’t kill his brother and his family” but that he has indicated that he would never engage in conduct which would cause harm to his brother or his brother’s family”, this is an unreliable denial.

Note that defence attorney Honecker reported again that “Caneiro mantains his innocence of the charges”.

Note that “in his view he believes” is distancing language.   

Defense attorney Mitchell Ansell: I like to add that Paul Caneiro loved his brother, loved his sister-in-law like a sister, loved those children and would never do anything to harm them. There’s no reason on this earth for him to have harmed them.

Defense attorney Mitchell Ansell reported that Caneiro “loved his brother, loved his sister-in-law like a sister, loved those children and would never do anything to harm them. There’s no reason on this earth for him to have harmed them“, these are unreliable denial. 

Note the desire to persuade of something Paul Caneiro is unable or unwilling to deny.

Note that Caneiro used with his lawyers the word “harm” instead of “kill” to minimize, this has to do with the sense of guilt. Minimization is a distancing measure, it’s a way to avoid of dealing with negative emotions by reducing the importance and impact of events that give rise to those emotions, it’s a common strategy used by guilty people to deal with feelings of guilt.

Defense attorney Robert Honecker Jr.: And… and now we begin the process, this is the criminal justice process, this process is designed to search for the truth, obviously the State has their view of what occurred in Colts Neck, New Jersey, certainly we will represent a different view and automatically a decision will be made as to what happened that evening and early morning hours in Colts Neck.

Defense attorney Mitchell Ansell: He does maintain his innocence.

Defense attorney Mitchell Ansell: His family is supporting him. It’s just with what was going on this morning, we felt it better and safer for them not to be here. We were consenting to detention. There was not going to be a hearing today so there really was no need for them to be here.

ANALYSIS CONCLUSION

Caneiro was unable to release a reliable denial to his lawyers.

He showed a need to persuade that usually innocent don’t have.

He counts on listeners to interpret. 

There is no “wall of truth” within him. The “wall of truth” is an impenetrable psychological barrier that often leads innocent people to few words, as the subject has no need to persuade anyone of anything.

In my opinion, Paul Caneiro will be charged with four counts of capital murder and his lawyers will do their best to take the death penalty “off the table”. Probably Caneiro will plea guilty as part of a deal, in exchange prosecutors will agree to not pursue the death penalty against him.

Ursula Franco, MD and criminologist

Annunci

Omicidio Tommaso Onofri: analisi di alcuni stralci di un’intervista rilasciata da Mario Alessi prima della confessione

Mario Alessi

Nelle campagne del parmense, intorno alle 19.30 del 2 marzo del 2006, due pregiudicati, Mario Alessi e Salvatore Raimondi, armati e a volto coperto, dopo aver staccato la luce dal contatore esterno ed indotto il capofamiglia ad uscire, si introdussero nell’abitazione della famiglia Onofri, immobilizzarono con del nastro adesivo il capofamiglia Paolo, sua moglie Paola e il loro figlio più grande, Sebastiano, e rapirono Tommaso, di soli 17 mesi. Tommaso aveva la febbre ed era soggetto a crisi di epilessia.

I RIS isolarono sul nastro adesivo usato dai rapitori per immobilizzare i familiari di Tommaso un’impronta digitale di Salvatore Raimondi.

A un mese dai fatti, il primo aprile del 2006, Mario Alessi confessò l’omicidio del piccolo Tommaso e in seguito condusse gli investigatori sul luogo in cui aveva occultato il corpo del bambino.

Per il rapimento e l’omicidio di Tommy, Mario Alessi è stato condannato all’ergastolo, la sua compagna, Antonella Conserva, a ventiquattro anni di reclusione mentre Salvatore Raimondi è stato condannato a 20 anni di reclusione.

Tommaso Onofri detto Tommy

Mario Alessi rilasciò la sua prima intervista al giornalista Marco Federici de La Gazzetta di Parma, intervista che venne pubblicata lunedì 20 marzo 2006. Ne riporto solo alcuni stralci in quanto l’intervista integrale è introvabile.

Mario Alessi: “Io in questa vicenda non c’entro niente”.

“Io in questa vicenda non c’entro niente” non è una negazione credibile.

 “Io non ho rapito Tommaso Onofri” sarebbe stata una negazione credibile.

Mario Alessi: “Ho visto Tommaso quando lavoravo a Casalbaroncolo: è un bambino bellissimo”.

La frase “è un bambino bellissimo” lascia pensare; Alessi ha un figlio cardiopatico, probabilmente la rabbia per la propria sorte e l’invidia per la fortuna altrui hanno avuto un ruolo nell’omicidio di Tommy.

Mario Alessi: “Quando ho appreso del sequestro mi sono cadute le braccia. Come credo a qualunque persona umana”.

Mario Alessi sente la necessità di descriversi Come una “persona umana” proprio perché non lo è. Alessi è affetto da un disturbo antisociale di personalità, una delle caratteristiche principali di questo disturbo è proprio la mancanza di empatia.

Mario Alessi: “La mia colpa è solo quella di essermi guadagnato il pane. In più ho un bimbo di sei anni che sto cercando di tutelare e che non riesce più a dormire la notte”.

Alessi si riconosce una “colpa”.

Con la frase “La mia colpa è solo quella di essermi guadagnato il pane”, Mario Alessi desidera rappresentarsi come un “good guy”, un bisogno che hanno solo i “bad guy”.

Alessi usa il proprio figlio di sei anni per muovere a compassione.

Mario Alessi: “Mi auguro che il piccolo Tommaso torni a casa al più presto perché ha bisogno di tanto affetto”.

E’ gratuito che Mario Alessi aggiunga la ragione per la quale Tommaso dovrebbe tornare a casa.

Mario Alessi, il 29 marzo 2006, in un’intervista televisiva, anch’essa irreperibile integralmente, disse:

Mario Alessi: “Tutti i bambini sono angeli e cioè per me che scendono proprio dal cielo, scendono dal cielo… e una cosa così non va fatta, non va fatta assolutamente, i bambini vanno lasciati in pace dai lo-ro genitori perché l’hanno messo al mondo perché tengono una cosa cara”.

Alessi associa Tommaso ad un angelo rivelandoci di essere a conoscenza che il bambino è morto. Poi, nel tentativo di aggiustare il tiro afferma che i bambini “scendono dal cielo”.

“e una cosa così non va fatta, non va fatta assolutamente, i bambini vanno lasciati in pace dai lo-ro genitori” non è una negazione credibile ma un tentativo di manipolare i suoi interlocutori, di indurli a concludere ciò che lui non è capace di negare. 

Mario Alessi: “Di lasciarlo libero subito, subito… subito. Cioè… e che si presenti veramente davanti alla giustizia… e si assume le responsabilità”.

Mario Alessi: “Mi sento la coscienzaa libera e pulita, libera e pulita”.

“Mi sento la coscienzaa libera e pulita, libera e pulita” non è una negazione credibile, peraltro un soggetto con un disturbo antisociale non si confronta mai con la propria coscienza, perché una coscienza, intesa in senso lato, non ce l’ha. Il fatto che Alessi ripeta gli aggettivi “libera e pulita” rivela un bisogno di convincere.

Mario Alessi: “Cioé, io non sarei capace de… di far male ad un bambino, assolutamente, assolutamente”.

“Cioé, io non sarei capace de… di far male ad un bambino, assolutamente, assolutamente” non è una negazione credibile. “Io non ho ucciso Tommaso” sarebbe stata una negazione credibile.

Si noti la collocazione della pausa nella frase “io non sarei capace de… di far male ad un bambino”.

Si noti l’avverbio “assolutamente”, peraltro ripetuto, che svela ancora una volta un bisogno di convincere.

Mario Alessi: “Il giorno che sarà liberato Tommaso, perché vedo che già sono abbastanza vicine, io darò una festa, riguardo cioè… a questa cioè… pena che sta passando quel bambino, io darò la festa”.

Mario Alessi: “Io in quel bar c’ero, ho preso un caffè e sono uscito fuori perché aspettavo una persona che dovevam parlare di lavoro e basta”.

“e basta” è un modo di chiudere l’argomento, un argomento che evidentemente stressa l’Alessi. La titolare del bar dichiarò agli inquirenti: “La sera in cui hanno rapito Tommaso me la ricordo benissimo: e proprio perché per circa un’ora, tra le 7 e venti e le 8 e un quarto,non è entrato nessuno. Tanto che mi sono messa a giocare con le macchinette, ma appena ho infilato il gettone è entrata una pattuglia dei carabinieri. Cercavano strada Casalbaroncolo, il numero 27”.

CONCLUSIONI

Alessi non ha negato in modo credibile né di aver rapito il piccolo Tommaso Onofri né di averlo ucciso.

Nell’intervista del 29 marzo 2006, paragonando il piccolo Tommaso ad un angelo, ha rivelato che il bambino era ormai morto.

Ha tentato di rappresentarsi come un “good guy”.

Alessi ha mostrato di non potersi avvalere del cosiddetto “muro della verità” che è una potente ed impenetrabile barriera psicologica che posseggono coloro che dicono il vero e che gli permette di rispondere con poche parole perché non sentono il bisogno di convincere nessuno.

Analysis of Stephen Allwine’s 911 call

Minneapolisi, Minnesota. Stephen Carl Allwine worked as an IT specialist and was a deacon at the United Church of God. His wife Amy had a dog training business at their Cottage Grove home. They had been married for 20 years and had an adopted nine-year-old son.

Stephen Carl Allwine

On November 13, 2016, around 7:00 pm, Stephen Allwine made the following 911 call from his home:

Operator: 911, what’s the address of the emergency?

Stephen Allwine: I… think… I think my wife… I think my wife shot herself. There is blood all over.

We note the stuttering “I think” especially because Allwine doesn’t ask for help for his wife.

Note that he doesn’t introduces his wife Amy as expected. The social introductionis a key to understand a relationship. We always note the incomplete social introduction, usually a signal of a poor relationship. We assume that during an emergency call the reason for an incomplete social introduction could be the urgency.

Boy: Shot herself with a gun?

Stephen Allwine: It looks like it.

Operator: Does she still have the weapon?

Stephen Allwine: I don’t know. We just got home.

Note that Allwine doesn’t just answer the question but adds “We just got home”. 

Note the use of “just”“just” is a dependent word used to comparison. Its communication is found in dependence upon another thought and as other dependent words reveals withheld information.

We always note sentence like “We just got home”. This could be “alibi building” and the use of “We” could show a desire to hide in a crowd.

Operator: Where did she shoot herself?

Stephen Allwine: I don’t know. I just saw her and… and blood.

Allwine is referring the operator that he doesn’t know if his wife shot herself, so why his first words were “I… think… I think my wife… I think my wife shot herself”? This is a discrepancy.

Operator: Okay, do you see her right now?

Stephen Allwine: No. I’m with my son.

Operator: Sir, do you know if she was breathing at all?

Stephen Allwine: I don’t. We just got back from dinner.

Allwine didn’t check on his wife, this is suspect.

Note that “We just got back from dinner” is repeated.

Operator: Okay, would do you like to check on her and see if she is or do you believe she is behind help?

Stephen Allwine: Stay there for just a second, they want me to go check on her. Hang on.

“They want me to go check on her” is unexpected.

Operator: Okay.

Stephen Allwine: She is not breathing, I… I can’t tell where she’s shot, I don’t know.

Note the stuttering “I”, a signal of increase in anxiety.

(Son: Why did she shoot herself?

Stephen Allwine: I don’t know, I don’t know, bud.

Son: Are you gonna remarry?

Stephen Allwine: (laugh) I don’t know, bud).

Operator: Are there any other weapons in the residence, sir?

Stephen Allwine: Yes, there is a shotgun in the room and… uh… two rifles downstairs.

Operator: Ok, is the shotgun the one she has?

Stephen Allwine: No, she had a handgun.

Operator: Is it just you and your son home right now?

Stephen Allwine: Yes.

Operator: Okay, Stephen, are you able to just step out of the… step out of the home with your son, so my officers can see you when they pull up?

Stephen Allwine: Yeah.

ANALYSIS CONCLUSION

Deception indicated.

Allwine never asked for help for his wife Amy, nor he showed any linguistic concern for her, nor he showed any urgency.

He tried to establish an alibi for himself twice and tried to hide in a crowd twice.

He never introduces his wife Amy as expected. The social introduction is a key to understand a relationship. His linguistic disposition towards his wife tells us that they had a poor relationship at the time of the call.

Stephen Carl Allwine has guilty knowledge of what happened to his wife Amy.

According with the investigation, Amy was killed by a gunshot wound in the right ear and the crime scene looked like it had been staged because many inconsistencies:

  1. Amy was right-handed and the gun was found lying next to and against her left forearm/elbow area.
  2. The gunshot wound was on her right side of the head.
  3. Amy’s hands revealed no soot, no gunpowder stippling, no unburned gunpowder stippling and no blood.
  4. Amy’s body had been moved and someone had cleaned up the scene.
  5. Nine bloodstains were found in the hallway floor and lower north wall outs the master bedroom where the victim was found. A large area on the hardwood floor had blood on it but had been cleaned. Nine bloody footprints that appeared to have been cleaned up were enhanced using Luminol on the floor between the master bedroom and the laundry room.
  6. The autopsy revealed that Amy had scopolamine, in large quantity in her system. Scopolamine is an anti-nausea drug that she was never prescribed.
  7. Local law enforcement noted no force entry into the home.

According with the prosecutors Stephen Allwine’s had tried to hire a hitman to murder his wife but when his plan failed he drugged Amy to incapacitate her, then killed her with a single gunshot wound to the head and made her murder look like a suicide.

On January 31, 2017, Stephen Carl Allwine, 43, was convicted by a Washington County jury of first-degree premeditated murder in the killing of Amy Allwine on Nov. 13, 2016. On February 2, 2018, he was sentenced to life in prison without the possibility of parole.

The Washington County prosecutors argued that Stephen’s motive was to collect his wife’s $700,000 life insurance policy, of which he was the sole benefactor.

Stephen Allwine is serving his term at the St. Cloud Prison.

Analisi di un’intervista rilasciata da Padre Gratien Alabi a Giuseppe Pizzo

Padre Gratien Alabi

Padre Gratien Alabi ha 48 anni, è di nazionalità congolese, ha studiato alla Facoltà di Teologia dell’Università Saint Augustin di Kinshasa, al momento della scomparsa della Piscaglia, da circa un anno, si occupava con altri frati congolesi della parrocchia di Ca’ Raffaello. Padre Gratien è stato condannato in primo grado a 27 anni di reclusione e in secondo grado a 25 per l’omicidio di una sua parrocchiana, tale Guerrina Piscaglia, comparsa da Ca’ Raffaello il primo maggio 2014. Alcuni dei suoi ormai ex parrocchiani lo adoravano e lo hanno descritto come estroverso, amichevole, capace di una parola per tutti, mentre i suoi detrattori lo detestavano in quanto ritenevano che i suoi modi non si addicessero ad un uomo di Dio, tanto che alcuni di loro hanno abbandonano la sua chiesa ed altri hanno segnalano i suoi comportamenti libertini alla curia vescovile di Arezzo che, nonostante tutto, non ha mai preso provvedimenti nei suoi confronti.

In un’intervista andata in onda il 28 novembre 2018 dalla trasmissione Chi l’ha visto?, Padre Gratien si è così espresso:

Giuseppe Pizzo: In una delle sentenze c’è scritto che lei ha ucciso a mani nude Guerrina.

Padre Gratien Alabi: (ride)

Giuseppe Pizzo: Con queste mani.

Padre Gratien Alabi: (ride) Allora, mi fa ridere, nel senso che… dicendo che… perché io sono robusto, per quel motivo io po… potevo strangolare quella donna, io penso che…  boh… strangolare una donna… per strada e tutte passavano lì perché era la fiera quel giorno lì, ma non lo so… eh… come possono immaginare una cosa de genere.

“perché io sono robusto, per quel motivo io po… potevo strangolare quella donna” è un’ammissione tra le righe.

Quando Gratien dice “io penso che…  boh… strangolare una donna… per strada e tutte passavano lì perché era la fiera quel giorno lì, ma non lo so… eh… come possono immaginare una cosa de genere” non nega di aver ucciso la Piscaglia ma contesta (giustamente) la ricostruzione dell’omicidio fatta dagli inquirenti e dai giudici. 

Secondo gli inquirenti e i giudici, Padre Gratien uccise Guerrina in strada prima delle 14:34 del primo maggio 2014, una ricostruzione sbagliata che, come nel caso Ragusa, lascia spazio alla difesa.

Quel primo maggio, dopo aver pranzato a casa dei suoceri con il marito Mirko, Guerrina tornò a casa propria per poi allontanarsi di nuovo, intorno alle 14.30, per una passeggiata. La madre del marito ha riferito agli inquirenti di averla vista dalla finestra di casa sua sulla strada che conduce alla canonica di Ca’ Raffaello, percorso che Guerrina ormai faceva quotidianamente, a suo dire, per perdere un po’ di peso. Due testimoni hanno riferito di averla incontrata pochi minuti dopo, sulla strada verso Nuovafeltria. Infine, un ex postino ha raccontato di aver notato, verso le 15.00, una donna seduta sul muretto tra la strada principale del paese ed il sentiero che conduce alla chiesa di Ca’ Raffaello. 

Sempre quel primo maggio 2014, una testimone ha raccontato agli inquirenti di aver incontrato Padre Gratien sulla strada, a circa 20 metri dalla casa della Piscaglia, alle 14.34, di essersi trattenuta a parlare con lui per circa 10 minuti, di aver notato nello stesso lasso di tempo l’Alessandrini intento a lavare la Ford del frate, macchina che l’uomo era andato a prendere in canonica alle 13.00.

Il marito della Piscaglia, Mirko Alessandrini ha invece riferito agli inquirenti di essere tornato in canonica con l’auto del frate pulita intorno alle 14.50, di aver suonato alla porta di Padre Gratien, di avergli consegnato le chiavi della Ford, di aver aspettato in cortile che il vice parroco si cambiasse gli abiti, per poi dirigersi a Presciano di Sestino Guerrina dove avrebbe dovuto officiare un funerale. Presciano di Sestino è una frazione di Sestino che si trova a circa diciotto chilometri da Ca’ Raffaello. Secondo i parenti del defunto, Padre Gratien Alabi, che era atteso a Presciano di Sestino per le 16.00, arrivò in ritardo.

Guerrina, quel primo maggio, aveva inviato al frate un messaggio dal seguente testo: “Vengo da te cucino il coniglio e poi facciamo l’amore”, Padre Gratien le aveva risposto: “Il coniglio l’ha cucinato un’altra signora”, evidentemente nell’intento di dissuadere la Piscaglia dal presentarsi da lui, ma poi, alle 13.45, al fine di evitare che la donna gli inviasse altri messaggi, si era visto costretto a scriverle: “La porta della canonica è aperta”. 

Il vice parroco non aveva però atteso Guerrina in canonica ma era uscito per non vederla; se Padre Gratien fosse riuscito ad evitate Guerrina fino al momento in cui Mirko non si fosse recato da lui per portarlo a Presciano di Sestino, avrebbe potuto non incontrarla per tutto il resto della giornata, per questo motivo il frate lasciò la canonica. Alle 14.34, incontrò sulla strada una parrocchiana e si intrattenne con lei a chiacchierare (si è potuto ricavare l’orario preciso dell’incontro con la parrocchiana grazie ad un messaggio ricevuto dalla donna mentre si trovava con il frate). 

Dopo quell’incontro il vice parroco tornò in canonica per cambiarsi gli abiti per poi recarsi con l’Alessandrini ad officiare le due messe nei paesi vicini.

Solo al suo rientro in canonica, qualche minuto prima delle 15.00, il viceparroco trovò ad attenderlo la Piscaglia ed in seguito ad una discussione l’uccise.

Proprio subito dopo l’omicidio, Mirko arrivò alla canonica e suonò a Padre Gratien che, come da lui riferito, non lo fece entrare, tanto che l’Alessandrini rimase in cortile ad aspettare il frate che gli aveva detto di doversi cambiare gli abiti ma in realtà l’uomo era intento a nascondere temporaneamente l’ingombrante cadavere di Guerrina. 

Se Padre Gratien avesse ucciso Guerrina tra le 13.46 e le 14.39, non sarebbe uscito e non avrebbe perso tempo in chiacchiere con una parrocchiana ma si sarebbe preoccupato di occultarne il corpo in quell’occasione e non sarebbe arrivato in ritardo al funerale; il frate nascose il cadavere della sua vittima, anche se temporaneamente, solo intorno alle 15.00, poco dopo averla uccisa uccisa e per questo motivo arrivò in ritardo al funerale. 

Infine, Mirko e Padre Gratien si diressero in auto a Sestino e durante il tragitto il frate chiese all’Alessandrini di tornare indietro con la scusa di dover prendere un libro; il viceparroco, raccontò a Mirko una menzogna, Padre Gratien volle tornare indietro, forse per prendere il telefonino della Piscaglia o per altro, ma sempre per un motivo legato all’omicidio.

E comunque la motivazione addotta dall’Alessandrini non basta a giustificare quel ritardo, Mirko non ci dice quanto tempo Padre Gratien abbia impiegato per prendere il libro, né quanto tempo lo abbia fatto aspettare all’esterno della canonica mentre si cambiava gli abiti. Se lui e padre Gratien fossero partiti e tornati indietro solo per prendere un libro, come dice Mirko, ipotizzando un’inversione della marcia a circa metà strada, partendo alle 15.10/15.15 come da lui riferito, avrebbero impiegato solo 20 minuti in più e quindi sarebbero arrivati alle 15.55-16.00 circa, in tempo per il funerale fissato per le 16.00. Questo ritardo, che nessuno dei due uomini ha motivato per lunghi mesi, ci permette di inferire che evidentemente è successo qualcosa di critico intorno alle 15.00 e che il frate si è fatto attendere dall’Alessandrini per lungo tempo.

E’ possibile che Padre Giovan Battista fosse nella canonica durante l’omicidio e molto probabilmente aiutò Padre Gratien ad occultare definitivamente il cadavere di Guerrina quella stessa notte. Lo si evince da una chat di agosto, uno scambio di messaggi intercorso tra i due “religiosi”; mentre Padre Giovan Battista si trovava ad Haiti, che aveva raggiunto nel mese di luglio, Padre Gratien gli chiese aiuto e non avendo ricevuto risposta lo ricattò, minacciando di diffondere un video in suo possesso che avrebbe potuto danneggiarlo.

Riassumo i motivi per i quali si può ragionevolmente escludere che Padre Gratien abbia ucciso Guerrina in strada:

– nel messaggio inviato da Gratien a Guerrina si parlava di una porta della canonica aperta;

– Gratien non avrebbe discusso in strada con Guerrina del loro rapporto sentimentale che voleva tenere nascosto, tanto che la uccise per evitare che divenisse pubblico; Gratien avrebbe discusso solo in un posto sicuro, lontano da orecchie indiscrete;

– un ambiente chiuso e protetto favorisce le reazioni violente al contrario di un luogo pubblico dove si corre il rischio di essere visti;

– Gratien non fece entrare Mirko nella canonica ma lo lasciò ad aspettare in cortile perché aveva appena commesso l’omicidio ed il corpo di Guerrina si trovava all’interno della struttura;

– se il frate avesse ucciso Guerrina tra le 13.46 e le 14.39, non sarebbe arrivato in ritardo al funerale; la uccise invece poco prima di partire ovvero qualche minuto prima delle 15.00 ;

– Gratien rientrò in canonica con la scusa di prendere un libro, il frate in realtà tornò sulla scena del crimine e probabilmente in quell’occasione prese il cellulare di Guerrina. Una riprova che il corpo della donna si trovava all’interno della canonica.

Giuseppe Pizzo: Lei, quel giorno, primo maggio…

Padre Gratien Alabi: Sì.

Giuseppe Pizzo: … non ha incontrato Guerrina?

Il giornalista suggerisce al frate di negare.

Padre Gratien Alabi: No, no, no.

E il frate naturalmente nega. Il giornalista per ottenere informazioni utili avrebbe dovuto chiedere all’Alabi di raccontargli i suoi movimenti del primo maggio 2014 dalle 14:00 alle 15:00.

Giuseppe Pizzo: Perché poi questa donna avrebbe inventato un rapporto con lei, una gravidanza, lei addirittura che prende un appuntamento a Perugia in un ospedale per farla visitare?

Padre Gratien Alabi: No, non era che… no, nel senso che lei diceva che… come si dic… a lei piaceva avere uno figlio così de colore se sa… (interrotto).

L’Alabi non risponde a tono alla domanda ma riferisce che Guerrina aveva espresso il desiderio di avere un figlio di colore.

Giuseppe Pizzo: L’ha detto lei?

Padre Gratien Alabi: Sì, ma parlava così anche davanti a suo marito

Si noti l’uso della particella aggiuntiva “anche” che lascia supporre che anche in privato Guerrina avesse confidato al frate di desiderare un figlio di colore. 

Giuseppe Pizzo: E lei cos’ha detto? Facciamolo noi?

Padre Gratien Alabi: No, no, no, no, perché… anche il fatto che la sua famiglia o gli altri negano che… la sua testa non andava bene… boh… mi dispiace di dire questa cosa per… perché è la TV.

L’Alabi non voleva un figlio da Guerrina e di sicuro sperava di non averla messa incinta in quanto sarebbe stato difficile negare ai suoi superiori di essere il padre di un bambino di colore nato dalla Piscaglia.

Quando l’Alibi, parlando di Guerrina, sostiene che “la sua testa non andava bene” dice il vero.

Giuseppe Pizzo: Però questa donna possibile che inventa “Io sono incinta di Padre Graziano”, “asp…”, “Vengo da lei facciamo l’amore” quindi… perché questa donna deve inventare questa storia?… e poi scompare questa donna.

Padre Gratien Alabi: No, ma… dire che era incinta di me, è troppo dire… eee… e dire che era innamorata di me… boh… io vedevo dei gesti ma… io non potevo chiedere a lei: “E’ così, così”.

L’Alabi non nega di aver avuto dei rapporti con la Piscaglia, afferma solo che “dire che era incinta di me, è troppo dire”.

Giuseppe Pizzo: Lei non ha mai avuto un rapporto con Guerrina (incomprensibile)?

Il giornalista suggerisce al frate di negare.

Padre Gratien Alabi: No, mai.

E il frate nega.

Giuseppe Pizzo: Però lei quel giorno, il primo maggio, prima della scomparsa, poche ore prima, no? Guerrina le manda dei messaggi, cosa… Tutti abbiamo letto quello che poi hanno scritto gli inquirenti: “vengo da te cucino il coniglio, facciamo l’amore” invece, in quei messaggi, Guerrina cosa scriveva? Cosa ha scritto Guerrina?

Padre Gratien Alabi: Ma hai detto già che ha scritto così, ha scritto così.

Giuseppe Pizzo: No, questo sappiamo noi, ok? qual’è invece la sua versione? Cosa c’era scritto su quei messaggi?

Padre Gratien Alabi: Ma l’hai già detto.

Giuseppe Pizzo: Quindi Guerrina ha detto: “vengo da te cucino il coniglio e poi facciamo l’amore”.

Padre Gratien Alabi: Quella parole c’era, sì, 

Giuseppe Pizzo: E lei cosa ha risposto? 

Padre Gratien Alabi: Allora… (interrotto).

Giuseppe Pizzo: Non ha risposto: “Io sono un prete di Ca’ Raffaello, ma dove vai”?

Padre Gratien Alabi: No, no, ioo perchè ioo… io… io sapevo che… come ho detto che la sua testa a volta non andava bene, vedere un messaggio del genere per me e vedendo il suo comportamento, il suo carattere, io capisco che la testa non gira.

Il balbettio sul pronome personale “io” ci rivela lo stato di stress in cui versa il frate.

L’Alabi riferisce al giornalista di essersi allarmato alla lettura del messaggio.

Giuseppe Pizzo: Quindi lei aspetta la sentenza, non scappa, questo ce lo promette che non scappa?

Padre Gratien Alabi: (ride) mi fa ridere quella domanda perché, se io ero una persona che voglio scappare, ma da ora… oppure mi sentivo colpevole… bah… io potevo andarmene fino al mio paese e rimanere lì senza che nessuno lo sappia, ma io sono una persona cosciente, io sono prete, voglio fare le cose nella sincerità, nella verità, scappare per andare dove?

Ancora una volta, l’Alabi è incapace di negare di aver ucciso Guerrina.

Si noti che secondo il frate c’è una differenza tra “essere colpevole” e “sentirsi colpevole”, è probabile che l’Alabi ritenga che il movente faccia la differenza.

Il movente dell’omicidio di Guerrina è da ricercare nel rapporto sentimentale tra l’Alabi e la donna, rapporto che per la Piscaglia era divenuto un ossessione e per lui un incubo, forse Guerrina, quel primo maggio, sentendosi ignorata dal frate, lo minacciò di far scoppiare uno scandalo a Ca’ Raffaello e Padre Gratien, ormai consapevole di non poter gestire la Piscaglia, certo che le proprie doti manipolatorie non sarebbero bastate a tenere a bada una donna così perdutamente ed irragionevolmente innamorata di lui, la uccise. Nei giorni precedenti l’omicidio, la situazione era ormai fuori controllo, lo si evince dallo scambio di messaggi tra i due, la Piscaglia aveva inviato a Gratien un sms con il seguente testo: “Sono incinta e tu sei il padre del bambino”. Un intervento chirurgico cui era stata sottoposta in aprile la donna e la sua età fanno supporre che la Piscaglia non fosse incinta ma intendesse giocarsi la carta della gravidanza per avvicinare a sé Padre Gratien che percepiva ormai sfuggente. Dopo quel messaggio il frate aveva preso un appuntamento presso un ospedale dove lavorava una sua amica perché Guerrina si sottoponesse ad un test di gravidanza ma la donna non si presentò all’appuntamento, una riprova che mentiva sul suo stato. Per quanto riguarda i 4000 messaggi scambiati tra la donna ed il frate, quei messaggi, in massima parte, sono stati inviati da Guerrina Piscaglia, una Guerrina ormai stalker. 

CONCLUSIONI

Anche in questa intervista Padre Gratien non è stato capace di negare di aver ucciso Guerrina ma soprattutto è apparso sottotono e rassegnato al suo destino giudiziario, un uomo sconfitto. 

Si confronti il contenuto di questa recente intervista con quello dell’intervista che nel gennaio 2015 Padre Gratien Alabi ha rilasciato sempre all’inviato del programma televisivo Chi l’ha visto?, Giuseppe Pizzo:

Giornalista: Lei non sa dov’è Guerrina?

La domanda giusta da fare sarebbe stata: “Secondo lei, Guerrina dov’è?” e non una domanda diretta che tra l’altro suggerisce all’intervistato di negare.

Padre Gratien: Ss… come ho detto anche a voi, se voi come giornalista attraverso il vostro lavoro potete aiutare a chiedere anche informazioni alla gente, se l’hanno vista da qualche parte o conoscono qualcuno da.. con chi lei sta sarà una bella notizia per me, anche una bella notizia per altri… se io sapevo dove e con chi sta adesso, io potevo fare la denuncia anche adesso subito, perché mi libera.

Si noti l’iniziale “Ss”.

Il frate non nega in modo credibile di sapere dove si trovi Guerrina ma prova a manipolare il suo interlocutore attraverso una lunga tirata oratoria/appello ai telespettatori. 

Giornalista: Si rivolga a Guerrina, la inviti a tornare a casa!

Il giornalista impone al frate di rivolgersi a Guerrina e gli suggerisce di invitarla a tornare a casa mentre avrebbe dovuto semplicemente chiedergli: “Vuol fare un appello?”.

Padre Gratien: Sì, ma quello io dico, se dove vede la tv come dicono le informazioni oppure la persone che sta con lei che vede.. anche come si… come si danno informazioni, che ha un cuore umano, che non deve far soffrire qualcuno per nulla. Io chiedo che possa ritornare a casa sua anche se non vuole stare più con suo marito, dichiarare chiaramente che io non voglio così, fa le sue cose… anche per me, per liberarmi… perché io non sono venuto in Europa per stare così a casa, sono venuto a lavorare come missionario… ma quando sto così dalla mattina fino alla sera, non so cosa fare mi fa… come persona, mi fa molto male.

Padre Gratien non è capace di dire: “Guerrina, torna a casa per tuo figlio, per tuo marito e per me” e allora intorbidisce le acque esibendosi in un’altra tirata oratoria durante la quale si dipinge come la vera vittima/protagonista di questa tragedia.

Da un punto di vista psicopatologico, Gratien è un soggetto con tratti narcistici di personalità, eccentrico, superficiale, egocentrato, un manipolatore con un’idea grandiosa di sé ed un estremo bisogno di ammirazione, è un opportunista che si è fatto frate, non perché avesse la vocazione, ma per approfittare della situazione da un punto di vista economico e per assicurarsi senza fatica rispetto e credibilità. 

Giornalista: Lei l’ha incontrata dopo la scomparsa con questo Zio Francesco?!

La domanda giusta da fare sarebbe stata: “Quando ha visto Guerrina per l’ultima volta?”,  il giornalista non avrebbe dovuto introdurre il fantomatico Zio Francesco ma lasciare il compito all’Alabi.

Padre Gratien: Eh… come ho detto quello… eeeh… non posso dire nulla nel senso che con il mio avvocato, che è più giovane di me ma un ragazzo bravissimo, intelligente, saggio che abbiamo fatto questa… ha fatto la proposta di questa scelta di non rispondere, il fatto che ho già detto tutto quello che conosco…

Padre Gratien non risponde a tono ma parla del suo legale e della scelta di avvalersi della facoltà di non rispondere attribuendola in toto all’avvocato Luca Fanfani e cercando di far passare il messaggio che lui, nonostante tutto, non ha nulla da nascondere. 

Il frate congolese, dopo aver finto di collaborare nelle prime fasi dell’inchiesta, nel solo intento di depistare, in seguito alla sua iscrizione nel registro degli indagati, si è avvalso della facoltà di non rispondere, comportamento quantomeno disdicevole per un religioso e sospetto.

Ma come ha potuto pensare l’Alabi di essere così furbo da riuscire a depistare gli inquirenti? Padre Gratien è un bugiardo abituale con un’alta opinione di sé e delle proprie capacità manipolatorie che ha testato, godendo di buoni risultati, fino al giorno della scomparsa di Guerrina. Questo passato di indiscutibili successi lo ha portato a credere di potersela cavare dopo aver commesso l’omicidio. La riprova che il frate gode di un’alta autostima, sono la frequenza con cui ha inviato messaggi dal telefonino di Guerrina dopo averla uccisa ed il fatto che abbia continuato a falsificare racconti surreali che hanno come protagonisti due personaggi, un venditore marocchino, amico della Piscaglia ed un fantomatico Zi’ Francesco, nel convincimento di potersi prendere gioco di tutti, familiari, giornalisti, inquirenti e magistrati.

Giornalista: Zio Francesco, ce lo descrive?

Padre Gratien: Sì, per come ho detto, per tutte queste cose voi potete, per cortesia… io vi chiedo di parlare con il mio avvocato perché secondo me, con quello che abbiamo già deciso anche lunedì…

Ancora una risposta evasiva.

Giornalista: Ma esiste questo Zio Francesco?

Padre Gratien: Non rispondo, per favore, non è che nascondo qualcosa, ma come ho detto, per correttezza verso di me stesso che abbiamo fatto questa scelta di non rispondere, perché ho detto tutto quello che conosco, ma se la procura non mi crede, fino che non rispondo alla magistratura non posso rispondere a qualcuno…

Un’altra risposta evasiva.

Con la frase al negativo “non è che nascondo qualcosa”, che non ha motivo di pronunciare,l’Alabi lascia intendere l’esatto contrario.

Padre Gratien ha raccontato al collega congolese Padre Faustino di aver incontrato un certo Zi’ Francesco che avrebbe accompagnato Guerrina a Sestino il primo maggio e che in chiesa gli avrebbe riferito che la donna stava piangendo nella sua auto, era disperata e non voleva tornare a casa. A mio avviso questo racconto è in parte reale, quelle che Padre Gratien ha descritto a Padre Fuastino sono le vere condizioni psichiche della Piscaglia quel giorno, con tutta probabilità, intorno alle 15.00 di quel primo maggio, poco prima dell’omicidio, la donna piangeva, era disperata e non voleva tornare a casa. Nei racconti e negli interrogatori i colpevoli mescolano verità e fantasia per rendere le loro narrazioni o deposizioni più scorrevoli e credibili. Questa storiella di Zi’ Francesco dalla quale Mirko è escluso, avendo sempre riferito l’Alabi che l’Alessandrini si trovava al bar, affranca Mirko da un eventuale coinvolgimento nella scomparsa della moglie, se infatti l’Alessandrini fosse stato complice del frate, ne sarebbe stato partecipe.

Giornalista: Lei come sta vivendo questi momenti?

Padre Gratien: Questi momenti è un po’ difficile per me, nel senso che come lo sapete con questa vicenda della storia della scomparsa di Guerrina, che non sono titolare di questa cosa, che non sono neanche vicino o lontano per la sua scomparsa, ma… sono… ero interrogato da, come si dice, dalla magistratura due volte, ho parlato… ho parlato e ho visto che la magistratura non mi crede a quello che dico io.

“non sono titolare di questa cosa” e “non sono neanche vicino o lontano per la sua scomparsa” non sono negazioni credibili.

Padre Gratien non ha mai negato in modo credibile di saper dove si trovi Guerrina né di averla uccisa ma nonostante tutto cerca di dipingersi come una vittima degli inquirenti. 

Giornalista: Guerrina le inviava messaggi e diceva di aspettare un bimbo da lei, può dire se lei ha mai avuto rapporti con Guerrina?

La domanda giusta da fare sarebbe stata: “Che rapporti aveva con la scomparsa?”, invece il giornalista rivolge a Gratien una domanda diretta che, nonostante appaia il modo migliore di rivolgersi ad un sospettato, è purtroppo invece la peggior domanda da fare. Peraltro l’intervistatore introduce spesso, attraverso le domande, termini che viziano le risposte del frate. In caso di interviste come questa, un giornalista dovrebbe contenersi e lasciare all’intervistato il 95% della parole.

Padre Gratien: Sì, come ho detto mi dispiace di ripetere tutto la stessa cosa… perché come ho già parlato alla magistratura non posso rispondere a qualsiasi domande fuori dalla magistratura.

Gratien risponde di “Sì” e poi continua a cercare di giustificare le sue risposte evasive.

Giornalista: Se lei ha avuto un rapporto intimo ce lo può dire questo?’

Padre Gratien: (fa cenno di sì con la testa) Come ho detto che non posso rispondere, mi dispiace che la famiglia, anche per me.. ma purtroppo non posso dire nulla di quello che, come ho detto, che non posso rispondere a qualsiasi domanda perc…

Il frate annuisce, il suo linguaggio non verbale lo tradisce.

Giornalista: Lei non ha fatto del male a Guerrina?

Ancora una domanda diretta attraverso la quale peraltro il giornalista suggerisce a Gratien di negare. La regola vuole che solo alla fine di un interrogatorio o di un’intervista si facciano domande chiuse, le risposte alle domande aperte forniscono sempre molte più informazioni di quelle a domande chiuse.

Molto spesso coloro che hanno ucciso qualcuno negano di avergli fatto del male, pertanto il giornalista suggerisce di negare un qualcosa che gli assassini sono in grado di negare.

Padre Gratien: No, non ho fatto del male, con coscienza, non sono vicino né lontano da questa vicenda della sua scomparsa, non sono titolare di questa vicenda, sono corretto verso me e verso il mio Signore e nella mia coscienza…

“No, non ho fatto del male” non solo sono parole ripetute a pappagallo ma rappresentano anche una negazione non credibile.

“non ho ucciso Guerrina” sarebbe stata una negazione credibile, una negazione che Gratien non ha mai pronunciato.

Durante la trasmissione, il giornalista ha riferito che Gratien avrebbe detto: “Secondo me Guerrina è in pericolo perché io non ho più visto quell’uomo (Zio Francesco)”. Gratien con questa frase ci dice che Guerrina è morta e vuol lasciar passare il messaggio che ad ucciderla sia stato il fantomatico Zi’ Francesco.

Padre Gratien durante un’intervista rilasciata ad un’altra popolare trasmissione televisiva ha detto: L’indagine su di me è indirizzata, penso di essere vittima di un’ingiustizia… Non ho mai avuto un rapporto sentimentale con lei. Non sono mai stato innamorato di lei e spero sia ancora viva.

Si noti che Gratien non riesce a dire “sono vittima di un’ingiustizia” ma dice invece “penso di essere vittima di un’ingiustizia”, un’affermazione molto debole. 

Il frate aggiunge di non aver “mai avuto un rapporto sentimentale” con la vittima e di non essere “mai stato innamorato di lei”, ma non nega di aver avuto rapporti sessuali con lei.

CONCLUSIONI

Padre Gratien non ha negato di aver ucciso Guerrina e ha fornito risposte evasive.

Il peggior guaio dei narcisisti è l’intimo convincimento di essere più furbi degli altri. 

Leggi anche: L’omicidio di Guerrina Piscaglia

Analisi di un’intervista rilasciata da Simona Pozzi a Gianluigi Nuzzi dopo la decisione della Corte di Cassazione in merito alla richiesta di custodia cautelare in carcere

Simona Pozzi

I PM Alberto Nobili e Antonia Pavan, della procura di Milano, ritengono che Simona Pozzi sia la mandante dell’omicidio di suo padre Maurizio pozzi, 69 anni, ucciso il 5 febbraio 2016, a Milano, nel suo appartamento di via Gian Rinaldo Carlo. Sul corpo di Maurizio Pozzi, il medico legale ha rinvenuto otto ferite lacero contuse alla testa.

Il 16 novembre 2018, la Corte di Cassazione si espressa in merito alla richiesta di custodia cautelare in carcere per Simona Pozzi da parte Tribunale del Riesame di Milano annullando con rinvio ad un nuovo giudizio del Riesame. Pochi giorni dopo, la Pozzi ha rilasciato al giornalista Gianluigi Nuzzi la seguente intervista:

Gianluigi Nuzzi: Signora l’ho sentita… ho sentito la telefonata dove le parole erano miste a lacrime e a quasi una incredulità, lei pensava di finire in carcere?

Simona Pozzi: Sì, ma più che altro perché non ho sentito i miei avvocati molto sicuri quando sono usciti dall’aula e quindi la cosa mi aveva un po’ agitato.

L’uso delle parole “più che altro” ci rivela che la Pozzi non temeva di finire in carcere solo per aver percepito l’insicurezza dei suoi avvocati.

Gianluigi Nuzzi: L’aveva messa in ansia.

Simona Pozzi: Sì.

Gianluigi Nuzzi: Ma lei veramente aveva pensato di togliersi la vita, come una volta m’ha detto… con sua figlia di buttarsi dal balcone?

Simona Pozzi: Io non ho mai detto questo, ho detto che mia figlia di fronte alle domande, anche dei professori che son venuti a conoscenza della cosa e quindi gli chiedevano: “Ma con chi starai? Con la nonna… con il papa?”, lei rispose “Io non starò con nessuno perché se vengono a prendere mia mamma… o ci diamo la mano o mi butto giù io”. E non nego che sabato mattina ho trovato una lettera di mia figlia dove c’era scritto questo. Motivo per il quale… sono uscita di casa e sono andata in chiesa e nonostante si dica che non è in chiesa che mi devo sciacquare l’anima perchè (incomprensibile) cose…(interrotta).

Purtroppo Nuzzi inspiegabilmente interrompe la Pozzi, la quale fa in tempo ad ammettere “mi devo sciacquare l’anima”. 

Gianluigi Nuzzi: Lasci stare le voci le chiacchiere non mi interessano degli altri (incomprensibile) le sue parole.

Simona Pozzi: Io credo in Dio eee credo che mio papà da lassù mi sta proteggendo e lo dimostra il fatto che per ora sono libera.

Il fatto che la Pozzi senta il bisogno di aggiungere “per ora” a “sono libera” è un segnale della consapevolezza della stessa che in futuro potrebbe non esserlo.

Gianluigi Nuzzi: Che rapporto aveva lei con suo papà?

Simona Pozzi: Sicuramente conflittuale ma perché mio papà era una persona morbosa, gelosissima di me, aveva riposto in me forse tutto ciò che lui da giovane non era… riuscito a fare e quindi… ci si scontrava.

Gianluigi Nuzzi: Le faceva mai un complimento?

Simona Pozzi: Poche volte ma di me parlava spesso e volentieri molto bene con un suo carissimo amico che non c’è più.

Gianluigi Nuzzi: Ma alzava mai le mani?

Simona Pozzi: No, cioè, vabbe’, lo schiaffo magari, see riteneva opportuno darmi uno schiaffo, quello sì.

Gianluigi Nuzzi: Ha mai avuto  delle attenzioni nei suoi confronti?

Simona Pozzi: Assolutamente e di fronte a queste accuse mi sono abbastanza inorridita.

“Assolutamente” non è una negazione credibile. “No” sarebbe stata una negazione credibile. Il fatto che la Pozzi aggiunga “abbastanza” ad “inorridita” indebolisce la sua affermazione.

Gianluigi Nuzzi: E nei confronti di altri?

Simona Pozzi: Assolutamente.

“Assolutamente” non è una negazione credibile. “No” sarebbe stata una negazione credibile.

Gianluigi Nuzzi: Con sua madre aveva un atteggiamento di equilibrio o…? 

Simona Pozzi: Sì, però quando si arrabbiava era uno che doveva sfogare la sua rabbia, cioè quindi… o effettivamente si metteva a gridare ooo… se aveva in mano una ciabatta la lanciava, però voglio dire, non è scusabile nulla, però ognuno di noi ha le sue reazioni, cioè, c’è chi prende e esce di casa e va a farsi un giro e c’è chi invece… io sono un po’ come lui, abbastanza… di pancia.

Gianluigi Nuzzi: Però lei lo voleva uccidere prima.

Simona Pozzi: No, assolutamente, questo è quello che si dice poi…

La risposta “No”, se non fosse stata seguita da altre parole, sarebbe stata una negazione credibile mentre “No, assolutamente, questo è quello che si dice poi…” non è una negazione credibile, peraltro, dopo il “poi”, la Pozzi si autocensura. 

Gianluigi Nuzzi: (…) il sangue c’era o no? E come spiega questa antinomia, questa contraddizione?

Simona Pozzi: No. Io ero in macchina, mia mammaa mi ha chiamata disperata, agitata: “Chiama un’ambulanza, vieni a casa, papà è stato male”… mmm… d’istinto mi è venuto di dire questa cosa, cioè, poi, sinceramente, anche il fatto degli occhiali o non degli occhiali, cioè tante cose possono non quadrare, però…

La Pozzi chiamò il 118 da casa e dopo essersi assicurata delle condizioni del padre, un dato che emerge con forza dall’analisi del contenuto della telefonata stessa.

La Pozzi ammette che tante cose non quadrano e poi, dopo aver detto “però”, torna ad autocensurarsi.

Gianluigi Nuzzi: Lei ha dato le chiavi di casa a qualcuno?

Simona Pozzi: No, non era nostra origine lasciare le chiavi di casa a… a terze persone.

La risposta “No”, se non fosse stata seguita da altre 13 parole, sarebbe stata una negazione credibile. La Pozzi ha aggiunto 13 parole per tentare di convincere il suo interlocutore.

E’ peraltro interessante il fatto che la Pozzi non parli per sé ma al plurale, mostrando di avere bisogno di “nascondersi nella folla” e che, riguardo alla chiave di casa, non si riferisca alla sera dell’omicidio ma ad una abitudine della famiglia. 

Si noti la collocazione della pausa “a… a terze persone”.

In un’intervista precedente Simona Pozzi invece di negare di aver dato le chiavi al sicario lo ha ammesso: “Sì, proprio così, in quanto sostengono che sicuramente sono stata io a dare le chiavi al… a questo sicario che doveva eseguire questo lavoro, però le chiavi io le avevo e le ho consegnate spontaneamente in questura quella notte e loro non me le stavano neanche chiedendo, copie non ne ho fatte, mi risulta che siano andati ovunque a chiedere quindi…”.

La Pozzi ha inoltre riferito alla giornalista di aver consegnato spontaneamente a chi indagava le chiavi di casa la notte stessa dell’omicidio. Ogni gesto spontaneo va analizzato sotto la lente d’ingrandimento. In ogni caso, il fatto che Simona Pozzi fosse in possesso delle chiavi dopo l’omicidio non permette di escludere che la stessa possa averle consegnate a qualcuno poco prima del delitto e che questo soggetto gliele abbia lasciate da qualche parte subito dopo, peraltro poco prima del delitto, dopo l’uscita del padre, anche Simona Pozzi uscì dal negozio per circa 15 minuti.

Gianluigi Nuzzi: E come ha fatto allora? Allora vuol dire che è entrata lei?

Simona Pozzi: No… mmm… io non s… cioè… entrata io, no, perché ho un movente fortissimo, cioè ho un… come si dice… un alibi fortissimo, che è quello del negozio, quello di aver tenuto gli scontrini casualmente.

Simona Pozzi risponde in ritardo rispetto al solito e mostra di essere in difficoltà.

Si noti che a Simona Pozzi sfugge “ho un movente fortissimo” 

Il fatto che la Pozzi poi si corregga dicendo “cioè ho un… come si dice… un alibi fortissimo, che è quello del negozio, quello di aver tenuto gli scontrini casualmente”, per l’uso rivelatore dell’avverbio “casualmente”, ci induce a sospettare che la Pozzi avesse un motivo per tenere da parte gli scontrini che potrebbe essere: crearsi un alibi per l’ora del delitto.

L’aver conservato gli scontrini relativi alla sua uscita di quella sera, avvenuta peraltro in concomitanza con l’omicidio del padre e l’aver consegnato spontaneamente a chi indagava le chiavi di casa la sera stessa dell’omicidio sono due fatti sospetti. 

Gianluigi Nuzzi: E meno male che ce l’ha. 

Simona Pozzi: E meno male che ce l’ho, sennò ero già in carcere, visto che sempre e solo su di me si è indagato, quindi…

La Pozzi torna ad autocensurarsi dopo il “quindi”.

Gianluigi Nuzzi: (…) però lei dovrebbe essere il primo ad alzare la mano e dire agli inquirenti: Andate a cercare a, b, c e d, invece è lei sul banco degli imputati. Perché non ha alzato mai la mano?

Simona Pozzi: Perché non mi è stato chiesto, son sempre stata (interrotta).

Purtroppo Nuzzi interrompe ancora la Pozzi.

Gianluigi Nuzzi: Allora chi è stato ad uccidere suo padre?

Simona Pozzi: No, questo non lo posso sapere. Non sono io che devo rispondere (interrotta). 

Purtroppo Nuzzi interrompe ancora la Pozzi.

Gianluigi Nuzzi: Qual’è la pista da imboccare?

Simona Pozzi: Ma potrebbero essercene tantissime di piste, che sono quelle che vanno oltre a dire che, per nesso logico, siccome Si… Simona aveva dei debiti e ha defraudato il patrimonio familiare, per forza è stata lei perché in Italia tutti quelli che hanno i debiti e usano i soldi di famiglia con conti cointestati, quando non ce la fanno piùammazzano il padre, oggi io chiedo a voi che, comunque sia, per una volta posso parlare, una volta che io ho ammazzato mio papà, ad oggi chiedo, giusto? La mia vita in che cosa è migliorata? Visto che sono tre anni che io vivo un incubo, lo vive mia mamma, lo vive mia figlia, lo vive il mio ex marito, lo vive la famiglia del mio ex marito e quelle poche persone che sanno chi è Simona e che credono in me.

Le tirate oratorie sono cariche di informazioni di vitale importanza per le indagini e vi si trovano spesso delle ammissioni.

Questa volta Nuzzi non ha interrotto la Pozzi, ma ha lasciato che parlasse, ed è stato ripagato, infatti quella in cui si è appena cimentata la Pozzi è una tirata oratoria oltremodo incriminante.

“Simona aveva dei debiti e ha defraudato il patrimonio familiare ” sono due ammissioni tra le righe.

“quando non ce la fanno più, ammazzano il padre” è un’affermazione interessante in merito ad un potenziale movente.

La Pozzi con la fase “comunque sia” allude ad una possibilità.

“una volta che io ho ammazzato mio papà” è un’altra ammissione.

Gianluigi Nuzzi: Simona guardi io le devo dire questo, qualche dubbio su di lei ci può essere anche perché nel precedente nel… ci sono degli episodi. 

Simona Pozzi: Sì.

Si noti che Simona Pozzi non nega di aver tentato di uccidere suo padre in precedenza anzi conferma.

Gianluigi Nuzzi:… che non erano proprio di un amore idilliaco. Cioè ci sono dei testimoni che la indicano come la mandante, che lei avrebbe ingaggiato delle persone per far fuori suo padre, che è una cosa che non succede proprio in tutte le famiglie.

Simona Pozzi: Certo.

Si noti ancora che Simona Pozzi non nega di aver tentato di uccidere suo padre in precedenza anzi conferma.

Gianluigi Nuzzi: Simona, dove stava andando suo papà?

Simona Pozzi: Penso a casa.

Gianluigi Nuzzi: E perché va dalla parte diversa rispetto a quella consueta?

Simona Pozzi: Non lo so, non spetta a me, sennò facevo un altro lavoro (ride) cioè… 

Simona Pozzi prende le distanze dai fatti e si esibisce in una risata fuori luogo.

Gianluigi Nuzzi: Sì, ma è la verità sulla morte di suo padre.

Simona Pozzi: Ma certo, ma io… non spetta a me però, non… non sta a me portare delle piste alternative, cioè, io quello che non… non riesco a capire in tutta questa situazione, dalla notte stessa in cui siamo stati portati in questura, le dita sono state puntate solo su di me. 

Gianluigi Nuzzi: (…) lei invece mi dice: “No, ma chi ha ucciso mio padre, ma non lo so, non spetta mica a me”.

Simona Pozzi: Ma non mi è mai stato chiesto, cioè io… io non sono mai stata… eh, non devo chiamare io il PM e dirgli “Cosa ne pensa Pavan se magari insieme troviamo una pista alternativa?”

Gianluigi Nuzzi: Lei ha più pensato a difendere sé o a trovare la verità su suo padre?

Simona Pozzi: Entrambe le cose, a difendere me, perché per come sono cresciuta e per i miei principi morali e per come voglio che cresca mia figlia, non ci sta che io da tre anni sia sulla bocca di tutti e sto passando come il mostro, come la persona fredda che non… non ha un minimo di pentimento o robe del genere, cioè, ognuno di noi poi al dolore reagisce in maniere diverse.

Durante questo sermone la Pozzi tenta di descriversi come un “good guy”, si tratta del “good guy/bad guy factor” in Statement Analysis, solo un “bad guy” sente il bisogno di descriversi come un “good guy”.

Gianluigi Nuzzi: (incomprensibile)

Simona Pozzi: No, purtroppo è emerso anche questo, che la mia freddezza dimostra che io sono per forza l’unica persona che può aver voluto questo, non è vero, non è vero.

Quest’ultima risposta non rappresenta una negazione credibile, anzi la mia freddezza dimostra che io sono per forza l’unica persona che può aver voluto questo” è un’ammissione.

Una negazione credibile è una negazione spontanea composta da tre componenti:

  1. il pronome personale “io”;
  2. l’avverbio di negazione “non” e il verbo al passato “ho”, “non ho”;
  3. l’accusa “ucciso x”.

Se una negazione ha più o meno di tre componenti non è una negazione credibile.

La frase “io non ho ucciso mio padre” o quella “io non ho fatto uccidere mio padre”, accompagnata dalla frase “io ho detto la verità”, in riferimento a “io non ho ucciso mio padre” o a “io non ho fatto uccidere mio padre”, nel 99% dei casi sono la verità.

CONCLUSIONI

Durante questa intervista, Simona Pozzi:

  1. non ha mai negato di essere l’esecutore o il mandante dell’omicidio di suo padre Maurizio;
  2. ha più volte nascosto delle informazioni, autocensurandosi;
  3. ha fatto ricorso a tirate oratorie e sermoni mostrando così di non potersi avvalere della protezione del cosiddetto “muro della verità” che è una potente ed impenetrabile barriera psicologica che posseggono coloro che dicono il vero e che gli permette di rispondere con poche parole perché non sentono il bisogno di convincere nessuno;
  4. si è lasciata andare a numerose ammissioni: “mi devo sciacquare l’anima”, “ho un movente fortissimo”, “Simona aveva dei debiti e ha defraudato il patrimonio familiare”, “quando non ce la fanno più, ammazzano il padre”, “una volta che io ho ammazzato mio papà” e “la mia freddezza dimostra che io sono per forza l’unica persona che può aver voluto questo”;
  5. ha cercato di rappresentarsi come un “good guy”.

Leggi anche: Omicidio Maurizio Pozzi: analisi di uno stralcio della telefonata al 118 di sua figlia Simona e di stralci di interviste da lei rilasciate

Omicidio di Eligia Ardita: analisi della telefonata di Christian Leonardi al 118

Christian Leonardi ed Eligia Ardita

Christian Leonardi è accusato di aver ucciso sua moglie Eligia Ardita, un’infermiera di 35 anni all’ottavo mese di gravidanza. Il Leonardi ha prima confessato l’omicidio e ha poi ritrattato. Secondo i medici legali Veronica Arcifa e Giovanni Bartoloni che hanno eseguito l’autopsia “la causa ed il mezzo della morte di Eligia Ardita sono riconducibili ad un meccanismo patogenetico da asfissia meccanica violenta verosimilmente da soffocamento con compromissione polmonare e cardiaca”, una causa di morte che si accorda perfettamente con il racconto dell’omicidio che il Leonardi ha fatto al magistrato durante la confessione.

La telefonata di Christian Leonardi, marito di Eligia Ardita, al 118, è delle ore 23:23 del 19 gennaio 2015:

Operatore: 118, operatore 81. 

Christian Leonardi: Sì, buonasera, mi chiamo Leonardi Christian, cortesemente, mi dovete mandare un’autoambulanza velocemente perché c’ho mia moglie incinta (incomprensibile).

Si noti che Leonardi riferisce il proprio cognome e poi il proprio nome all’operatore ma non fa altrettanto riguardo a sua moglie che introduce semplicemente con un “mia moglie”.

Christian Leonardi, prima della richiedere un’ambulanza, saluta con un “Sì, buonasera” e poi aggiunge “cortesemente”. I convenevoli sono inaspettati in una richiesta di soccorso in quanto servono semplicemente a chi chiama per ingraziarsi l’operatore e generalmente celano delle responsabilità. In questo caso il desiderio di accattivarsi l’operatore del 118 è una priorità per Leonardi che solo in seconda battuta  chiede “un’ambulanza velocemente”.

Operatore: Lei chiama… da dove? Da dove chiama?

Christian Leonardi: Da Siracusa, da Siracusa.

Operatore: Che via è?

Christian Leonardi: Via Calatabiano… Non respira, in poche parole.

Si noti la frase “in poche parole” che presuppone che ci sia altro da riferire ma che sia stato lasciato fuori.

Operatore: Come non respira?

Christian Leonardi: Non respira, non respira, respira mo… molto a fatica.

Operatore: A che mese di gravidanza?

Christian Leonardi: Ottavo mese.

Operatore: È cosciente? Parla?

Christian Leonardi: No, no, no, no, no, no, no.

Operatore: Non parla?

Christian Leonardi: No, no, no.

Operatore: Ma da quanto tempo?

Christian Leonardi: Ora, ora è successo, ora, mi sono svegliato ora proprio.

Si noti che il Leonardi ripete l’avverbio di tempo “Ora” per quattro volte e infine lo accompagna a “proprio” mostrando un bisogno di convincere l’operatore che le difficoltà respiratorie della moglie siano appena iniziate; queste ripetizioni lasciano intendere il contrario ovvero che ci sia stato un ritardo nell’allertare i soccorsi da parte del Leonardi.

Quando l’uomo ha cercato di ritrattare ha confermato questo ritardo: “La sera del 19 gennaio 2015 verso le 23 e 05 sentivo mia moglie che respirava male, come un rantolo, e dissi: “Amore, che hai?”. Non ricevendo risposta, saltai dal letto e accesi la luce, la televisione si era spenta con il timer, mia moglie distesa sul letto non dava risposta ai miei insistenti richiami “Amore che hai? Eligia, rispondimi”. Alché, presi il telefonino e chiamai il 118 spiegandogli che mia moglie non respirava, respirava molto a fatica e che era all’ottavo mese di gravidanza”. E’ il Leonardi a riferire che le difficoltà respiratorie della moglie datavano quantomeno dalle 23:05, l’uomo chiamò però il 118 quasi 20 minuti dopo, alle 23:23. 

“mi sono svegliato ora proprio” è una frase ricorrente nelle telefonate di soccorso e viene generalmente pronunciata nell’intento di crearsi un alibi.

Operatore: Allora via Calatabiano, numero?

Christian Leonardi: Quattro.

Operatore: Quattro, famiglia?

Christian Leonardi: Leonardi Cristian.

Operatore: Va bene, le faccio arrivare un’ambulanza al più presto.

Christian Leonardi: Grazie mille.

Si notino le parole “Grazie mille” che rappresentano ulteriori convenevoli che servono al Leonardi per continuare ad ingraziarsi l’operatore.

Operatore: Prego.

CONCLUSIONI

La telefonata di Christian Leonardi al 118 è in linea con la sua confessione, non con la ritrattazione della stessa. Il Leonardi, durante la telefonata:

  1. si è perso in convenevoli, un comportamento anomalo viste le drammatiche condizioni di sua moglie che verrà trovata in arresto cardiaco dai soccorritori;
  2. quando ha detto “Non respira, in poche parole”, ha mostrato di nascondere delle informazioni ;
  3. ci ha rivelato di aver chiamato il 118 in ritardo quando ha ripetuto per tre volte l’avverbio “Ora”;
  4. si è precostituito un alibi dicendo “mi sono svegliato ora proprio”.

Nelle chiamate di soccorso fatte per essere d’aiuto a qualcuno e non per apparire un “bravo ragazzo” e precostituirsi un alibi, si ascoltano frequentemente parolacce ed imprecazioni e spesso chi chiama non solo non saluta l’operatore ma comincia a parlare prima di essere interpellato o sovrappone la propria voce a quella del suo interlocutore. 

– Confrontiamo l’esordio della telefonata di Leonardi, in cui compaiono le parole “Sì, buonasera” e cortesemente”, con quello della chiamata al 118 effettuata da Bernardo Mingrone nel caso del suicidio di David Rossi:

Operatore: 118?

Bernardo Mingrone: Deve mandare subito a Siena, Rocca Salimbeni… subito un’ambulanza.

La richiesta di soccorsi di Mingrone è immediata e concisa e non sono presenti convenevoli.

– Confrontiamo ora la risposta del Leonardi al 118 con l’esordio della chiamata al 118 effettuata da Antonio Ciontoli, condannato in primo grado per l’omicidio (colposo) di Marco Vannini:

Operatrice del 118: 118 romana, salve, buonasera.

Antonio Ciontoli: Eh, buonasera, senta c’è un’emergenzaaa a via Alcide De Gasperi a Ladispoli.

(…)

E con l’esordio della chiamata al 118 di Federico Ciontoli, condannato per concorso in omicidio colposo:

Operatrice del 118: 118, Roma.

Federico Ciontoli: Eee… buonasera, mi serve urgentemente un’ambulanza a Ladispoli.

(…)

E con le parole di Maria Pezzillo, condannata per concorso in omicidio colposo. la donna, madre di Federico Ciontoli interloquì con l’operatrice del 118 durante la telefonata fatta da suo figlio:

Maria Pezzillo Ciontoli: No, eh stava facendo… ee… il bagno, il ragazzo stava nella vasca… Si è ripreso? Aspè… mmm… stava facendo la… la… stava facendo il bagno, stava nella vasca… è entrato… non serve. Vabbè eee, nel caso richiamiamo.

Operatrice del 118: D’accordo, Grazie.

Maria Pezzillo Ciontoli: Grazie.

(…)

Si noti che tutti e tre i componenti della famiglia Ciontoli si sono sperticati in convenevoli.

– Confrontiamo ora l’esordio della telefonata del Leonardi con gli esordi delle due telefonate di soccorso fatte da Raffaele Sollecito, la mattina del 2 novembre 2007, alla presenza di Amanda Knox, pochi minuti prima della scoperta del corpo di Meredith Kercher. Sollecito fece due chiamate al 112, una alle 12.51.40 e la seconda alle 12.54.29. Le telefonate di Sollecito sono da collocarsi temporalmente dopo l’arrivo della polizia postale che raggiunse il luogo dell’omicidio in seguito al ritrovamento dei telefonini della vittima.

PRIMA TELEFONATA:

Sollecito: Eh, pronto, buongiorno, senta ehm…. qualcunooo è praticamente entratoo in casa sfondando la finestraaa ee ha messo mo.. molto disordine e c’è una porta chiusa, la via è mm.. (suggerimento di Amanda)  … via della pergola 7.

(…)

Sollecito: No, non… non c’è il furto… hanno rotto la finestra… i vetri…  molto disordine… c’è pure una portaaaa… chiusa… pure disordine.

(…)

Sollecito: Si vede dai segni… poi c’è, c’è… ci sono pure macchie di sangue nel bagno.

(…)

SECONDA TELEFONATA:

Operatore: Carabinieri, Perugia.

Sollecito: Sì, salve. Ho chiamato due secondi fa praticamente.

(…)

Sollecito: Non hanno portato via niente, il problema è che c’è una porta chiusa… ci sono macchie di sangue.

Operatore: C’è una porta chiusa. Qual è la porta chiusa?

Sollecito: Di una delle coinquiline che non c’è e non sappiamo dove sia…

(…)

Operatore: Arrivederci.

Sollecito: Arrivederci.

Sollecito si è intrattenuto in convenevoli sebbene, seppure tardivamente, lo stesso abbia descritto una situazione al limite del drammatico per la presenza di tracce di sangue, disordine e per l’incapacità di contattare Meredith la cui porta della stanza era chiusa a chiave. 

Analisi delle dichiarazioni di Filippo Magnini

Filippo Magnini

La prima sezione del Tribunale Nazionale Antidoping ha riconosciuto l’ex nuotatore azzurro, Filippo Magnini, colpevole di aver violato l’articolo 2.2 del codice WADA (Uso o tentato uso di una sostanza vietata o di un metodo proibito da parte di un Atleta) e lo ha squalificato per 4 anni. Il procuratore Pierfilippo Laviani aveva chiesto una squalifica di 8 anni.

Il 6 novembre 2018, dopo la sentenza, Magnini ha dichiarato: “È una sentenza che era già scritta e per questo sono incazzato nero. Il procuratore Laviani mi ha detto al processo, sbattendo i pugni sul tavolo: “Basta, ormai questa è una questione personale”. Parliamo di un accanimento, di una forzatura. Non ci sono prove, anzi le prove dimostrano il contrario. Faremo sicuramente ricorso. Pensare che un procuratore, al quale è stato dato pieno potere, possa agire con queste parole senza alcuna ripercussione, fossi il Coni mi arrabbierei parecchio. Nella giustizia ordinaria non ci potrebbe essere. Questa è una cosa molto grave. Ci sono state molte irregolarità, abbiamo le prove ma le diremo nelle sedi giuste. Ma sono molto deluso da questa giustizia sportiva che non chiamo nemmeno più così. Perché è successo? Ho pensato di tutto, che il mio movimento “I’m doping free” possa aver dato fastidio a qualcuno o che io potessi essere una pedina per colpire qualcuno più importante. Di certo qua non parliamo di un pregiudizio nei miei confronti, ma di una persecuzione. Faccio mia, perché mi ci rivedo molto, una frase molto importante e bella di Cristiano Ronaldo riguardo le accuse di stupro che gli sono state rivolte. Lui ha detto “Sono un esempio nello sport” e lo sono anche io. Ho una bellissima famiglia e una ragazza che mi segue in tutto e che amo. Non mi faccio toccare minimamente dalle cose ridicole che dice certa gente, di cui non ho alcuna stima”.

Dopo la sentenza ci saremmo aspettati che Filippo Magnini negasse in modo credibile di aver violato l’articolo 2.2 del codice WADA. La frase “io non mi sono dopato”, seguita dalla frase “ho detto la verità”, avrebbe rappresentato una negazione credibile. E invece Magnini ha scelto la via del sermone. 

In tre occasioni, Magnini si è dipinto come un bravo ragazzo:

  1. lo ha fatto quando ha ricordato il suo movimento “I’m doping free”; 
  2. quando ha riferito di essere“un esempio nello sport”;
  3. e quando ha detto “Ho una bellissima famiglia e una ragazza che mi segue in tutto e che amo” come Cristiano Ronaldo.

Si tratta del “good guy/bad guy” factor in Statement Analysis, solo un “bad guy” sente la necessità di rappresentarsi come un “good guy”.

Magnini ha scelto di tentare di convincere della sua estraneità ai fatti per i quali è stato squalificato attraverso un sermone di 238 parole mentre avrebbe potuto negare in modo credibile utilizzandone solo 9. 

Filippo Magnini ha scelto la via del sermone perché non può avvalersi del cosiddetto “muro della verità” che è una potente ed impenetrabile barriera psicologica che posseggono coloro che dicono il vero e che gli permette di ribattere alle accuse con poche parole perché non hanno bisogno di convincere nessuno.

Vediamo cosa aveva dichiarato Magnini nel giugno 2018, dopo la richiesta di squalifica di otto anni da parte della Procura Nazionale Antidoping:

Magnini: “Dopo tutta la collaborazione prestata nelle indagini in questi otto mesi di strazio per me, leggo il mio nome ancora sbattuto in prima pagina accostato alla parola doping nonostante, ripeto, la Procura della Repubblica di Pesaro abbia già chiuso il caso dichiarandomi totalmente estraneo ai fatti. Dopo otto mesi di silenzio, oggi, la mia anima ribolle perché questa indagine è vergognosa e perché la conclusione, che la Procura antidoping ha fatto propria su fatti che ho circostanziatamente smentito e ri-smentito, è l’essenza dell’ingiustizia più evidente. Al momento opportuno e nelle sedi preposte, tramite i miei legali, porterò alla luce le gravi manomissioni e il tentativo di muovere a mio carico accuse prive di fondamento che hanno caratterizzato questa indagine-farsa a mio danno. Ora posso tornare sereno nel mio silenzio “giudiziario” per rispettare, ancora una volta la funzione del Tribunale che giudicherà simili richieste di squalifica. Ma soprattutto posso continuare orgogliosamente e coraggiosamente, anche a dispetto di chi vorrebbe farmi tacere, ad alzare la mia voce e il mio ventennale esempio agonistico contro il doping. Il 2 ottobre scorso (8 mesi fa!), la prima convocazione della Procura antidoping. Mai prima d’ora, in 20 anni di carriera sportiva ai massimi livelli, era mai comparso il binomio Magnini-doping se non per le mille battaglie proprio contro il doping alle quali ho prestato la mia immagine e la mia anima. Nella prima audizione il 30 ottobre ho dato puntuale e totale riscontro ai Procuratori Antidoping sui fatti rilevati dalla giustizia ordinaria penale per la quale non sono mai stato indagato e che comunque ha PROSCIOLTO la mia posizione non avendo mai indicato il mio nome nelle sue richieste di giudizio. Poi una seconda audizione (sei mesi dopo la prima) nella quale la Procura antidoping mi ha interrogato sugli stessi identici fatti di 6 mesi prima. Anche in questo caso ho risposto e ribattuto punto per punto ogni pretesa contestazione. Otto mesi da mostro in prima pagina, che ho affrontato nella consegna del più serrato silenzio per il rispetto innato che ho dell’attività e della funzione degli inquirenti sportivi. Oggi la richiesta della Procura antidoping di O-T-T-O anni di squalifica. Ora parlo io!”.

Anche dopo la richiesta di squalifica, Filippo Magnini, invece di negare in modo credibile, ha scelto la via del sermone. Ha scelto di proferire 351 parole per tentare di convincere di essere estraneo ai fatti mentre avrebbe potuto semplicemente dire “io non mi sono dopato” e poi aggiungere “ho detto la verità”.

Anche in questo caso Magnini ha provato a dipingersi come un “good guy” attraverso le seguenti parole “Mai prima d’ora, in 20 anni di carriera sportiva ai massimi livelli, era mai comparso il binomio Magnini-doping se non per le mille battaglie proprio contro il doping alle quali ho prestato la mia immagine e la mia anima”.

Il 15 giugno 2018 Magnini attraverso questo comunicato ha fatto sapere che non avrebbe partecipato ad un reality show: “A seguito di note vicende personali che mi vedono coinvolto, con grande dispiacere, ho deciso di rinunciare a partecipare alla settima edizione di ‘Pechino Express’. In questo momento devo concentrare tutte le mie energie per difendermi da accuse mosse dalla Procura Antidoping per le quali sono già stato assolto dalla giustizia ordinaria. Mi auguro che questa situazione possa risolversi rapidamente dimostrando per l’ENNESIMA volta la mia totale innocenza. Ebbene si… ci sono delle priorità.. ho capito che non sono davanti ad una semplice indagine e lo dimostrerò a tutti, quindi ho preso la mia decisione. Io parlerò nelle apposite sedi rispettando per l ennesima volta le regole, al contrario di tanti altri che tentano di diffamarmi. Devo dire che mi dispiace molto, per me, per lo SPORT e per l’ITALIA stessa. Faccio un grosso in bocca al lupo a tutti, staff compreso di Pechino Express. Grazie a Rai e Magnolia”.

In questo comunicato, Magnini ha provato a negare.

Mi auguro che questa situazione possa risolversi rapidamente dimostrando per l’ENNESIMA volta la mia totale innocenza” non è una negazione credibile perché dirsi innocenti non equivale a negare un’azione e in ogni caso Magnini, nel giugno 2018, innocente de iure lo era pertanto per lui non era difficile parlare della sua “innocenza”. 

Gli analisti americani dicono “If a subject is unwilling or unable to say he did not do it, we are not permitted to say it for him”*.

* Se un soggetto è incapace di negare o non vuole farlo, noi non siamo tenuti a farlo per lui.

Leggi anche: Analisi delle dichiarazioni rilasciate da Alex Schwazer alla stampa

Questo articolo è stato pubblicato su Le Cronache Lucane.